Firenze, ex caserma Lupi di Toscana: chiesti fondi Pnrr per realizzare studentato pubblico

Firenze, ex caserma Lupi di Toscana: chiesti fondi Pnrr per realizzare studentato pubblico

Firenze – Il progetto, nella ex caserma Lupi di Toscana, prevede la realizzazione di 55 camere singole, 19 camere doppie e 21 mini alloggi, con due aule studio, sale riunioni, sala gioco, locale fitness, sala video e musica ed emeroteca.

Il Comune di Firenze scende in campo per rispondere al fabbisogno di alloggi di oltre 20.000 studenti universitari, di cui oltre 800 meritevoli ma senza mezzi economici, attraverso la realizzazione di nuovi studentati pubblici. Questo è l’obiettivo della candidatura avanzata attraverso Casa spa al bando su fondi Pnrr per la costruzione di due nuovi edifici da 114 alloggi nell’area della ex caserma Lupi di Toscana nell’ambito del piano particolareggiato di intervento: la spesa complessiva è di 12,7 milioni di euro.

Il progetto, si legge in una nota, prevede la realizzazione di 55 camere singole, 19 camere doppie e 21 mini alloggi, con due aule studio, sale riunioni, sala gioco, locale fitness, sala video e musica ed emeroteca. Il 60% dei posti sarà destinato a studenti capaci e meritevoli: la candidatura ha avuto il via libera della Giunta di Palazzo Vecchio su proposta del sindaco Dario Nardella e dell’assessore all’urbanistica Cecilia Del Re.

In totale l’intervento riguarderà un’area di 2800 mq, di cui 1.200 compresi nell’area dell’ex caserma e 1.600 in area privata sulla quale è già stabilito il vincolo di esproprio per pubblica utilità. Saranno realizzati due edifici, il primo a torre, da otto piani e il secondo in linea, su tre piani. “Faremo di Firenze la vera capitale italiana dei talenti con un piano poderoso di attrazione di studenti italiani e internazionali – ha detto il sindaco Dario Nardella -. Uno dei punti di forza del nostro piano riguarda gli investimenti pubblici e privati per la realizzazione degli studentati. Dopo lo Student Hotel, lo studentato del Romito e i progetti della Manifattura Tabacchi e dell’area Belfiore, è la volta dei Lupi di Toscana”.

L’assessore Del Re ha aggiunto che “era necessario potenziare l’offerta e renderla accessibile a tutti con investimenti pubblici come questo”, secondo l’assessore Titta Meucci (con delega a università e ricerca) “offrire servizi di accoglienza all’altezza di una città che fa dell’alta formazione una vocazione riconosciuta rappresenta un elemento qualificante e di crescita per tutti”.

L'articolo Firenze, ex caserma Lupi di Toscana: chiesti fondi Pnrr per realizzare studentato pubblico da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi