Concerto di Natale al Quartiere 2

Concerto di Natale al Quartiere 2

Domenica 22 dicembre alle 21 a Settignano

Il Coro e l'Orchestra Desiderio da Settignano, in collaborazione col Quartiere 2, promuove il Concerto di Natale presso la Chiesa di Santa Maria a Settignano, in piazza Niccolò Tommaseo, 18 domenica 22 dicembre alle 21.

Il Coro e l'Orchestra Desiderio da Settignano, diretto da Johanna Knauf, proporranno musiche di Johan Svendsen, Gabriel Urbain Fauré e Charles Gounod.

Soprano Sarina Rausa, tenore Daniele Garuti, baritono Lisandro Guinis, violino solista Benedetta Servino, organo e maestro collaboratore Stefano Spinetti.

Ingresso libero. (s.spa.)

Concerto di Natale al quartiere 2

Elfi e Babbo Natale acrobatici

Elfi e Babbo Natale acrobatici scenderanno dalla Torre di Arnolfo per regalare cioccolata e caramelle.

Su iniziativa del Comune di Firenze e di Confcommercio e con la collaborazione di EdiliziAcrobatica, domenica 22 dicembre alle ore 15 Babbo Natale e gli elfi acrobatici scendono dalla Torre di Arnolfo per regalare cioccolata e caramelle ai bambini. L’appuntamento è in piazza della Signoria, nei pressi della Torre di Arnolfo di Palazzo Vecchio: tutti i bambini che lo desidereranno potranno assistere al suggestivo spettacolo di un vero Babbo Natale che, con i suoi aiutanti, scenderà dall’alto agganciato a una fune, esattamente come ogni giorno fanno i tecnici acrobati impegnati in lavori di ristrutturazione e riqualificazione sulle case e i palazzi di tutta Italia e ricevere proprio dalle sue mani dolci e piccoli regali.

Lo spettacolo che -con qualche giorno di anticipo- farà vivere ai più piccoli l’emozione del Natale, è stato organizzato dal Comune di Firenze e dalla Confcommercio, in collaborazione con EdiliziAcrobatica.

L’evento è gratuito e aperto a tutti i bambini e ai loro familiari che vogliono tornare a provare quell’emozione così speciale che solo il Natale vissuto con il cuore di un bambino riesce a donare.

Gestione dei flussi turistici

Gestione dei flussi turistici, l’ambito fiorentino compie un anno e lancia la programmazione 2020

Oggi in Palazzo Vecchio gli assessori Del Re e Ciuoffo con i sindaci dei 17 comuni coinvolti. Presentati i risultati e i nuovi strumenti per la promozione del territorio metropolitano

Un kit di promozione turistica per ciascun comune dell’ambito fiorentino: 17 raccolte di materiali fotografici e video per realizzare strumenti efficaci di comunicazione del territorio. È il nuovo nato nel ‘pacchetto’ degli strumenti realizzati nell’ambito del patto siglato un anno fa tra Comune di Firenze e 17 comuni dell’area metropolitana: obiettivo dar vita a una programmazione forte e congiunta in materia di turismo e attuare la legge regionale per gli ambiti turistici. Tra gli strumenti anche le ‘mappe a strappo’, con una facciata dedicata all’ambito e l’altra specifica per ciascun comune, e la guida ‘Firenze for families’ in distribuzione negli infopoint per trasmettere alle famiglie il quadro dell’offerta culturale esistente in città e nel territorio circostante. Oggi l’ambito compie un anno e rinnova la propria ‘missione’ con la presentazione della programmazione per il 2020. All’evento, questa mattina nella sala d’Arme di Palazzo Vecchio, erano presenti l’assessore al Turismo del Comune di Firenze Cecilia Del Re, l’assessore regionale al Turismo Stefano Ciuoffo e i sindaci e assessori dei comuni dell’ambito. Foto e video sono stati realizzati con le risorse messe a disposizione da Toscana Promozione Turistica.

“E’ stato un anno importante per l’avvio di una diversa modalità di concepire e promuovere i nostri territori – ha detto l’assessore Del Re –. Sono tante le iniziative realizzate in questi mesi, ma molto rimane ancora da fare per arrivare davvero a comunicare e valorizzare il territorio in modo integrato. Per questo, lanciamo oggi una programmazione 2020 che va a consolidare e ampliare le azioni intraprese, aggiungendo nuove sfide come quella del nuovo portale e della app. Sarà anche il momento per incidere sul sistema dei trasporti e della mobilità dei turisti all’interno del territorio dell’ambito”.

