Vino, Remaschi visita Buy Wine: oltre 85% di aziende e buyers soddisfatto

FIRENZE – Fortezza da Basso di Firenze, il Buy Wine è iniziato. Sono le 12,30 quando l'assessore all'agricoltura della Regione Toscana entra nel padiglione che ospita 200 aziende toscane che producono vino e 240 buyers provenienti da 36 Paesi del mondo e le contrattazioni sono in pieno svolgimento. Fra i tavoli si respira aria di ottimismo, confermata anche nel giro che l'assessore Remaschi compie, soffermandosi a raccogliere le opinioni dei partecipanti.

 

C'è anche un questionario che permette di monitorare, attraverso un'apposita "app" la soddisfazione di aziende venditrici e di compratori. Il questionario, compilato in tempo reale da aziende e da buyers, documenta che l'85,5% dei buyers si dichiara soddisfatto, e anche i sellers, ossia le aziende venditrici danno un responso simile: sono soddisfatti all'85%. I votanti sono 200, in pratica il totale delle aziende e i giudizi variano da positivo, a molto positivo fino a eccellente. Alla domande se, dopo i contatti avuti nel corso della manifestazione, l'azienda ritiene che si svilupperanno rapporti commerciali, il 66,7% ha risposto affermativamente.

 

Soddisfatto anche l'assessore Marco Remaschi. "Nella maggior parte le aziende presenti al Buy Wine – sottolinea - sono piccoli produttori, e grazie a questa vetrina internazionale hanno un'opportunità di far conoscere i loro prodotti e di affacciarsi sui mercati."

 

Per l'assessore la manifestazione in corso, che si protrarrà fino a domani alla Fortezza da Basso, e continuerà con le Anteprime di Toscana (13-20 febbraio) con incontri guidati a Firenze e in alcune località della Toscana (San Gimignano, Montepulciano, Montalcino), è un esempio di promozione che vede lavorare fianco a fianco l'ente pubblico, Regione e Toscana promozione, i Consorzi e le aziende stesse. "C'è bisogno – ribadisce ancora Remaschi – di fare rete, di ragionare come sistema Toscano, e lavorare insieme sulla valorizzazione dei nostri prodotti. Questa è la chiave che porterà ricadute positive per tutti."

 

Intanto le contrattazioni proseguono. Le aziende toscane presenti provengono in gran parte da Siena e Firenze, rispettivamente con 68 e 55 produttori, seguite da: Grosseto (26), Arezzo (17), Pisa (13) Livorno (12), Pistoia (3), Prato (3) e Lucca (3).

 

Di alta e altissima qualità la maggioranza dei prodotti proposti: oltre il 63.7% delle aziende ha in catalogo vini di fascia alta, lusso o di nicchia. Il 31.3% delle aziende si colloca nella fascia media, il 4.5% ha dichiarato di avere in catalogo solo vini adatti a tutti.

 

Tutte le aziende di Buy Wine hanno forte vocazione all'export: il 96.5% è già presente su almeno un mercato. E le esportazioni, nel 52.7% dei casi, rappresentano oltre il 50% del fatturato.

 

I 240 buyer stranieri presenti sono importatori, distributori, rappresentanti della grande distribuzione ecc. Provengono da mercati come Stati Uniti (44), e Canada (39), Danimarca (11) e Germania (8) ma anche da piazze come Brasile (12), Cina (25), Australia (12), Giappone (11).

 

Nato nel 2010, Buy Wine è un evento che si è dimostrato in costante crescita. Nell'edizione 2015 sono stati circa 6000 gli incontri di business che hanno portato, nel 63% dei casi, alla stipula di contratti grazie ai quali il 46% delle aziende toscane partecipanti è riuscita ad incrementare il proprio fatturato.

 

Alla Fortezza da Basso oggi sono presenti anche una quarantina di studenti dell'Istituto Alberghiero di Montecatini, un altro tassello che sottolinea la grande complementarietà del comparto del vino con la ristorazione e il turismo.

 

Anteprime di Toscana, che inizierà domani allo Star Hotel Michelangelo di Firenze, vedrà in passerella, per operatori e giornalisti dei settore, le novità del 2015. Saranno 8 le denominazioni presenti: Morellino di Scansano, Montecucco, Vini Cortona, Vini di Carmignano, Valdarno di Sopra Doc, Bianco di Pitigliano e Sovana, Colline Lucchesi e Maremma Doc.

 

Domenica 14 febbraio, invece, sarà la volta dell'Anteprima del Chianti. Si prosegue poi con l'Anteprima Chianti Classico Collection alla Stazione Leopolda di Firenze (15-16/02), l'Anteprima della Vernaccia si terrà al Museo di Arte Moderna e Contemporanea De Grada San Gimignano (17/02) e l'Anteprima del Vino Nobile nella Fortezza di Montepulciano (18/02). Chiude la programmazione di Anteprime di Toscana: Benvenuto Brunello che si terrà il 19 e 20 febbraio presso il Chiostro del Museo di Montalcino.

 

 

 

I commenti sono chiusi