Voce ai cittadini su clima e energia. Il 6 giugno a Firenze il World Wide views

FIRENZE - Nella sala Pegaso di Palazzo Strozzi Sacrati a Firenze, sede della presidenza della Regione, tutto è già pronto: dodici tavoli apparecchiati di blu, come il cielo limpido e l'acqua del nostro pianeta visto dall'alto, centoventi posti a sedere, il grande schermo e i computer.

La Toscana non è nuova a town meeting ed eventi partecipativi. E' stata la prima Regione in Italia a scrivere una legge sette anni fa per coinvolgere i cittadini nelle decisioni prese dalle istituzioni: con dibattiti pubblici obbligatori per grandi opere sopra 50 milioni di euro.

Stavolta però il momento partecipativo è mondiale e tutto è pronto per accogliere domani, sabato 6 giugno, centoventi toscani che parleranno di clima e cambiamenti climatici, di energie alternative e di tutto ciò che l'uomo (e le nazioni) possono fare per arrecare meno danni possibili al pianeta e all'ambiente in cui vivono, per meglio preservarlo ed avanzando anche proposte concrete sulle politiche da far adottare agli Stati.

L'evento è uno dei cento appuntamenti del World Wide Views che si svolgeranno nell'intero globo nel corso della giornata, il giorno dopo la giornata mondiale del clima che c'è stata il 5 giugno. Per ognuno dei cento, le stesse trenta domande e gli stessi cinque temi sul tavolo. Sarà una tappa intermedia verso la conferenza mondiale del clima di Parigi che ci sarà a dicembre (preceduta a settembre dalla preconferenza di Roma), erede di quello che è stato Kyoto nel 1997 quando lì fu firmato il famoso protocollo sul riscaldamento globale. La Toscana è la sola Regione in Italia a partecipare, assieme all'Abruzzo arrivata solo nell'ultima fase.

I lavori inizieranno la mattina attorno alle 9.30 con i saluti dell'assessore alla partecipazione Vittorio Bugli e di due dei tre membri dell'Autorità regionale indipendente per la promozione della partecipazione: Ilaria Casillo e Giovanni Allegretti. Il confronto proseguirà fino alle 17.15.

 

I toscani attesi a Palazzo Strozzi Sacrati sono stati selezionati da un'agenzia in modo da essere un campione rappresentativo. A Firenze ci saranno anche alcuni osservatori della provincia autonoma di Trento. Tre i collegamenti video nel corso della giornata: con l'Abruzzo, il Gabon e Parigi.

 

Per saperne di più:
La stanza su Open Toscana dedicata all'evento del 6 giugno
Una tappa intermedia verso la conferenza mondiale del clima di Parigi

World wide views 2015, parola ai cittadini
La Terra (e anche la Toscana) si surriscalda. I record del 2014 nell'analisi del Lamma

I commenti sono chiusi