“L’idea alla base della legge con cui abbiamo suddiviso il territorio regionale in 28 Ambiti turistici formati da località accomunate dalle medesime caratteristiche e attrattive – ha detto l’assessore Ciuoffo – è la forza che si può generare con il gioco di squadra. E l’Ambito fiorentino ha impostato bene il lavoro fin da subito cercando di mettere in evidenza la variegata offerta che non solo il centro storico di Firenze ma tutta l’aera metropolitana mette a disposizione per cercare di spalmare parte dei flussi turistici che oggi si concentrano in pochi km quadrati verso luoghi di interesse meno conosciuti ma di grandi potenzialità. Per supportare gli Ambiti nel loro lavoro di politiche congiunte per accoglienza e promozione, per il 2020 Toscana Promozione Turistica rimetterà altri 2,5 milioni di euro a disposizione dei comuni capofila”.

Il progetto di promozione turistica per l’anno 2020 prevede, tra gli altri interventi, la realizzazione di una guida cartacea dell’intero territorio dell’ambito e la realizzazione di azioni di promozione social. Iniziative che andranno ad aggiungersi al ‘pacchetto’ sviluppato nel corso del primo anno di attività, che comprende la promozione dei cammini (come ‘La via degli dei’ fra Firenze e Bologna, il ‘Cammino di Francesco’ da Firenze a La Verna e l’Anello del Rinascimento che sarà esteso a tutti i comuni dell’ambito); la nascita del patto tra Comune di Firenze, Università di Firenze, Camera di Commercio di Firenze e Città metropolitana per lo sviluppo di un turismo di qualità nel territorio fiorentino; la promozione della destinazione congressuale e di qualità attraverso l’individuazione di un soggetto unico; la creazione di un gruppo di lavoro sui dati turistici per l’individuazione di politiche di gestione dei flussi sul territorio.

I comuni dell’ambito turistico individuati dalla Regione Toscana sono Bagno a Ripoli, Calenzano, Campi Bisenzio, Fiesole, Figline e Incisa Valdarno, Firenze, Impruneta, Lastra a Signa, Londa, Pelago, Pontassieve, Reggello, Rignano sull’Arno, Rufina, Scandicci, Sesto Fiorentino, Signa e Vaglia.

Un’area dedicata alle mamme al museo di Palazzo Vecchio

Un’area dedicata alle mamme al museo di Palazzo Vecchio.
Una zona per l’allattamento al seno dedicata alle mamme e ai loro piccoli. E’ il nuovo servizio offerto al museo di Palazzo Vecchio e collocato nell’area relax posta sopra la biglietteria, inaugurato oggi dall’assessore alla cultura Tommaso Sacchi e dalle promotrici della campagna nazionale, Gloria Azzurrini e Claudia Marone, ‘Io ciuccio dove mi pare’, nata con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’allattamento al seno anche fuori casa e per aiutare le donne a superare insicurezza o disagio.

L’area è stata attrezzata con una poltrona e un fasciatoio. Un secondo fasciatoio è stato posto nella stanza nursery già presente al piano terra. “Questi spazi – ha sottolineato Sacchi – potranno essere utilizzati da tutte le donne, visitatrici e non, che si trovano a Palazzo Vecchio nell’orario di apertura del museo. L’allattamento al seno fa bene sia alla mamma che al bambino ed è una cosa naturale da difendere”.

Il mercato delle Cure riapre giovedì 12

Il mercato delle Cure riapre giovedì 12
Terminati anche gli ultimi lavori di asfaltatura e il rifacimento della segnaletica a servizio del parcheggio

Dopo la recente inaugurazione della nuova piazza delle Cure, completamente ristrutturata e riqualificata, riapre anche lo storico mercato. Prevista per giovedì 12 dicembre la nuova apertura. In questi giorni sono stati completati gli ultimi lavori di asfaltatura e di segnaletica nel parcheggio, nei prossimi giorni saranno effettuate le ultime verifiche e montati i dispositivi antipiccione. L’intervento sulla piazza è consistito nella realizzazione di una moderna copertura e nella posa in opera di arredi urbani di design, di un sistema coordinato di pavimentazioni e di un accurato sistema del verde composto da numerosi nuovi alberi ed arbusti da fiore protetti dal traffico veicolare, oltre che da percorsi pedonali più ampi e sicuri.