Omaggio a Nick Drake, con Roberto Angelini e Rodrigo D’Erasmo

Omaggio a Nick Drake, con Roberto Angelini e Rodrigo D’Erasmo

Omaggio a Nick Drake. A Firenze il concerto tributo di Roberto Angelini e Rodrigo D’Erasmo. Mercoledì 6 novembre in sala Vanni omaggio in musica, parole ed immagini al fragile e straordinario talento del cantautore britannico

Roberto Angelini e Rodrigo D’Erasmo rendono omaggio al genio di Nick Drake, immenso cantautore britannico scomparso nel 1974 a soli 26 anni. E lo fanno con la nuova edizione dell’album tributo “Pongmoon”, un docu-film in scena alla Festa del Cinema di Roma e un tour che mercoledì 6 novembre li porta sul palco della Sala Vanni di Firenze (ore 21), con un live delicato ed essenziale. Nick Drake e la sua opera sono oggetto di culto per generazioni di musicisti e appassionati. Questo in virtù della superba qualità del songwriting, della delicata e malinconica poesia e delle abilità strumentali del cantautore inglese. Un talento assoluto della musica mondiale scomparso prematuramente e divenuto fonte di ispirazione per molti protagonisti dell’attuale scena musicale.

“Way to Blue” è uno spettacolo emozionante in cui gli immortali capolavori di Nick Drake rivivono sul palco per mano di due protagonisti della musica Italiana: Rodrigo D’Erasmo (violino) polistrumentista, produttore, arrangiatore e membro degli Afterhours e Roberto Angelini (chitarra acustica e voce) cantautore e musicista, tra gli altri, di Niccolò Fabi e della resident band di Propaganda live.
Un concerto intimo, in cui suoni e immagini si fondono per creare atmosfere emozionanti, per ricordare e celebrare un mito.

Mercoledì 6 novembre 2019 – ore 21
Sala Vanni – piazza del Carmine, 14 – Firenze
Biglietto 20 euro; prevendite nei punti Box Office Toscana e online su www.ticketone.it
Info tel. 055.218647 – www.lndf.it

 

L'articolo Omaggio a Nick Drake, con Roberto Angelini e Rodrigo D’Erasmo proviene da www.controradio.it.

Francesco Maccianti trio in Sala Vanni a Firenze

Francesco Maccianti trio in Sala Vanni a Firenze

Musicus Concentus presenta Francesco Maccianti Trio, mercoledì 24 aprile, ore 21.15 Sala Vanni, Firenze

Francesco Maccianti Trio è l’ultima, entusiasmante incarnazione del trio jazz per eccellenza, pianoforte, contrabbasso e batteria.
Francesco Maccianti è un pianista dall’ispirazione lirica e dall’esecuzione asciutta, un tesoro ben nascosto del jazz italiano fin dagli anni Novanta, con eccellenti puntate oltreoceano come quella del trio americano insieme a Essiet Essiet e Joe Chambers.

Per il suo ultimo lavoro ha scelto di accompagnarsi al contrabbassista Ares Tavolazzi e al batterista Roberto Gatto, una delle sezioni ritmiche più prestigiose d’Europa, a loro volta leader di molti altri progetti: un “all star trio” che ha appena pubblicato il cd Path, ispirato al pellegrinaggio compiuto da Francesco nel 2016 a Santiago di Compostela, che propone nuove composizioni in sintonia con il mood dei suoi “compagni di viaggio” (come egli stesso definisce Ares e Roberto nelle note di copertina), aggiungendo preziose rivisitazioni di alcuni dei brani più significativi del suo repertorio.

Biglietto ridotto in prevendita 13€ +dp su circuito BoxOffice e TicketOne, online QUA
// 20€ alla porta (se disponibile)
Ridotto 20% alla porta per Socia Arci, Soci Coop e Under 25 INFO

L'articolo Francesco Maccianti trio in Sala Vanni a Firenze proviene da www.controradio.it.

Alessandro Lanzoni, Thomas Morgan, Eric McPherson trio in concerto

Alessandro Lanzoni, Thomas Morgan,  Eric McPherson trio in concerto

In Sala Vanni venerdì 15 marzo tre musicisti di differenti generazioni si incontrano per presentare il loro nuovo album: si tratta del giovane pianista e rivelazione del jazz italiano Alessandro Lanzoni, del carismatico contrabbassista Thomas Morgan e dello straordinario batterista Eric McPherson.

Il trio, capeggiato da Lanzoni, nasce dall’attitudine comune ai tre componenti di costruire insieme un’esperienza all’insegna della continua ricerca della fusione e dell’interplay. Quello che colpisce di più del gruppo è il modo di interpretare i brani: si avverte il bisogno di rispettare la tradizione jazzistica ma allo stesso tempo c’è il coraggio di correre dei rischi per costruire qualcosa di veramente originale.
Il loro disco, registrato nell’inverno del 2018 a New York, è formato soprattutto da standards e uscirà questo mese in occasione del tour di presentazione, che venerdì 15 marzo toccherà anche la Sala Vanni di Firenze (inizio concerto ore 21:15).
Il pianista fiorentino Alessandro Lanzoni, classe 1992, già da una decina di anni è sotto gli occhi di critica e pubblico grazie alla profondità con cui esprime la sua poetica basata su un’enciclopedica cultura musicale. Vincitore del premio Top Jazz 2013 come miglior nuovo talento dell’anno per la rivista Musica Jazz, Lanzoni è collocabile a pieno titolo tra le personalità di spicco del jazz italiano. Forte già di un ricco curriculum che lo ha visto suonare e registrare fra gli altri con  Lee Konitz, Kurt Rosenwinkel, Ben Wendel, Joe Sanders, Greg Hutchinson e Roberto Gatto, il pianista si è imposto da orami diverso tempo all’attenzione del mondo musicale jazz.
Thomas Morgan è uno dei contrabbassisti più talentuosi al mondo. Diplomatosi alla Manhattan School of Music, dove ha studiato con Harvie S e Garry Dial, a soli 36 anni ha già collaborato assiduamente con Bill Frisell, Steve Coleman, Craig Taborn e Jakob Bro.
Dotato di un’inventiva e di una sensibilità musicale fuori dal comune, Eric McPherson, nato nel 1970 a New York, è uno straordinario batterista. Ha lavorato alle registrazioni degli ultimi album di Jackie McLean e Andrew Hill ed è il batterista stabile del trio di Fred Hersch.
INFO Posto unico numerato: 13€+dp QUA // 20€ la sera dell’evento
Biglietti su Circuito Box Office Toscana e TicketOne. Apertura biglietteria ore 20.45 // Apertura porte ore 21. 00

 

L'articolo Alessandro Lanzoni, Thomas Morgan, Eric McPherson trio in concerto proviene da www.controradio.it.

“O Supersong Rework” una rilettura inedita da Battiato ai Radiohead

“O Supersong Rework” una rilettura inedita da Battiato ai Radiohead

Cristina Zavalloni, Fabrizio Puglisi e Jan Bang sul palco della Sala Vanni  con “O Supersong Rework”, una rilettura inedita da Battiato ai Radiohead, sabato 9 marzo

Voci poliedriche, elettronica e pianoforte. Sabato 9 marzo in Sala Vanni va in scena “O Supersong Rework”, il nuovo progetto di Cristina Zavalloni, Fabrizio Puglisi e Jan Bang che rivisita brani di Sigur Ros, Franco Battiato, Laurie Anderson, Radiohead e Beatles componendo un caleidoscopio inedito, inimitabile e indefinibile della musica dei nostri tempi (inizio concerto ore 21.15).
A suo agio con ogni tipo di sonorità, agilissima nel muoversi in mondi musicali apparentemente lontani tra loro, Cristina Zavalloni si considera comunque una cantante di jazz perché il jazz è stato il suo primo amore; ha imparato dalle voci di Sarah Vaughan, Joni Mitchell, Cassandra Wilson e di molte altre. In questa prima assoluta la sua voce si incontra con il pianista Fabrizio Puglisi e  con uno dei protagonisti della scena elettronica norvegese, Jan Bang.
Pianista, compositore e musicista eclettico, Fabrizio Puglisi ama sconfinare nei territori di altri linguaggi artistici, interagendo anche con la danza e le coreografie. Docente di pianoforte nei migliori Conservatori e scuole di jazz, è anche membro del collettivo Bassesfere per lo sviluppo e la diffusione della musica improvvisata d’avanguardia.
Jan Bang è invece uno degli artisti norvegesi più apprezzati e tra i produttori più influenti, nonché guru dell’elettronica. Un musicista estremamente versatile che al tempo stesso riesce perfettamente a conciliare innovazione e appeal sul pubblico.
INFO Sala Vanni – Piazza del Carmine 14, Firenze
Biglietto ridotto in prevendita 13€ +dp su circuito BoxOffice e TicketOne
20€ alla porta (se disponibile)
Ridotto 20% alla porta per Socia Arci, Soci Coop e Under 25

L'articolo “O Supersong Rework” una rilettura inedita da Battiato ai Radiohead proviene da www.controradio.it.

Brandon Ross in Sala Vanni

Brandon Ross in Sala Vanni

Sabato 9 febbraio alle 21.15 il chitarrista e compositore Brandon Ross è in Sala Vanni a Firenze all’interno della rassegna Black History Month Florence

Black History Month Florence nasce nel 2016 come rete inter-istituzionale per promuovere la produzione culturale “Black” che celebra la diversità delle culture afro-discendenti nel contesto italiano. Ben 60 eventi nel mese di febbraio e tra questi la collaborazione con il Musicus Concentus, che per l’occasione porta a Firenze uno dei simboli moderni della chitarra “Black”: Brandon Ross.

Brandon Ross è il perfetto mix tra rock, blues e jazz; tra la  chitarra di Jimi Hendrix ed il sound di Henry Threadgill. Chitarrista, compositore bandleader e musicista, nel corso della sua carriera Brandon Ross ha collaborato con gli artisti più brillanti ed innovativi della scena musicale. È leader di For Living Lovers, duo di musica improvvisata con il bassista Stomu Takeishi, il cui album di debutto è stata una rivelazione per pubblico e critica; ed è parte dell’acclamatissimo trio Harriet Tubman insieme a Melvin Gibbs e JT Lewis, a cavallo tra rock, R&B ed elettronica.

“…personaggio estremamente carismatico, capace di avvalersi di qualsiasi suono che una chitarra elettrica – nelle mani di un maestro – può produrre”
The Paris Review

INFO

L'articolo Brandon Ross in Sala Vanni proviene da www.controradio.it.