Coronavirus in Toscana: 610 nuovi casi, 2 decessi

Coronavirus in Toscana: 610 nuovi casi, 2 decessi

Firenze, in Toscana sono 299.087 i casi di positività al Coronavirus, 610 in più rispetto a ieri (588 confermati con tampone molecolare e 22 da test rapido antigenico). I nuovi casi sono lo 0,2% in più rispetto al totale del giorno precedente.

I guariti crescono dello 0,1% e raggiungono quota 283.381 (94,7% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 10.443 tamponi molecolari e 24.686 tamponi antigenici rapidi, di questi l’1,7% è risultato positivo al Coronavirus. Sono invece 10.254 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 5,9% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 8.321, +2,7% rispetto a ieri. I ricoverati sono 301 (1 in più rispetto a ieri), di cui 48 in terapia intensiva (1 in più). Oggi si registrano 2 nuovi decessi: un uomo e una donna con un’età media di 85 anni.

Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale – relativi all’andamento dell’epidemia di Coronavirus in regione.

Alle 12.00 di oggi sono state effettuate complessivamente 6.209.800 vaccinazioni, 21.285 in più rispetto a ieri (+0,3%), tenendo presente che le Aziende del Sistema Sanitario Regionale proseguono per l’intera giornata. La Toscana è la 2° regione per % di dosi somministrate su quelle consegnate (il 96,6% delle 6.428.855 consegnate), per un tasso di vaccinazioni effettuate di 169.281 per 100mila abitanti (media italiana: 159.273 per 100mila).

L’età media dei 610 nuovi positivi odierni è di 42 anni circa (23% ha meno di 20 anni, 19% tra 20 e 39 anni, 34% tra 40 e 59 anni, 20% tra 60 e 79 anni, 4% ha 80 anni o più).

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri (588 confermati con tampone molecolare e 22 da test rapido antigenico). Sono 82.665 i casi complessivi ad oggi a Firenze (171 in più rispetto a ieri), 27.282 a Prato (36 in più), 28.354 a Pistoia (55 in più), 15.633 a Massa (32 in più), 30.294 a Lucca (35 in più), 35.057 a Pisa (61 in più), 22.212 a Livorno (54 in più), 26.767 ad Arezzo (51 in più), 17.942 a Siena (59 in più), 12.326 a Grosseto (56 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni.

Sono 280 i casi riscontrati oggi nell’Asl Centro, 164 nella Nord Ovest, 166 nella Sud est.

La Toscana si trova al 10° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 8.153 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 8.361 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 10.655 casi x100.000 abitanti, Pistoia con 9.750, Pisa con 8.419, la più bassa Grosseto con 5.640.
Complessivamente, 8.020 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (220 in più rispetto a ieri, più 2,8%).
Sono 17.528 (475 in più rispetto a ieri, più 2,8%) le persone, anch’esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (ASL Centro 5.627, Nord Ovest 7.074, Sud Est 4.827).
Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti COVID oggi sono complessivamente 301 (1 in più rispetto a ieri, più 0,3%), 48 in terapia intensiva (1 in più rispetto a ieri, più 2,1%).
Le persone complessivamente guarite sono 283.381 (387 in più rispetto a ieri, più 0,1%): 0 persone clinicamente guarite (stabili rispetto a ieri), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e 283.381 (387 in più rispetto a ieri, più 0,1%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo.

Relativamente alla provincia di residenza, le 2 persone decedute sono 1 a Pistoia, 1 a Siena.

Sono 7.385 i deceduti dall’inizio dell’epidemia di Coronavirus cosi ripartiti: 2.382 a Firenze, 653 a Prato, 687 a Pistoia, 546 a Massa Carrara, 699 a Lucca, 739 a Pisa, 428 a Livorno, 566 ad Arezzo, 367 a Siena, 222 a Grosseto, 96 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 201,3 x100.000 residenti contro il 225,1 x100.000 della media italiana (11° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (287,6 x100.000), Prato (255,0 x100.000) e Firenze (241,6 x100.000), il più basso a Grosseto (101,6 x100.000).

