Accordo tra Regione e Agenzia Spaziale Italiana per monitorare suolo

Accordo tra Regione e Agenzia Spaziale Italiana per monitorare suolo

Grazie alle più recenti tecniche di telerilevamento – che sfruttano le informazioni geolocalizzate provenienti dalle missioni spaziali – sarà possibile monitorare costantemente lo stato del paesaggio e quindi l’efficacia delle politiche per la sua tutela. Per questo l’accordo sottoscritto dalla Regione Toscana con l’ASI – Agenzia Spaziale Italiana si arricchisce andando a comprendere anche nuovi strumenti conoscitivi, capaci di raccogliere grandi quantità di dati con un livello di dettaglio e una frequenza senza precedenti

“Sarà un vero e proprio sguardo dal cielo sul bel paesaggio toscano – ha detto l’assessore regionale al governo del territorio Vincenzo Ceccarelli – un punto di vista privilegiato che presto garantirà preziose informazioni tramite dati telerilevati, da elaborare e mettere a disposizione del governo del territorio, per facilitare la pianificazione territoriale ed urbanistica della Regione, ma non solo. Infatti il nostro obiettivo è mettere il frutto di questi nuovi strumenti anche a disposizione delle amministrazioni comunali grazie ad un accordo con ANCI. Il primo passo della Toscana a tutela del suo patrimonio paesaggistico è stato quello di dotarsi di norme e strumenti urbanistici che limitano il consumo di suolo, adesso puntiamo ad innovare gli strumenti conoscitivi, perché risultano fondamentali per monitorare il consumo effettivo di suolo e tutelare il territorio in maniera davvero efficace”.

Da oltre un anno i tecnici della Direzione urbanistica della Regione stanno lavorando in collaborazione con Università di Firenze e Siena, ARTEA, Arpat, Lamma e CNR e in accordo con l’ASI per progettare e organizzare un sistema capace di restituire una fotografia dinamica dello stato del territorio e del paesaggio, a cominciare dal monitoraggio della risorsa suolo.

La Regione Toscana sta inoltre lavorando ad un telerilevamento da piattaforma aerea che avverrà nel corso degli anni 2020 e 2021. Centri storici, aree boscate, disegno dei terreni coltivati, fiumi e ogni altra caratteristica del territorio utile per finalità urbanistiche saranno fotografati con una risoluzione di 20 cm a terra. Questo consentirà di migliorare molto le attività che l’informazione geolocalizzata, a cominciare dall’agricoltura, alla cura delle foreste, difesa del suolo, protezione civile.

L’Agenzia Spaziale Italiana grazie a questo Accordo mira ad avere un vero e proprio “laboratorio” per sperimentare l’utilizzo dei dati dei satelliti nazionali, in particolare PRISMA e COSMO-SkyMed, a supporto delle politiche paesaggistiche e territoriali. Il Presidente dell’ASI, Giorgio Saccoccia, dichiara: “Per l’ASI è molto importante il coinvolgimento delle altre Amministrazioni per approfondire le potenzialità di uso operativo dei dati delle missioni nazionali, anche nella prospettiva di dare un nuovo impulso alla space/data economy nazionale. La Regione Toscana, in particolare, ha obiettivi lungimiranti e concreti, e questo ci stimola a dare loro il massimo supporto attraverso i nostri tecnici, cogliendo questa importante opportunità”.

L'articolo Accordo tra Regione e Agenzia Spaziale Italiana per monitorare suolo proviene da www.controradio.it.

Regionali Toscana, Bonafede: non c’è un accordo col Pd

Regionali Toscana, Bonafede: non c’è un accordo col Pd

Per le regionali del 2020 “in Toscana non c’è nessun accordo col Pd di carattere generale”. Lo ha detto Alfonso Bonafede, ministro della Giustizia, a margine di un convegno all’Università di Firenze sulla class action.

“Noi abbiamo preso una decisione in Umbria – ha spiegato – e nel momento in cui ci saranno competizioni elettorali in altre regioni faremo le nostre valutazioni regione per regione”. Secondo Bonafede “il punto importante di quello che sta succedendo in Umbria” è quello di “sostenere un cittadino che senza esperienze politiche precedenti possa portare una vera innovazione: questa innovazione poi, nel caso in cui Bianconi andasse a governare l’Umbria, troverebbe concretezza nel momento in cui si facesse una giunta che al suo interno non avrebbe nessun componente politico. Non mi chiedete se questa cosa si replicherà o non si replicherà – ha concluso – né da parte mia c’è la volontà di fare nessun sottinteso riferimento alla Toscana o ad altre regioni”.

Alcuni cronisti hanno colto l’occasione per chiedere al ministro Bonafede delle considerazioni sulla Leopolda, che iniziera quest’oggi, e se questa possa essere un elemento destabilizzante per la compagine di Governo: “Ho rispetto degli incontri che fanno le singole forze politiche, e proprio per questo rispetto non faccio nessun commento, ma sicuramente non nutro nessun timore al riguardo”, è stata la risposta.

L'articolo Regionali Toscana, Bonafede: non c’è un accordo col Pd proviene da www.controradio.it.

“Esperimenti e Rivelazioni”: la natura pensata in modo circolare

“Esperimenti e Rivelazioni”: la natura pensata in modo circolare

Sabato 12 ottobre si terrà presso la Limonaia del Giardino Corsini “Esperimenti e Rivelazioni”: un convegno dedicato alla natura vista in un’ottica circolare.

“Esperimenti e Rivelazioni” si tratta di un giorno di incontri circondati dal giardino rinascimentale e dallo spirito di Leonardo Da Vinci, uomo di scienza, botanico e artista. La biorobotica, la botanica, la composizione, il progetto del paesaggio sono i temi su cui vertirà la rassegna.

Il progetto del convegno è di Oliva Avogadro di Collobiano con la collaborazione di Sabina Corsini per la realizzazione; inoltre il convegno è promosso da Barbara Mazzolai, coordinatrice del Center for Micro-BioRobotics del IIT presso la Scuola Sant’Anna Superiore di Pisa, e Marcello Colocci, Professione Ordinario di Struttura della Materia presso l’Università degli Studi di Firenze.

Il programma, coordinato dal presidente dell’Accademia delle Belle Arti Firenze Carlo Sisi, prevede:

– 11,15: Apertura del convegno con Arturo Galansino;
– 11,30 – 12,15: Barbara Mazzolai ‘La Biorobotica e le Piante‘;
– 12,30 – 13,15: Sabrina Sabatini ‘La Scienza delle Radici‘;
– 13,30 – 14,30: coffee break;
– 14,30 – 15,15: Benedetto Camerana ‘Architettura Vegetale‘;
– 15,30 – 16,15: Umberto Pasti ‘Il Giardino per un Futuro‘.

L’iniziativa è aperta al pubblico fino a esaurimento dei posti disponibili.

L'articolo “Esperimenti e Rivelazioni”: la natura pensata in modo circolare proviene da www.controradio.it.

Università: borse e premi per incentivare lo studio delle discipline umanistiche

Università: borse e premi per incentivare lo studio delle discipline umanistiche

L’università degli studi di Firenze ha destinato 95 tra borse e premi per incentivare lo studio delle discipline umanistiche. I Dipartimenti interessati sono quelli di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo (SAGAS) e Lettere e Filosofia (DILEF). Quest’ultimi sono stati selezionati e finanziati dal MIUR. Lo scopo è promuovere la didattica e l’alta qualificazione.

Il Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte e Spettacolo mette al bando 12 borse di studio per i nuovi immatricolati e 24 premi per gli iscritti al secondo anno di sei corsi di laurea magistrale. I corsi magistrali sono: Archologia; Scienze archivistiche e biblioteconomiche; Scienze dello spettacolo; Scienze storiche; Storia dell’arte; Geografia, gestione del territorio e beni culturali per la cooperazione internazionale.

Per i nuovi immatricolati c’è tempo fino al 10 ottobre 2019 e il valore di ciascuna borsa è di 1.500 euro. Gli incentivi per gli studenti del secondo anno sono invece premi di 2.000 euro e le iscrizioni scadono il 6 ottobre 2019.

Invece, il Dipartimento di Lettere e Filosofia (DILEF)  mette a disposizione 59 borse per coloro che si iscrivono ai corsi di laurea magistrale in: Filologia moderna; Filologia, letterature e storia dell’antichità; Logica, filosofia e storia della scienza; Scienze filosofiche. La scadenza è fissata per il 27 settembre.

Il DILEF ha attivato due bandi. Il primo comprende 27 borse di 2.000 euro ciascuna e incentiva la frequenza di un percorso di eccellenza che integra il programma previsto dal corso di laurea scelto, con corsi interdisciplinari, seminari specialistici, lecture di visiting professor e tirocini presso enti e istituzioni culturali. Il secondo invece prevede invece 32 borse di 3.000 l’una per gli studenti che abbiano conseguito la laurea triennale all’estero o in un altro ateneo italiano e agli studenti residenti fuori dalla Regione.

L'articolo Università: borse e premi per incentivare lo studio delle discipline umanistiche proviene da www.controradio.it.

Servizio Civile Nazionale, l’Università di Firenze seleziona 28 volontari

Servizio Civile Nazionale, l’Università di Firenze seleziona 28 volontari

L’Università di Firenze seleziona 28 volontari nell’ambito del bando del Servizio civile nazionale che prevede una serie di progetti, tra i quali il miglioramento dei servizi bibliotecari.

Venti, tra i volontari selezionati per il Servizio civile nazionale, sono destinati al progetto “Il Pubblico al centro: per una nuova qualità dei servizi bibliotecari – 2020”, per il miglioramento dei servizi di accoglienza e il potenziamento del front office nelle biblioteche Unifi; quattro lavoreranno al progetto “Aiuto allo studio universitario nell’ambito dell’esecuzione penale – 2020”, con l’obiettivo di rendere effettivo il diritto fondamentale allo studio e alla formazione nel contesto carcerario e dell’esecuzione penale; altri quattro al progetto “Insieme si può”, per il supporto degli studenti con disabilità e DSA iscritti presso l’Ateneo fiorentino.

Il termine per rispondere al bando è il prossimo 10 ottobre, la domanda di partecipazione deve essere presentata esclusivamente attraverso la piattaforma online su https://domandaonline.serviziocivile.it/. Possono partecipare quanti, alla data di candidatura, abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno di età. La durata del servizio è di dodici mesi.

L'articolo Servizio Civile Nazionale, l’Università di Firenze seleziona 28 volontari proviene da www.controradio.it.