Cavalli: “Via da Firenze”, lettera ufficiale a sindacati

Cavalli: “Via da Firenze”, lettera ufficiale a sindacati

Firenze, nella vertenza sindacale della casa di moda Roberto Cavalli è arrivata dalla dirigenza ai sindacati la lettera che ufficializza la procedura di trasferimento a Milano, a partire da settembre, per i 170 addetti della sede di Sesto Fiorentino (Firenze) che l’azienda vuole chiudere.

Venerdì 22 maggio, alle 14:30, si svolgerà in merito un incontro tra sindacati e azienda ‘Cavalli’ a Firenze nella sede di Confindustria.

“Nell’era digitale e del Covid19 la nuova Roberto Cavalli è l’unica azienda nel paese che pensa che sia strategico trasferire 170 famiglie da Firenze a Milano perché lì c’è la gestione dei servizi digitali – dicono i segretari di Femca-Cisl e Filctem-Cgil Firenze, Mirko Zacchei e Luca Barbetti -. Crediamo, pur non essendo noi imprenditori, che tutte le aziende stiano dicendo l’opposto: proprio grazie al digitale e per le esigenze indotte da questa particolare situazione si sta valorizzando il valore e l’importanza del lavoro a distanza”.

“Peraltro – proseguono – questo non è il caso: siamo in presenza di un azienda fiorentina con sede propria per la quale la nuova proprietà ipotizza una chiusura senza ragioni tecnico economiche, senza un piano di sviluppo e rilancio dell’azienda e senza una ragione reale”.

“È chiaro a tutti – proseguono nello stesso comunicato stampa sul trasferimento di Cavalli a MIlano, i sindacalisti Zacchei e Barbetti – che sono sempre di più le aziende della moda che scelgono Firenze e il suo territorio”, mentre la chiusura di Sesto Fiorentino è “una scelta che rischia di tradursi in un vero e proprio licenziamento collettivo mascherato. A tutto questo ci opporremo con ogni mezzo coinvolgendo tutte le istanze del territorio e su questo affronteremo la discussione a partire dal prossimo incontro”.

Per Zacchei e Barbetti” i responsabili aziendali della Roberto Cavalli hanno anticipato alla stampa parti di un piano industriale che penalizza drammaticamente Firenze e che ancora non hanno voluto o saputo presentare nelle sedi opportune, cioè ai rappresentanti dei lavoratori e al tavolo in Regione. È un comportamento molto grave che dimostra assoluta insensibilità umana e mancanza di rispetto istituzionale”.

Il riferimento è a quanto riportato nei giorni scorsi dal Sole 24 ore, che ha pubblicato parti del “piano industriale della ‘nuova’ Roberto Cavalli” che ormai “è pronto e tra pochi giorni sarà presentato a istituzioni e sindacati”.

“Questo atteggiamento dell’azienda – proseguono i due sindacalisti – getta ulteriori ombre e perplessità su quanto la proprietà della Roberto Cavalli stia facendo rispetto alle decisioni sul sito di Firenze. Non è vero neppure che il trasferimento a Milano ‘era annunciato da mesi’: nessuna comunicazione o annuncio è mai stato fatto, se non informalmente nella riunione del 20 aprile 2020 e poi confermato in Regione il 30 aprile; così come mai c’è stata chiarezza rispetto alle finalità e ai contenuti precisi del piano. Forse l’azienda pensa di aver in qualche modo ‘illustrato’ i piani con i colloqui individuali fatti ad alcuni lavoratori del sito di Firenze nel mese di febbraio? Ad alcuni lavoratori era stato infatti disgraziatamente chiesto se fossero disponibili ad un eventuale trasferimento a Milano”.

“Questa modalità di gestione invece può avere profili di comportamento antisindacale. Chiediamo all’azienda – concludono nella stessa nota Zacchei e Barbetti – di cambiare immediatamente atteggiamento, ristabilendo modalità corrette di confronto con i lavoratori e i loro rappresentanti, per poter avere una corretta e regolare trattativa e gestione delle dinamiche sindacali”.

L'articolo Cavalli: “Via da Firenze”, lettera ufficiale a sindacati proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi