Firenze, Fiera toscana del lavoro il 5-6 dicembre: presente il ministro Catalfo

Firenze, Fiera toscana del lavoro il 5-6 dicembre: presente il ministro Catalfo

Il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Nunzia Catalfo e il presidente dell’Anpal, Mimmo Parisi saranno tra gli ospiti della Fiera toscana del lavoro, appuntamento organizzato dalla Regione il 5 e 6 dicembre alla Fortezza da Basso di Firenze.

Nel corso della fiera sono previsti incontri tenuti da esperti di orientamento e di selezione del personale che forniranno a chi è in cerca di un impiego strumenti e metodi utili nella ricerca del lavoro, con simulazione di colloqui, tecniche di recruitment utilizzate dalle imprese, e le opportunità ed i servizi che la Regione, anche nell’ambito della rete toscana dei centri per l’impiego, mette a disposizione.

Durante la rassegna si svolgerà l’evento annuale del Por Fse, quest’anno intitolato ‘Dalla tua parte, la Toscana dei diritti’. L’appuntamento vuol essere una riflessione sugli interventi messi in atto e sulle prospettive future, anche nell’ottica della programmazione 2021-27, su pari opportunità ed accesso al mercato del lavoro, condizioni eque, protezione ed inclusione sociale.

“L’organizzazione della prima edizione della Fiera regionale del lavoro è un’ulteriore sfida che abbiamo voluto affrontare – sottolinea in una nota l’assessore regionale a istruzione, formazione e lavoro Cristina Grieco -. Abbiamo scelto il claim ‘la Toscana mette l’impiego al centro’ per evidenziare il ruolo svolto dai centri per l’impiego in un mercato moderno e dinamico”.

L'articolo Firenze, Fiera toscana del lavoro il 5-6 dicembre: presente il ministro Catalfo proviene da www.controradio.it.

Tweet pro Hitler: procuratore sequestra account professore

Tweet pro Hitler: procuratore sequestra account professore

Il procurare di Siena Salvatore Vitello ha disposto il sequestro preventivo del profilo twitter del prof. Emanuele Castrucci e l’oscuramento dei tweet a sostegno di Hitler.

Per l’esecuzione di entrambi i provvedimenti sul tweet pro Hitler, di cui parla oggi la Nazione e il Corriere della Sera, è stata data delega alla polizia postale. La procura ha aperto un fascicolo di indagine ipotizzando il reato di propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale etnica e religiosa, aggravata da negazionismo.

Riguardo all’accaduto è intervenuto oggi il rettore dell’Università di Siena, Francesco Frati, il quale ha affermato: “Ho ricevuto da lui un messaggio in cui continua a rivendicare la sua libertà che secondo noi non è ammissibile perché travalica quanto previsto dalla Costituzione e dal nostro ordinamento penale”.

Frati ha specificato di non aver parlato con il professore ed è necessario, “procedere nella maniera più diretta e spedita affinché questi fatti siano perseguiti. Lo abbiamo fatto attraverso un esposto alla procura della Repubblica presso il tribunale di Siena” e “con l’avvio di un procedimento disciplinare che ovviamente seguirà le strade dettate dai nostri regolamenti interni. Quel tipo di comportamenti non deve trovare spazio nei nostri atenei. Vogliamo fare chiarezza e capire come impedire a questo professore di continuare a insegnare”, ha concluso.

 

L'articolo Tweet pro Hitler: procuratore sequestra account professore proviene da www.controradio.it.