Immigrazione e asilo: a Lucca primo corso operatori servizi pubblici

Immigrazione e asilo: a Lucca primo corso operatori servizi pubblici

Da martedì 19 novembre inizia a Lucca il primo corso di alta formazione in tema di immigrazione e asilo organizzato dall’Istituto Dirpolis (Diritto, Politica, Sviluppo) della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa in collaborazione con la Prefettura di Lucca e il Consorzio Co&So, nell’ambito del progetto “Lumit”. Il termine per la presentazione delle domande è fissato per domani.

Il corso di formazione, finanziato con risorse del Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione per il periodo 2014-2020 è gestito dall’area di ricerca Dream (Documentazione, Ricerca e Analisi sulle Migrazioni) dell’Istituto Dirpolis (Diritto, Politica, Sviluppo) della Scuola Superiore Sant’Anna ed è rivolto a operatori dei servizi rivolti ad utenti esterni, come dipendenti pubblici e privati impegnati nei servizi per il rilascio e rinnovo del permesso di soggiorno, nei servizi demografici, nei servizi sociali, nei servizi sanitari, nei servizi scolastici.

Le cinque giornate di formazione sono articolate in altrettanti moduli i cui temi sono legislazione e giurisprudenza in tema di condizione giuridica dello straniero e ingresso e soggiorno sul territorio; disciplina su protezione internazionale e altre forme di protezione; sistema di accoglienza e diritti dei richiedenti protezione internazionale; disciplina sull’accesso dei migranti ai servizi sociali; progettazione sociale nel campo dell’immigrazione.

“L’obiettivo formativo – spiega Francesca Biondi Dal Monte, ricercatrice in Diritto Costituzionale e responsabile scientifica assieme a Emanuele Rossi, professore ordinario di Diritto Costituzionale, e a Elena Vivaldi, ricercatrice in Diritto Costituzionale, tutti all’Istituto Dirpolis (Diritto, Politica, Sviluppo) della Scuola Superiore Sant’Anna – è offrire una formazione completa e approfondita sulla disciplina giuridica dell’immigrazione e dell’asilo, anche in considerazione delle più recenti modifiche normative”.

“Dedicheremo particolare attenzione –  sottolinea ancora Francesca Biondi Dal Monte – alla disciplina in tema di ingresso e soggiorno sul territorio, all’accoglienza dei richiedenti asilo, al lavoro sociale, all’abitazione e alla presa in carico dei migranti da parte dei servizi sociali. Abbiamo ideato questo corso perché riteniamo che la formazione di coloro che lavorano sul campo costituisca un elemento chiave per favorire un’efficace gestione dei servizi rivolti all’utenza straniera sul territorio nazionale e locale”.

Il bando e il modulo per l’iscrizione sono disponibili su https://www.santannapisa.it/it/formazione/corso-di-alta-formazione-tema-di-immigrazione-e-asilo-progetto-lumit

L'articolo Immigrazione e asilo: a Lucca primo corso operatori servizi pubblici proviene da www.controradio.it.

Targa in memoria di Idy Diene, omaggio floreale di Giani e Nardini

Targa in memoria di Idy Diene, omaggio floreale di Giani e Nardini

Il presidente dell’Assemblea toscana Giani e la consigliera Nardini in risposta all’atto oltraggioso di chi ha imbrattato la targa sul ponte Vespucci: “La Toscana non è razzista, ma è una terra accogliente e solidale”

“Con questo gesto di solidarietà, che esprimiamo con il linguaggio dei fiori, vogliamo dire con forza e chiarezza che la Toscana non è razzista”. Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani che questa mattina, insieme alla consigliera Alessandra Nardini (Pd), si è recato sul ponte Vespucci, per depositare un omaggio floreale sotto la targa che ricorda Idy Diene, ucciso il 5 marzo del 2018 da un aspirante sucida che all’ultimo momento rivolse la sua arma contro il senegalese, e che è stata imbrattata con della vernice, fino a cancellarne la scritta.

“Nessuno può cancellare la memoria di Idy Diene – ha detto la consigliera Nardini – Vogliamo ricordare a tutti che la nostra regione è una terra accogliente, solidale e che non sarà mai piegata dal razzismo. E di fronte all’escalation di gesti estremistici chiediamo che le autorità competenti applichino con rigore le leggi contro chi oltraggia la nostra Costituzione antifascista”.

L'articolo Targa in memoria di Idy Diene, omaggio floreale di Giani e Nardini proviene da www.controradio.it.

Presentazione nuovo “Atlante dei conflitti e delle Guerre”

Presentazione nuovo “Atlante dei conflitti e delle Guerre”

Il Villaggio dei popoli e Testimonianze, in collaborazione con il Comune di Firenze e Regione Toscana propongono il nuovo Atlante dei conflitti e delle Guerre, che sarà presentato domani alle ore 18.00 presso la sala Wanda Pasquini de Le Murate, Firenze.

Secondo quanto riporta il comunicato stampa de Il Villaggio dei Popoli: “Per costruire la Pace è necessario conoscere lo stato di salute del mondo e di conseguenza avere una visione organica dei conflitti in corso, di dove e perché in questo momento si combatte. Per questo, a le Murate di Firenze le associazioni Il Villaggio dei Popoli, Testimonianze, in collaborazione con Comune di Firenze e Regione Toscana, hanno organizzato a Firenze, presso la sala Wanda Pasquini alle Murate, sabato 9 novembre alle ore 18 la presentazione della nuova edizione dell’Atlante delle Guerre e dei conflitti del mondo.
Il volume curato ogni anno dall’associazione 46° Parallelo attraverso giornalisti, fotografi e
attivisti dell’informazione, è arrivato quest’anno alla sua nona edizione. Nell’edizione numero nove dell’Atlante, realizzata come ogni anno da un gruppo di giornalisti, fotografi e attivisti dell’informazione, si trovano le schede conflitto aggiornate delle 30 tra guerre e conflitti in corso, i focus sulle 18 situazioni di crisi, oltre alle schede collegate ad alcune macroaree interessate da tensioni e difficoltà. Ogni continente ha poi una panoramica della situazione generale dei diritti umani, mentre ad ogni conflitto è collegato un tentativo di pace: un’esperienza concreta che la società civile mette in campo per reagire alla guerra, realizzati dagli studenti del Seci e del corso di laurea in scienze politiche di Firenze guidati da Giovanni Scotto.
Oltre ai reportage e agli approfondimenti in questa edizione trovato poi spazio le foto dei
vincitori del concorso fotogiornalistico Wars, War and Revolutionary Stories, il premio
fotogiornalistico nato da un progetto dell’associazione 46 Parallelo- Atlante delle
guerre e dei conflitti del Mondo, sponsorizzato da Montura e la Fondazione Museo
Storico del Trentino, con la partecipazione di Intersos e il sostegno della
Federazione Nazionale Stampa Italiana.
Il libro, si propone come strumento di informazione per una cittadinanza attiva che, così
come fanno le mappe, orienti il pensiero e l’azione nella direzione della Pace.
Ad introdurre l’incontro sarà Marco Bindi dell’associazione Il Villaggio dei Popoli. Interverrà
poi Mauro Sbordoni di Testimonianze, mentre a presentare il volume sarà Alice Pistolesi,
giornalista dell’Atlante delle guerre.”

E’ qui disponibile la locandina dell’evento: atlante dei conflitti e delle guerre

L'articolo Presentazione nuovo “Atlante dei conflitti e delle Guerre” proviene da www.controradio.it.

Vicofaro, don Biancalani: “ho paura, troppo odio intorno a noi”

Vicofaro, don  Biancalani: “ho paura, troppo odio intorno a noi”

Don Massimo lo ha scritto sul suo profilo FB. lo abbiamo intervistato

“In questo clima comincio a temere che prima o poi qualcuno trovi il modo di farci del male, c’è In questo clima comincio a temere che prima o poi qualcuno trovi il modo di farci del male, c’è troppo odio intorno a noi”: questo il testo del post. Alla parrochhia di vVicofaro Don Massimo accoglie 200 rifugiati

L'articolo Vicofaro, don Biancalani: “ho paura, troppo odio intorno a noi” proviene da www.controradio.it.

Livorno: sbarco 4 migranti, rimpatriati in Tunisia

Livorno: sbarco 4 migranti, rimpatriati in Tunisia

Quattro tunisini sono stati intercettati da una pattuglia della guardia di finanza all’interno della cinta doganale del porto di Livorno. Respinti dalla Polmare che li ha affidati al comandante della nave con cui erano da poco sbarcati.

I quattro migranti sono stati fermati dai GdF mentre circolavano a piedi, senza documenti, nelle vicinanze del varco doganale Galvani, dentro il porto. Alla Polmare, che ha provveduto al rimpatrio, hanno raccontato di aver viaggiato a bordo della motonave commerciale Miramar Express proveniente da Tunisi e di essere sbarcati nella mattinata di domenica durante le operazioni di sbarco dei semirimorchi.

L'articolo Livorno: sbarco 4 migranti, rimpatriati in Tunisia proviene da www.controradio.it.