Cgil, ospedali Firenze verso collasso

Cgil, ospedali Firenze verso collasso

Firenze, secondo una nota della Fp Cgil di Firenze, “Da una settimana tutti i presidi ospedalieri della zona fiorentina e della Usl Toscana Centro sono investiti in pieno dall’ondata di ricoveri Covid che sta mettendo in ginocchio l’intero sistema ospedaliero. I reparti Covid sono pieni da giorni in tutti i presidi ospedalieri, l’apertura di nuovi posti letto (16 a Torregalli, 10 a Ponte a Niccheri) risulta impossibile a causa della mancanza di personale infermieristico e Oss”.

“Ad oggi la Regione, colpevolmente incapace di percepire la drammatica situazione in atto – si afferma nel comunicato della Cgil – non ha attuato tutte le dovute misure straordinarie che da giorni chiedono le organizzazioni sindacali”, ad esempio “per assumere il personale in modo rapido o la rimodulazione delle attività ambulatoriali non urgenti e differibili. Il picco pandemico di questa nuova ondata è previsto fra alcune settimane, se non saranno prese immediate misure straordinarie le conseguenze per la nostra realtà saranno insostenibili”.

La Cgil afferma inoltre che problemi ci sono anche per l’alto numero di contagiati, “più di 250 nella sola Usl Toscana Centro”, e lamenta che all’ospedale di Ponte a Niccheri gli operatori sono costretti a togliersi le tute Dpi nei terrazzi, mentre a Torregalli “ci scontriamo con impianti vetusti quando i locali individuati per incrementare i posti letto Covid necessitano di ossigeno e macchine a ventilazione assistita”.

L'articolo Cgil, ospedali Firenze verso collasso proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi