Toscana: stop visite negli ospedali

Toscana: stop visite  negli ospedali

In base alla circolare inviata alle Aziende sanitarie dalla direzione sanità, welfare e coesione sociale della Regione Toscana i presidi ospedalieri e territoriali devono vietare l’accesso a visitatori e parenti salvo situazioni di particolare fragilità (debitamente vagliate e autorizzate).

L’accesso, qualora autorizzato, potrà essere concesso solo chi è in possesso del ‘green pass rafforzato’ oppure “green pass base” più una certificazione che attesti l’esito negativo di un tampone antigenico rapido o molecolare, eseguito nelle 48 ore precedenti.Le stesse strutture dovranno attivarsi per garantire una comunicazione efficace e tempestiva a familiari e care giver indicati dal paziente. E’ quanto si legge in una nota della Regione Toscana.

La circolare della direzione sanità conferma il divieto per gli accompagnatori dei pazienti di rimanere nelle sale di attesa dei dipartimenti di emergenza e di accettazione e dei pronto soccorso, salvo specifiche diverse indicazioni del personale sanitario preposto.

Sempre in Toscana si conferma l’obbligo di sottoporre i degenti a test molecolare per Sars-Cov-2 al momento dell’accesso alle strutture e ogni 7 giorni, indipendentemente dallo stato di vaccinazione. Sono previste misure per assicurare un adeguato monitoraggio, screening e per ridurre il periodo di sospensione lavorativa degli operatori sanitari.

Tutti gli esercenti le professioni sanitarie, di interesse sanitario e gli studenti tirocinanti in servizio nei setting ad alto rischio, saranno sottoposti a test antigenico rapido ogni 7 giorni, indipendentemente dallo stato di vaccinazione. Saranno tracciati, attraverso la direzione sanitaria della struttura, i contatti stretti in ambito lavorativo degli operatori che risultino positivi allo screening e sarà definito un percorso dedicato per l’esecuzione del tampone e finalizzato al rientro lavorativo.

L'articolo Toscana: stop visite negli ospedali da www.controradio.it.

Firenze: procedono lavori manutenzione presso Ponte Vecchio

Firenze: procedono lavori manutenzione presso Ponte Vecchio

I lavori sull’Arno, in riva destra, nell’area della Società Canottieri Firenze sono realizzati dal Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno su richiesta e in accordo con il Genio Civile Valdarno Superiore e hanno consistito nella riprofilatura della banca a fiume, cioè i gradoni degli argini, per ripristinare la condizione di progetto.

Durante gli interventi, è stato spiegato, sono riemersi dal fondo del fiume alcuni reperti tali da far intervenire anche la Soprintendenza, che ha classificato i resti come risalenti all’epoca romana e ha chiesto di repertoriare tutto quanto il ritrovato per poter eventualmente creare una piccola esposizione. “Questo nostro ultimo intervento ci permette, essendo giunti a fine anno, di fare anche un bilancio dei nostri lavori del 2021 – ha commentato il presidente del Consorzio di Bonifica Marco Bottino -. Un bilancio che somma a oltre 30 milioni di euro, di cui 18,7 di manutenzioni ordinarie finanziate con il contributo consortile, 2,2 milioni di manutenzione ordinarie in convenzione con la Regione Toscana e più di 10 milioni di manutenzioni straordinarie, nuove opere e sistemazioni idrauliche”.

L’assessore regionale alla difesa del suolo Monia Monni ha spiegato che “la manutenzione dei nostri fiumi è un pezzo fondamentale dell’insieme di lavori  che garantiscono la maggiore sicurezza dal rischio idrogeologico, ma non solo. Fiumi curati e manutenuti rappresentano per le città aree verdi da restituire alla cittadinanza”.

“Una giornata con una doppia valenza – ha aggiunto l’assessore all’ambiente del Comune di Firenze Cecilia Del Re -. Da un lato vogliamo illustrare tutti i lavori di bonifica e manutenzione posti in essere dal Consorzio di bonifica nell’ultimo anno. Dall’altro valorizzare proprio l’intervento su questa sponda, in un luogo così suggestivo sotto Ponte Vecchio, per renderla più funzionale alle attività che qui si realizzano e anche più bella”.

L'articolo Firenze: procedono lavori manutenzione presso Ponte Vecchio da www.controradio.it.

Vaccini anti-covid, dal 27 dicembre prenotazione terza dose per i giovani tra i 16-17 anni

Vaccini anti-covid, dal 27 dicembre prenotazione terza dose per i giovani tra i 16-17 anni

Anche in Toscana dal pomeriggio del 27 dicembre sarà possibile prenotare i vaccini sul portale della Regione (https://prenotavaccino.sanita.toscana.it/) la terza dose “booster” (di richiamo) per tutti i giovani tra i 16-17 anni.

Per quanto riguarda gli adolescenti più fragili (con elevata fragilità motivata da patologie concomitanti/preesistenti) l’estensione del vaccini interesserà anche la fascia 12-15, quindi a partire dai 12 anni in su. Lo ha stabilito una circolare odierna del ministero della Salute. Per la definizione dei soggetti con elevata fragilità, la circolare ministeriale fa riferimento all’allegato disponibile all’indirizzo https://bit.ly/32lN9T3.

Con altra circolare, sempre nella giornata di oggi, viene stabilita la riduzione dei tempi dell’intervallo temporale relativo alla somministrazione della dose “booster” di vaccini dagli attuali 5 a 4 mesi (120 giorni) dal completamento del ciclo vaccinale primario.

La data di entrata in vigore sarà stabilita dal commissario straordinario Figliuolo sulla base delle esigenze organizzative della campagna vaccinale.

L’assessorato al diritto alla salute e sanità, le strutture tecniche e le aziende sanitarie sono al lavoro per aggiornare alle nuove disposizioni l’intera offerta regionale di vaccini.

Stesse tempistiche di quelle previste per gli over 18 per la dose booster a tutti soggetti della fascia di età 16-17 anni e ai soggetti della fascia di età 12-15 anni con elevata fragilità motivata da patologie concomitanti/preesistenti. Così la circolare del ministero della Saute firmata dal direttore generale Prevenzione Gianni Rezza sull’ulteriore estensione della platea vaccinale destinataria della dose di richiamo del vaccino anti-Covid. “Visto il parere della Commissione Tecnico Scientifica di Aifa, si rappresenta che, nell’ambito della campagna di vaccinazione anti SARS-CoV-2/COVID19 – si legge nella circolare – è raccomandata la somministrazione di una dose di vaccino Comirnaty di Pfizer/Biontech, al dosaggio di 30 mcg in 0,3 ml, come richiamo (booster) di un ciclo primario, indipendentemente dal vaccino utilizzato per lo stesso a tutti soggetti della fascia di età 16-17 anni e ai soggetti della fascia di età 12-15 anni con elevata fragilità motivata da patologie concomitanti/preesistenti, con le stesse tempistiche previste per i soggetti a partire dai 18 anni di età”. “Si specifica – si legge ancora nella Circolare – che restano valide le priorità di accesso alla vaccinazione e le raccomandazioni relative ai soggetti a partire dai 18 anni di età”, trasmesse con le circolari precedenti.

L'articolo Vaccini anti-covid, dal 27 dicembre prenotazione terza dose per i giovani tra i 16-17 anni da www.controradio.it.

Gkn: Natale ih fabbrica per gli operai. Oggi incontro con Borgomeo

Gkn:  Natale ih fabbrica per gli operai. Oggi incontro con  Borgomeo

 L’imprenditore Francesco Borgomeo, secondo quanto si apprende, è arrivato da pochi minuti alla Gkn di Campi Bisenzio (Firenze) dove è previsto l’incontro con i lavoratori della fabbrica, dopo l’annuncio dell’acquisizione del 100% delle quote dello stabilimento fiorentino attraverso la società Qf Spa.

Nel pomeriggio (dalle 15) sarà l’arcivescovo di Firenze, cardinale Giuseppe Betori a far visita ai dipendenti Gkn. Intanto per Natale i lavoratori hanno deciso di fare un pranzo tutti insieme all’interno della fabbrica fiorentina: un pranzo che però sarà ristretto ai soli addetti, senza dunque ‘intrusioni’ esterne.

Ieri la Qf Spa (Gruppo Borgomeo) ha comunicato di aver acquisito il 100% di Gkn Driveline Firenze. “Fine del rischio licenziamenti. L’azienda ritira la messa in liquidazione. Viene ritirata l’impugnazione contro il ricorso vinto dai sindacati sulla vecchia procedura di licenziamento”, afferma in una nota il presidente Francesco Borgomeo.

La firma di  ieri,  ha spiegato l’imprenditore-advisor individuato da Gkn, “è un traguardo che abbiamo raggiunto grazie all’impegno di tanti, dal Cardinale di Firenze alle Istituzioni tutte, dai sindacati alla mia associazione Confindustria. I miei consulenti. Ma soprattutto ringrazio i lavoratori: hanno vissuto momenti drammatici, come possono essere soltanto quelli in cui non si conosce più il proprio destino”.

Ora, ha concluso Borgomeo, “si parte, con la stessa energia, motivazione ed ottimismo con cui ho affrontato altre crisi drammatiche e difficilissime. Sono consapevole del peso e della
responsabilità assunta, so quello che faccio e lo sapranno tutti, passo dopo passo, perché tutto sarà trasparente e condiviso. Buon Natale a tutti”.

Nella firma Borgomeo è stato assistito dai suoi consulenti Deloitte con il team di Matteo Uggetti, Gmr Partners, Decon Group, Chiomenti con il team di Edoardo Andreoli.

L'articolo Gkn: Natale ih fabbrica per gli operai. Oggi incontro con Borgomeo da www.controradio.it.

Treni, Toscana: ancora tre linee sotto l’indice di affidabilità servizio

Treni, Toscana:  ancora tre linee sotto l’indice di affidabilità servizio

A novembre 2021 tre linee non hanno rispettato il target previsto dal contratto di servizio e altre lo hanno raggiunto per un soffio: Siena-Chiusi, Pisa-Lucca-Aulla e Firenze-Borgo San Lorenzo (Via Vaglia)-Faenza.

 

Potenziare il lavoro della cabina di regia per raggiungere l’obiettivo prioritario: ridurre al minimo i disagi per gli utenti. Così l’assessore ai trasporti e alla mobilità Stefano Baccelli dopo la diffusione dell’indice di affidabilità (relativo a novembre 2021) delle linee ferroviarie regionali. Tre in particolare quelle che non lo hanno raggiunto: Siena-Chiusi, Pisa-Lucca-Aulla e Firenze-Borgo San Lorenzo (Via Vaglia)-Faenza.

“Gli utenti del servizio ferroviario – ha detto Baccelli – continuano a contattarci, a segnalarci disagi, a chiederci soluzioni. Il lavoro della cabina di regia con Rfi e Trenitalia, che ho convocato due giorni fa e che continuerà a riunirsi con cadenza regolare ogni mese, deve andare nell’unica direzione possibile: rendere il servizio sempre più efficiente e ridurre al minimo i disagi per chi ogni giorno lo usa per andare a lavorare, a studiare o semplicemente per spostarsi. Non mi stancherò di ripeterlo. E ridurre i disagi significa non soltanto eliminare i problemi strutturali ma anche informare gli utenti con tempestività in caso di disservizi”.

“La cabina di regia riunita pochi giorni fa – ha aggiunto l’assessore – ha fatto un approfondimento su due delle linee in questione, la Faentina e la Siena-Chiusi. Quest’ultima ha mancato l’obiettivo per 5 mesi su 11, non è ammissibile. Della Pisa-Lucca-Aulla ci occuperemo nelle prossime riunioni. Non dobbiamo trascurare un elemento importante: l’indice di affidabilità previsto dal contratto di servizio con Trenitalia si innalzerà progressivamente, fino al 98% nel 2024. Questo significa che la cabina di regia dovrà lavorare per trovare soluzioni tali da impedire che scatti ancora il bonus e quindi rendere il servizio davvero affidabile e regolare”.

Ricordiamo che in base al contratto di servizio tra Regione Toscana e Trenitalia, per il 2021 la soglia di affidabilità delle linee ferroviarie è fissata al 97,25%, sotto al quale gli abbonati hanno diritto ad un bonus come risarcimento per i disservizi (ritardi e soppressioni) che si sono verificati nel corso del mese. Per novembre 2021 tre sono le linee scese sotto all’indice: Firenze – Borgo S.L – Faenza (via Vaglia) 96,87%, Pisa-Lucca-Aulla 97,15% e Siena-Chiusi 96,32%. Nel 2020 il diritto al bonus scattava con un’affidabilità inferiore al 97%. Nei prossimi anni l’indice aumenterà, di volta in volta, di 0.25 punti percentuali. Dal 97,25% attuale passerà al 97,5% nel 2022. Fino al 98% nel 2024.

 

L'articolo Treni, Toscana: ancora tre linee sotto l’indice di affidabilità servizio da www.controradio.it.