Certaldo è il Comune più ‘riciclone’ della Toscana

Certaldo è il Comune più ‘riciclone’ della Toscana

Certaldo è il Comune con 15mila abitanti che in Toscana nel 2021 ha raggiunto la percentuale di raccolta differenziata più alta, con una quota dell’86% e una produzione pro capite di rifiuti indifferenziati di 55 kg annui per abitante.

Una quota dell’86% e una produzione pro capite di rifiuti indifferenziati di 55 kg annui per abitante. per il terzo anno consecutivo Certaldo, in provincia di Firenze, Firenze si aggiudica il titolo di Comune più ‘riciclone’ della Toscana, tra le realtà sopra i 15mila abitanti. Seguono in graduatoria Fucecchio (Firenze), con l’84,6% e Monsummano Terme (Pistoia) con una quota dell’85,4%.

Il riconoscimento da parte di Legambiente, che ogni anno premia le comunità locali, amministratori e cittadini, che hanno ottenuto i migliori risultati nella gestione dei rifiuti. riguarda le raccolte differenziate avviate al riciclaggio, ma anche acquisti di beni, opere e servizi, che hanno valorizzato i materiali recuperati da raccolta differenziata. “Siamo felici di aver ricevuto ancora una volta questo riconoscimento, che è la conferma del lavoro di tutta la comunità nella raccolta differenziata – dice il sindaco del Comune di Certaldo Giacomo Cucini -. È un risultato importante e non scontato, che ha ancora più valore considerati i dati nazionali sulla pandemia”.

Dai dati emersi nell’edizione del 2022, che riguardano il 2021, insieme con Certaldo sono ben 590 in tutta Italia i Comuni ‘rifiuti free’, che hanno quindi una produzione pro-capite di rifiuti avviati allo smaltimento inferiore ai 75kg. Sono invece diminuiti i Comuni virtuosi, complici gli effetti della pandemia che hanno costretto a conferire nell’indifferenziato tutti i rifiuti prodotti dai contagiati, portando alla diminuzione della percentuale di raccolta differenziata, e all’aumento della produzione pro-capite di rifiuto da avviare a smaltimento.

L'articolo Certaldo è il Comune più ‘riciclone’ della Toscana da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi