‘Will-Educare al futuro’ contro la disuguaglianza sociale

‘Will-Educare al futuro’ contro la disuguaglianza sociale

Un premio per i genitori che risparmiano: ogni euro moltiplicato per quattro contro la disuguaglianza sociale. Un progetto della Compagnia di San Paolo e di Fondazione CR Firenze con Fondazione Banco di Sardegna e Fondazione Cassa di Risparmio della provincia di Teramo. Fino al 31 dicembre sarà possibile presentare domanda per il bando “Will -Educare al futuro”

Secondo quanto riporta il comunicato stampa della Fondazione Cr firenze: “Mario e Francesca sono due genitori giovani; hanno un reddito contenuto e molte spese da affrontare. Hanno due figli, Chiara e Marco, e nessun aiuto familiare sul quale contare. Chiara frequenta oggi la prima media, la scuola le piace e seppur con qualche difficoltà, ha un discreto profitto. I suoi compagni hanno buoni materiali scolatici, svolgono tante attività alternative, chi fa sport, chi suona uno strumento, chi approfondisce una lingua straniera. Questo è un limite per lei: la sua famiglia non ha tanti mezzi e non può darle certe opportunità.  La vulnerabilità economica di un nucleo familiare come quello di Chiara può determinare, a volte, una condizione di concreta diseguaglianza e chissà se un giorno Chiara proseguirà gli studi o abbandonerà per cercare un lavoro.

È nota la correlazione tra povertà economica e povertà educativa, queste si alimentano reciprocamente e si trasmettono di generazione in generazione. È così che nasce ‘Will-Educare al futuro’, un progetto innovativo di contrasto della dispersione scolastica e di riduzione delle diseguaglianze sociali ideato e finanziato da Compagnia San Paolo e Fondazione CR di Firenze, con Fondazione Banco di Sardegna e Fondazione Cassa di Risparmio della provincia di Teramo e l’Impresa sociale “Con i bambini”. I figli delle famiglie che vi aderiscono, a prescindere dal reddito dei genitori, hanno la possibilità di ricevere uguali opportunità educative perché il bando vuole incentivare la continuazione degli studi per ragazze e ragazzi che appartengono a famiglie a reddito medio-basso.

I dati campione di due quartieri fiorentini evidenziano che oltre il 60% delle esenzioni richieste per i servizi scolastici proviene da famiglie con fasce ISEE al di sotto dei 15.000 euro. Nel 2017 a Firenze sono state segnalati 121 casi di dispersione scolastica, con un lieve incremento rispetto all’anno precedente: 54 provenienti dalla scuola secondaria di primo grado e ben 47 da quella primaria. A questi problemi il progetto Will intende rispondere con due linee principali incentrate sul rafforzamento dei supporti e della rete educativa e il sostegno economico.

La Fondazione Solidarietà Caritas e la CSD-Diaconia Valdese Fiorentina metteranno a disposizione la propria rete di servizi (centri diurni, laboratori sulla genitorialità, attività di informatica e potenziamento linguistico), di operatori dedicati e di volontariato per gestire le attività finalizzate alla prevenzione della dispersione scolastica (riduzione delle assenze, delle interruzioni e delle bocciature) con sostegni sia di tipo educativo che didattico e soprattutto offrendo un sostegno economico per ben 4 anni.

Il progetto Will fornirà un sostegno economico attraverso la formula dell’integrazione al risparmio (asset building): una modalità di corresponsione alle famiglie selezionate di somme di denaro in base a quanto la famiglia riuscirà a risparmiare settimanalmente, fissata in una proporzione che, a fronte di un importo risparmiato tra 1 e 6 euro, lo moltiplicherà per quattro. In altre parole, una famiglia che risparmierà in un mese 20 euro, ne avrà a disposizione automaticamente 80, per le spese scolastiche e di educazione dei figli.

Saranno spese finanziabili la copertura di costi relativi alla mensa, i mezzi pubblici, le gite scolastiche, i corsi sportivi (compreso il certificato medico), le attività di doposcuola, i corsi di teatro, musica, arte e lezioni di lingua, i materiali scolastici e informatici. Per tutta la durata del progetto sarà possibile risparmiare fino ad un massimo di 1.000,00 euro e di conseguenza il progetto fornirà al massimo 4.000,00 euro ad ogni famiglia.

La durata di quattro anni di questa iniziativa permetterà di lavorare sulle azioni di orientamento che bilancino realisticamente le aspirazioni e le potenzialità degli studenti in maniera da intraprendere positivamente il percorso degli studi superiori. Il progetto si rivolge a 100 famiglie che hanno minori che frequentano attualmente il primo anno di scuola media e un ISEE al di sotto dei 17.500 euro, oltre che la residenza a Firenze, Scandicci e comuni limitrofi.

È ancora possibile inoltrare la domanda di partecipazione tramite il sito www.progettowill.it entro il 31 dicembre.”

L'articolo ‘Will-Educare al futuro’ contro la disuguaglianza sociale proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi