A Lucca in scena “Ich War Da_Io Ero Là”, spettacolo per ricordare la strage di Sant’Anna di Stazzema

A Lucca in scena “Ich War Da_Io Ero Là”, spettacolo per ricordare la strage di Sant’Anna di Stazzema

Per ricordare la strage di Sant’Anna di Stazzema, l’amministrazione comunale di Lucca mette in scena “Ich War Da_Io Ero Là”, spettacolo ideato dall’attore Marco Brinzi. L’appuntamento è per il 20 settembre ore 21 al Teatro San Girolamo. L’evento è stato presentato questa mattina dall’assessora alla continuità della memoria storica, Ilaria Vietina e dagli attori Marco Brinzi e Caterina Simonelli.

Marco Brinzi torna a proporre, un altro spettacolo inedito che consente di contribuire al progetto di un teatro impegnato che attualizza e valorizza la memoria. Si tratta di un dialogo ipotetico tra un giornalista e uno dei massacratori della strage di Sant’Anna di Stazzema. Brinzi, nelle vesti del massacratore nazista, rifletterà su come un evento del passato possa lasciare tracce nel presente. Per questa ragione ricordare necessita di essere un’azione necessaria e quotidiana.

Sul palco, accanto a lui, ci sarà l’attrice Caterina Simonelli, che indosserà i panni di un’eroina alla ricerca di una degna sepoltura ai suoi cari e al suo passato. In scena saranno presenti anche le fotografie di Oliviero Toscani tratte dal libro “12 agosto 1944 – I bambini ricordano”. Da queste è stata tratta una mostra itinerante e un’esposizione permanente al Museo Storico della Resistenza di Sant’Anna di Stazzema.

“Abbiamo bisogno di strumenti nuovi per avvicinare le persone e attualizzare ciò che è stato: solo così la memoria diventerà pratica quotidiana, necessaria e indelebile”, ha commentato l’assessora Vietina.

L'articolo A Lucca in scena “Ich War Da_Io Ero Là”, spettacolo per ricordare la strage di Sant’Anna di Stazzema proviene da www.controradio.it.

Eccidio di Sant’Anna di Stazzema, Mattarella: “chi dimentica è più debole”

Eccidio di Sant’Anna di Stazzema, Mattarella: “chi dimentica è più debole”

“Il 75/o anniversario dell’atroce eccidio di Sant’Anna di Stazzema (Lucca) è giorno solenne di raccoglimento e di memoria. In quel terribile 12 agosto 1944 furono massacrate 560 persone inermi, tra queste 130 bambini: non dovrà mai essere dimenticato quanto è accaduto perché chi dimentica è più debole, più esposto ai pericoli che intolleranza, ostilità, violenza ripropongono”. Così il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un messaggio per il 75/mo della strage.

“Sono esemplari la tenacia e la forza morale con cui la comunità di Sant’Anna ha saputo tenere vivo il ricordo, trasmetterlo ai più giovani, trasformare quella ferita profonda in un impegno di ricostruzione, di convivenza, di sviluppo democratico”. Si esprime in questo modo il Presidente della Repubblica, ricordando i valori democratici scaturiti dopo l’eccidio avvenuto nell’estate di 75 anni fa nel paesino dell’Alta Versilia.

“E’ questo lo spirito che ha animato l’Italia della Liberazione, della Costituzione, dell’affermazione dei diritti inviolabili. E’ lo spirito dei fondatori dell’unità europea”; a conclusione, il presidente afferma che “di quei valori abbiamo sempre bisogno, oggi come allora”.

L'articolo Eccidio di Sant’Anna di Stazzema, Mattarella: “chi dimentica è più debole” proviene da www.controradio.it.

Moavero: “Preservare istituzioni che garantiscono pace come UE”

Moavero: “Preservare istituzioni che garantiscono pace come UE”

Presente oggi a Sant’Anna di Stazzema (Lucca) il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi, in occasione delle celebrazioni del 75/o anniversario dell’eccidio, avvenuto il 12 agosto 1944 nel paese dell’Alta Versilia, che è costata la vita a 560 persone.

“Non è la prima volta che sono a Sant’Anna di Stazzema ma è la prima volta da ministro in un importantissimo anniversario di un atto orribile che non deve più accadere” ha voluto spiegare il ministro Moavero, che poi ha annunciato, ai giornalisti presenti, di firmare l’Anagrafe antifascista del Comune.

“Vediamo purtroppo che anche vicino all’Italia – dichiara Moavero – ci sono situazioni di guerra. Dobbiamo preservare la pace, preservare le organizzazioni e le istituzioni che garantiscono la pace: le Nazioni unite e la stessa Unione europea”.

Incalzato dalle domande dei giornalisti sulla attuale crisi di governo, il ministro auspica “il meglio per il nostro Paese. Il meglio per il Paese lo decideranno gli italiani e vedremo come l’evoluzione dei prossimi giorni ci permetterà di progredire”. A chi chiedeva, invece, se questo futuro verrà deciso dentro o fuori il Parlamento il ministro ha risposto: “Anzitutto in Parlamento”.

L'articolo Moavero: “Preservare istituzioni che garantiscono pace come UE” proviene da www.controradio.it.

Eccidio Sant’Anna, Rossi alla commemorazione del 75esimo anniversario

Eccidio Sant’Anna, Rossi alla commemorazione del 75esimo anniversario

Ci saranno anche il ministro per gli affari esteri Enzo Moavero Milanesi, il sindaco di Stazzema Maurizio Verona, il sindaco del comune tedesco di Moers Cristoph Fleischhauer ed i rappresentanti dell’associazione Martiri di Sant’Anna, lunedì 12 agosto assieme al presidente della Toscana, per le commemorazioni per il 75° anniversario della strage di Sant’Anna di Stazzema,

Il programma della commemorazione prevede alle ore 9 il ritrovo autorità e delegazioni sul piazzale della chiesa di Sant’Anna, alle 9,15 la deposizione delle corone di fiori seguita dalla celebrazione della messa. Alle 10,15 si formerà il corteo, che salirà al monumento Ossario per la deposizione della corona di allooro. Seguiranno i saluti istituzionali e l’orazione del ministro.

Concluse le celebrazioni sarà inaugurata la mostra ‘Colori della pace’ al Museo storico della Resistenza e la sottoscrizione del gemellaggio tra Stazzema e il Comune di Moers.

Il presidente Rossi parteciperà anche alla commemorazione per l’eccidio di Fivizzano, il 25 agosto, insieme al presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella ed al presidente della Repubblica federale di Germania Frank Walter Steinmeier.

L'articolo Eccidio Sant’Anna, Rossi alla commemorazione del 75esimo anniversario proviene da www.controradio.it.

“La prima cosa bella”: il Festival a Sant’Anna di Stazzema

“La prima cosa bella”: il Festival a Sant’Anna di Stazzema

A Sant’Anna di Stazzema il 24 e 25 aprile 2019 si terrà il Festival ‘La prima cosa bella – Sguardi diversi sull’Italia di oggi’. L’evento, a ingresso libero e gratuito, è organizzato dall’Istituzione Parco Nazionale della Pace di Sant’Anna di Stazzema e rientra nel calendario ufficiale delle iniziative per le celebrazioni del 74° Anniversario della Liberazione.

Il Festival prenderà il via alle ore 16:00 di mercoledì 24 aprile presso la Piazza della Chiesa di Sant’Anna di Stazzema, con Marco Damilano, Pier Luigi Battista, Paolo Condò ed Ubaldo Pantani.

Il 25 aprile il Festival prosegue a partire dalle 16.00 con Oliviero Toscani, Walter Veltroni, Massimo Oldani e Pamela Villoresi che chiuderà il Festival con il suo spettacolo ‘Io ho visto’ in collaborazione con il giornalista Pier Vittorio Buffa. Per la sola giornata del 25 Aprile a partire dalle ore 14:00 saranno disponibili navette gratuite per Sant’Anna di Stazzema con partenza dalla località La Balza (7 km da Sant’Anna).

La due giorni di incontri e spettacoli sarà moderata da Francesca Baraghini, giornalista di Sky tg24.

Nella due giorni del Festival nel Museo Storico della Resistenza saranno visibili le opere dell’artista Vinicio Rovai nell’ambito della mostra “Dal passato al futuro: Sant’Anna di Stazzema e Auschwitz”.

Per ulteriori informazioni consultare il sito www.santannafestival.it

L'articolo “La prima cosa bella”: il Festival a Sant’Anna di Stazzema proviene da www.controradio.it.