Si ricorda che tutti i dati saranno visibili dalle ore 18.30 sul sito dell’Agenzia Regionale di Sanità a questo indirizzo: www.ars.toscana.it/covid19

L'articolo Coronavirus in Toscana: 610 nuovi casi, 2 decessi da www.controradio.it.

Toscana, sanità: Federico Gelli a capo direzione regionale

Toscana, sanità:  Federico Gelli a capo direzione regionale

La nomina decorrerà dal primo dicembre. Il governatore Eugenio Giani lo ha annunciato nel corso della riunione della Giunta regionale, dopo averne preventivamente informato l’assessore al diritto alla salute Simone Bezzini.

Federico Gelli sarà il nuovo responsabile della Direzione sanità, diritti cittadinanza e coesione sociale della Regione Toscana. La nomina decorrerà dal primo dicembre. Il governatore Eugenio Giani lo ha annunciato nel corso della riunione della Giunta regionale, dopo averne preventivamente informato l’assessore al diritto alla salute Simone Bezzini. La nomina, spiega una nota, avviene in ottemperanza all’avviso pubblico della Regione e secondo la normativa che presiede alla nomina stessa, rimessa al decreto del presidente della Giunta.

Su Facebook Gelli scrive che “sarà un lavoro complesso e impegnativo e metterò tutte le mie energie al servizio della sanità toscana e dell’assessorato regionale guidato da Simone Bezzini in un momento così decisivo”. “Questo incarico lo considero soprattutto un riconoscimento a tutte le lavoratrici e lavoratori del servizio sanitario pubblico della Regione Toscana – aggiunge – che in questi ultimi due anni hanno dimostrato di avere non solo capacità professionali riconosciute ovunque ma anche uno spirito di servizio e una umanità eccezionali, elementi indispensabili per mettere il paziente al centro di ogni politica sanitaria. A loro il mio più sentito ringraziamento”. Da Gelli un ringraziamento anche “al presidente della Giunta regionale Eugenio Giani per la fiducia accordata”.

Il nostro augurio di buon lavoro a Federico Gelli, nominato dal presidente della Regione Toscana Eugenio Giani direttore del Dipartimento regionale di sanità”. Così il presidente dell’Ordine dei medici di Firenze Pietro Dattolo. “E’ un momento in cui la sanità regionale, come quella nazionale – aggiunge -, saranno chiamate a scelte decisive per il futuro di milioni di persone. Siamo convinti che il ‘nostro iscritto’ Gelli, per l’esperienza maturata in questi anni di attività all’interno dell’azienda sanitaria, per la sua capacità manageriale e per il suo profilo professionale, rappresenti la persona ideale per aiutare il Servizio sanitario regionale e la nostra Regione ad affrontare questo momento decisivo. Il nostro augurio di buon lavoro da parte mia e di tutto l’Ordine dei medici di Firenze”.

L'articolo Toscana, sanità: Federico Gelli a capo direzione regionale da www.controradio.it.

Tradizione e rinnovamento: al via la terza edizione del Premio Architettura Toscana (PAT)

Tradizione e rinnovamento: al  via la terza edizione del Premio Architettura Toscana (PAT)

Le iscrizioni al bando, reperibile online sul sito www.premio-architettura-toscana.it si apriranno alle ore 12 del 3 dicembre 2021 per chiudersi alle 24 dell’11 febbraio 2022.

La rigenerazione urbana e, più in generale, del territorio, dipende tanto dalla qualità della progettazione quanto della costruzione. Per questo motivo, il Premio Architettura Toscana guarda ai progetti partecipanti come all’opportunità di accendere una luce su tutta la filiera: architetti, committenti, impresa, ogni attore è fondamentale per lo sviluppo del settore.

Il PAT è rivolto alle opere realizzate in Toscana nei cinque anni precedenti alla pubblicazione del bando. Possono essere candidate al premio opere realizzate da singoli architetti o in gruppo, da dipendenti pubblici o privati. A presentare la candidatura possono essere sia il progettista che la committenza, ma anche l’impresa esecutrice dei lavori. Il premio si articola in cinque categorie: opera primaopera di nuova costruzioneopera di restauro o recuperoopera di allestimenti o interniopera su spazi pubblici, paesaggio o rigenerazione. I partecipanti possono candidare una sola opera per ciascuna categoria. Una singola opera può essere candidata in più categorie.

La categoria opera prima, destinata alle opere realizzate da progettisti che non abbiano compiuto 40 anni alla data della pubblicazione del bando e unica con un premio in denaro di 5mila euro, vuole specificatamente valorizzare la realtà e l’attività dei giovani progettisti e aprire un focus sulle loro opportunità di crescita nel nostro territorio.

Per ciascuna categoria sarà premiata una sola opera, che riceverà un riconoscimento assegnato congiuntamente al progettista, alla committenza e all’impresa.

Promosso da Consiglio regionale della Toscana, Ordine degli Architetti PPC di Firenze, Federazione degli Architetti della Toscana, Ordine degli Architetti PPC di Pisa, Fondazione Architetti Firenze e Ance Toscana, con il patrocinio del Consiglio nazionale degli Architetti, il contest è stato presentato questa mattina nella sede del Consiglio regionale della Toscana, alla presenza del presidente dell’assemblea regionale Antonio Mazzeo, del presidente del Comitato Organizzatore Tommaso Barni, oltre che del presidente dell’Ordine degli Architetti di Firenze Pier Matteo Fagnoni, del tesoriere dell’Ordine degli Architetti di Pisa Alessandro Braione, di tutti i presidenti della Federazione Architetti della Toscana e del presidente di Ance Toscana Stefano Frangerini.

Le iscrizioni al bando, reperibile online sul sito www.premio-architettura-toscana.it si apriranno alle ore 12 del 3 dicembre 2021 per chiudersi alle 24 dell’11 febbraio 2022. Come per le edizioni passate, anche questa vuole premiare la ricerca, la qualità del fare progettuale, l’opera architettonica come strumento di rigenerazione, trasformazione del territorio, oggi più di ieri al centro del dibattito in termini di sostenibilità e di rapporto tra uomo e ambiente.

La giuria si compone di professionisti ed esperti del settore: gli architetti Nicola Di Battista, Gianluca Peluffo, Gianpiero Venturini, Sofia von Ellrichshausen e il sociologo Daniela Ciaffi. Di Battista è stato in precedenza direttore della rivista Domus (dal 2013 al 2017) e attualmente dirige la rivista l’Architetto, la storica rivista del Consiglio nazionale degli Architetti italiani; Peluffo, che dal 2017 ha fondato la “GianlucaPeluffo&Partners”, laboratorio di architettura, urbanistica e arte, è stato insignito nel 2003 del titolo di “Benemerito della Scuola e della Cultura” dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali; Venturini, fondatore di “Itinerant Office” è curatore del Festival New Generations e autore del libro “Atlas of emerging practices”; von Ellrichshausen, architetto argentino, ha fondato lo studio “Pezo von Ellrichshausen”, nella città cilena di Concepcion; Ciaffi svolge attività di ricerca-azione sul tema della partecipazione degli abitanti alle trasformazioni della città e del territorio: è inoltre vice presidente di Labsus, il laboratorio per la sussidiarietà che promuove in tutta l’Italia l’amministrazione condivisa dei beni comuni.

La cerimonia di premiazione è in programma il 9 giugno alla Palazzina Reale di piazza Stazione, sede di Ordine e Fondazione Architetti Firenze, dove sarà allestita anche la mostra dei progetti vincitori. I lavori saranno esposti poi in tutta la Toscana dal settembre 2022 al marzo 2023.

NELLE INTERVISTE PIER MATTEO FAGNONI, presidente orfdine architetti, e ANTONIO MAZZEO, presidente consiglio regionale

L'articolo Tradizione e rinnovamento: al via la terza edizione del Premio Architettura Toscana (PAT) da www.controradio.it.

Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 15 novembre 2021

Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 15 novembre 2021

Controradio Infonews: ultim’ora, aggiornamenti, cronaca ed eventi in Toscana nella sintesi mattutina di Controradio. Per iniziare la giornata ‘preparati’

CONTRORADIO INFONEWS – Accertamenti sono in corso da parte della polizia per risalire a chi abbia fornito gli alcolici che hanno poi causato un malore a una 14enne, soccorsa
sabato notte nel centro di Firenze. Alla ragazzina crollata a terra in piazza Pitti è stata diagnosticata una grave intossicazione. Gli agenti stanno sentendo alcuni amici della minore per risalire a chi abbia ceduto loro gli alcolici ai fini di  eventuali provvedimenti amministrativi se si trattasse di un locale. Già a metà settembre si erano verificati diversi episodi analoghi, tutti a Firenze, con cinque adolescenti portati in ospedale in un solo week end. Tutti tra i 14 e i 17 anni.

CONTRORADIO INFONEWS – E’ stato arrestato dalla polizia per tentato omicidio e ora è ai domiciliari un 22enne livornese accusato di aver aggredito ieri a Livorno un barista, ferendolo con un coltello a una mano. Denunciati altri tre giovani, coetanei dell’arrestato, che avrebbe preso parte al raid contro il locale, situato nel centro della città, in via Buontalenti: favoreggiamento, danneggiamento e aggressione i reati ipotizzati.

CONTRORADIO INFONEWS – Intervento della polizia sabato sera a Firenze dopo una partita di calcio juniores per una lite con aggressione tra l’allenatore di una delle due squadre e il giocatore dell’altra. Il tecnico, 62 anni, è stato anche portato in ospedale: non sarebbe grave.  L’uomo sarebbe stato fatto cadere a terra del giocatore, un 19enne. Quest’ultimo avrebbe però riferito di essere stato colpito per primo dall’uomo, con una testata. La polizia è intervenuta dopo essere stata allertata dalla figlia del 62enne.

CONTRORADIO INFONEWS – “Stop all’uso del Green pass per dieci giorni”: è quanto proposto ieri pomeriggio dalla poliziotta Nunzia Schilirò nel corso del suo intervento alla manifestazione a piazzale Michelangelo a Firenze.  ‘Libertà, libertà’, ‘La gente, le donne come noi non molla mai’, ‘giù le mani dai bambini’, alcuni degli slogan gridati dai circa 6 mila partecipanti alla manifestazione organizzata  da ‘Venere vincerà’, il gruppo promosso dalla stessa vicequestore ora sospeso per le sue posizioni non Green pass.
Un fulmine ha colpito la facciata della procura di Pisa causando il distacco di un fregio marmoreo: alcuni pezzi dello stesso  hanno danneggiato tre auto in sosta davanti all’edificio. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e la polizia municipale. Oggi saranno  eseguiti ulteriori sopralluoghi insieme ai tecnici della soprintendenza. Le attività giudiziarie non subiranno interruzioni e gli uffici della procura saranno regolarmente aperti.

Resterà sospesa almeno fino al pomeriggio di oggi, la circolazione ferroviaria fra Porretta, nel Bolognese e Pracchia, nel Pistoiese sulla linea Ferroviaria Porretta-Pistoia. Il blocco dei treni, in atto da ieri mattina, è stato causato  da un masso di grosse dimensioni che si sarebbe distaccato dalla parete del versante ‘La Cava’  rotolando sui binari e danneggiando anche le barriere di contenimento che proteggono la linea ferroviaria.   I treni sono sostituiti da Trenitalia con bus fra Porretta e Pracchia mentre è regolare il traffico fra Bologna e Porretta.

L'articolo Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 15 novembre 2021 da www.controradio.it.

Coronavirus in Toscana, 433 nuovi casi, 3 decessi

Coronavirus in Toscana, 433 nuovi casi, 3 decessi

Firenze, in Toscana sono 294.637 i casi di positività al Coronavirus, 433 in più rispetto a ieri (409 confermati con tampone molecolare e 24 da test rapido antigenico). I nuovi casi sono lo 0,1% in più rispetto al totale del giorno precedente.

I guariti crescono dello 0,04% e raggiungono quota 279.727 (94,9% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 9.365 tamponi molecolari e 19.210 tamponi antigenici rapidi, di questi l’1,5% è risultato positivo al Coronavirus. Sono invece 8.366 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 5,2% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 7.579, +4,4% rispetto a ieri. I ricoverati sono 293 (stabili rispetto a ieri), di cui 35 in terapia intensiva (2 in più). Oggi si registrano 3 nuovi decessi: 2 uomini e una donna con un’età media di 90 anni.

Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale – relativi all’andamento dell’epidemia di Coronavirus in regione. L’età media dei 433 nuovi positivi odierni è di 40 anni circa (29% ha meno di 20 anni, 17% tra 20 e 39 anni, 31% tra 40 e 59 anni, 16% tra 60 e 79 anni, 7% ha 80 anni o più).

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri (409 confermati con tampone molecolare e 24 da test rapido antigenico). Sono 81.648 i casi complessivi ad oggi a Firenze (108 in più rispetto a ieri), 27.036 a Prato (36 in più), 27.923 a Pistoia (28 in più), 15.387 a Massa-Carrara (19 in più), 29.941 a Lucca (42 in più), 34.566 a Pisa (37 in più), 21.798 a Livorno (16 in più), 26.501 ad Arezzo (45 in più), 17.431 a Siena (46 in più), 11.851 a Grosseto (56 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni.

Sono 179 i casi riscontrati oggi nell’Asl Centro, 107 nella Nord Ovest, 147 nella Sud Est.

La Toscana si trova al 10° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 8.032 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 8.189 per 100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 10.559 casi per 100.000 abitanti, Pistoia con 9.602, Pisa con 8.301, la più bassa Grosseto con 5.423.
Complessivamente, 7.286 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (316 in più rispetto a ieri, più 4,5%).
Sono 15.209 (801 in meno rispetto a ieri, meno 5%) le persone, anch’esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (ASL Centro 5.438, Nord Ovest 6.372, Sud Est 3.399).
Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti COVID oggi sono complessivamente 293 (stabili rispetto a ieri), 35 in terapia intensiva (2 in più rispetto a ieri, più 6,1%).
Le persone complessivamente guarite sono 279.727 (114 in più rispetto a ieri, più 0,04%): 0 persone clinicamente guarite (stabili rispetto a ieri), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e 279.727 (114 in più rispetto a ieri, più 0,04%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo.

Relativamente alla provincia di residenza, le tre persone decedute sono: 2 a Firenze, 1 a Livorno.

Sono 7.331 i deceduti dall’inizio dell’epidemia di Coronavirus cosi ripartiti: 2.370 a Firenze, 649 a Prato, 676 a Pistoia, 541 a Massa-Carrara, 695 a Lucca, 734 a Pisa, 428 a Livorno, 563 ad Arezzo, 363 a Siena, 217 a Grosseto, 95 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 199,8 per 100.000 residenti contro il 224 per 100.000 della media italiana (11° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa-Carrara (285,0 per 100.000), Prato (253,5 per 100.000) e Firenze (240,4 per 100.000), il più basso a Grosseto (99,3  per 100.000).

Si ricorda che tutti i dati saranno visibili dalle ore 18.30 sul sito dell’Agenzia Regionale di Sanità a questo indirizzo: www.ars.toscana.it/covid19

L'articolo Coronavirus in Toscana, 433 nuovi casi, 3 decessi da www.controradio.it.