Fiorini d’oro 2018

Fiorini d'oro 2018

La consegna in programma quest’anno a San Miniato il 23 giugno. Tra i premiati la scrittrice Dacia Maraini, la taxista solidale Caterina Bellandi, il pallanotista De Magistris, la maison Gucci e le associazioni che prestano assistenza domiciliare ai pazienti oncologici.

d29474 19 Giugno 2018

La tradizionale cerimonia per la consegna dei Fiorini d’oro a personalità e organizzazioni che si sono distinte per il loro impegno e amore per Firenze si svolgerà quest’anno a San Miniato, in omaggio alle celebrazioni per il Millenario della Basilica.

L’appuntamento è fissato per il 23 giugno alle 21. 

Queste le personalità che saranno insignite del Fiorino:

la scrittrice Dacia Maraini, una delle voci fondamentali della letteratura italiana contemporanea, protagonista eminente della lotta per l’emancipazione della donna;

Caterina Bellandi (taxi Milano 25), che da anni porta un sorriso ai bambini che accompagna in ospedale per sottoporsi alle terapie;

Gianni de Magistris, leggendario protagonista della pallanuoto mondiale, prima come giocatore e poi come allenatore; ex nuotatore ed ex pallanuotista;

la Compagnia dei Babbi Natale, che promuove azioni a sostegno di chi si trova in stato di sofferenza;

la Fondazione Associazione Nazionale Tumori (Ant) e l’ Associazione Toscana Tumori, che si occupano gratuitamente di assistenza specialistica domiciliare ai pazienti oncologici;

Roberto Casamonti, fondatore della Galleria Tornabuoni di Firenze e collezionista di fama internazionale, che ha da poco aperto al pubblico la sua raccolta di arte contemporanea;

la maison di moda Gucci, una delle grandi case che hanno fatto la storia del Made in Italy;

il Festival delle religioni per l’impulso che ha saputo fornire al dialogo interreligioso in un’epoca contrassegnata dall’inquietante  ritorno del fanatismo e dell’intolleranza fondamentalista;

Unicoop Firenze, per il progetto 'Un cuore si scioglie', che ha permesso di realizzare preziosi interventi di cooperazione internazionale e di solidarietà.

 

I commenti sono chiusi