Vino, Remaschi da domani un viaggio nelle realtà produttive. Si parte da Bolgheri

FIRENZE – Un viaggio sul territorio per incontrare i protagonisti e approfondire le questioni legate al mondo del vino in Toscana.

E' questo uno dei primi impegni del nuovo assessore regionale all'agricoltura e foreste Marco Remaschi che incomincia domani con la prima tappa di un percorso che si snoderà in tutta la Toscana e che mira ad avere un quadro delle questioni sul tappeto in un mondo articolato e complesso come quello della vitivinicoltura toscana, che rappresenta la punta di diamante dell'agroalimentare regionale, conosciuto e apprezzato in Italia e in tutto il mondo.

Il primo appuntamento, al quale l'assessore Remaschi dedica la giornata di domani, venerdì 17 luglio, è con la zona di Bolgheri dove l'assessore Remaschi incontrerà il Consorzio dei "vini Bolgheri" e "Bolgheri Sassicaia" e visiterà alcune aziende del territorio. Quella di Bolgheri è una delle eccellenze della Toscana, una zona dove la vitivinicoltura ha avuto uno sviluppo relativamente recente, ma dove in tempi molto rapidi si è giunti ad una qualità di altissimo livello tale da farla meritatamente considerare uno dei maggiori gioielli enologici di fama internazionale.

La settimana successiva (il 23 luglio) è stata calendarizzata una visita nella zona del Chianti classico, che può essere definita come il nucleo storico della vitivinicoltura Toscana, famosa e apprezzata nel mondo da lungo tempo. Anche in questo caso l'assessore incontrerà il Consorzio presso la casa del Chianti classico a Radda in Chianti.

Sempre nel mese di luglio Remaschi incontrerà il Consorzio del Chianti e visiterà anche in questo caso alcune aziende. La visita in programma per il 27 luglio riguarderà la zona di produzione più grande della Toscana e una delle più grandi in Italia. Infine, ultimo appuntamento prima della pausa agostana, il 31 luglio l'assessore Remaschi si recherà nella zona di produzione del Brunello di Montalcino, anche in questo caso una delle zone di produzione più celebri della Toscana, particolarmente nel mercato Usa, e incontrerà, come nelle visite precedenti, il consorzio visitando alcune aziende.

Fra gli argomenti sul tappeto, oltre a quelli che verranno posti dai produttori, ci sarà il tema della riforma dei diritti di reimpianto, in vigore da quasi 30 anni, che dal 2016 lascerà il posto al nuovo sistema delle autorizzazioni, un terreno completamente nuovo e tutto da esplorare. L'assessore illustrerà inoltre le linee di intervento che la Regione intende portare avanti per un ulteriore consolidamento e sviluppo del comparto e per la promozione sui mercati, in particolare quelli internazionali, del comparto vitivinicolo toscano.

 

I commenti sono chiusi