Coronavirus: Prato vieta di stazionare la sera in vie movida

Coronavirus: Prato vieta di stazionare la sera in vie movida

Il sindaco di Prato Matteo Biffoni ha firmato un’ordinanza che impone il divieto di stazionamento in una serie di vie del centro storico in orario serale nei giorni di venerdì e sabato.

Si tratta di strade che, per la loro conformazione, sono strette ma comunque molto frequentate. Da questa sera, dunque, dalle 21 alle 5 del mattino ogni venerdì e sabato sarà “vietato stazionare” nelle seguenti vie: via Pugliesi, via dell’Accademia, via Giuseppe Garibaldi, via Settesoldi, via dei Lanaioli, via dei Sei, via dei Cimatori, vicolo Inghirami, via Buonconti, via Verdi, via Cesare Guasti, via Firenzuola, Corso Mazzoni, via Ricasoli, via Cairoli, via Santa Trinita. Si tratta di gran parte del centro storico pratese. L’ordinanza, che ha validità fino al prossimo 13 novembre, specifica che viene “fatta salva la possibilità di attraversamento, in particolare per l’accesso e deflusso agli esercizi pubblici legittimamente aperti e alle abitazioni private”. In caso di violazioni previste multe da 400 a 1000 euro. “Questo provvedimento vuole essere soprattutto un segnale, perché dobbiamo tutelare la salute e il lavoro. Dobbiamo evitare che questo aumento dei contagi continui e scongiurare un rischio lockdown – sottolinea Biffoni -. Evitare assembramenti, anche nelle strade più strette, utilizzare correttamente la mascherina, igienizzare spesso le mani sono regole fondamentali. Sta a ciascuno di noi fare la propria parte con comportamenti responsabili. Un ringraziamento particolare va alle categorie economiche e ai gestori dei locali che, come sempre, hanno dimostrato massimo spirito di collaborazione”. Il Comune metterà a disposizione di tutti gli esercenti una grafica dove si ricorda il divieto di stazionamento, così che possa essere affisso all’ingresso dei locali.

L'articolo Coronavirus: Prato vieta di stazionare la sera in vie movida proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi