Firenze, Fisac Cgil Toscana: dal 18 al 20 novembre la “Festa Itinerante”

Firenze, Fisac Cgil Toscana: dal 18 al 20 novembre la “Festa Itinerante”

Dal 18 al 20 novembre avrà luogo a Firenze la “Festa Itinerante” organizzata dalla Fisac Cgil Toscana. Dibattiti, incontri, testimonianze ma anche musica nei tre giorni dell’evento del sindacato. Il concerto conclusivo del 20 novembre vedrà la performance di Bobo Rondelli, insieme alla testimonianza di Maso Notarianni, già a bordo della nave Alex di Mediterranea. Durante quest’ultimo, che si svolgerà all’auditorium Flog, ci sarà una raccolta fondi a favore dell’Ong Mediterranea.

Numerosi gli ospiti internazionali nei tre giorni della “Festa Itinerante”. I dibattiti organizzati sono quelli sulla riorganizzazione del sistema bancario con la presenza del direttore generale di ABI Giovanni Sabatini, insieme al segretario generale Fisac Giuliano Calcagni. Presenti anche numerosi segretari nazionali con delega al sistema assicurativo e i responsabili delle maggiori compagnie nazionali.

Khouloud Al Ali affronterà la situazione del Libano, la guerra e le ricadute sui processi migratori affrontati in Italia e in Occidente. Il professor della Sapienza di Roma, Mimmo Carrieri avvierà una discussione sulla ‘rottura sentimentale’ tra lavoratori e sinistra. Insieme a lui, interverranno Tania Sacchetti della segreteria nazionale Cgil, Agostino Megale segretario confederale. Presenti anche il Presidente dell’ufficio studi Fisac, Enrico Rossi presidente della Regione, e Massimo D’Alema, presidente della Fondazione Italianieuropei.

All’origine di “festa Itinerante”, c’è, secondo gli organizzatori, quella di “provare ad allargare la riflessione. Ampliare il dibattito socio-politico ad una dimensione più ampia rispetto alla sloganistica o le logiche di potere personale che caratterizzano i tempi attuali in Toscana e nel paese”.

Per sfogliare il programma completo, clicca qui.

L'articolo Firenze, Fisac Cgil Toscana: dal 18 al 20 novembre la “Festa Itinerante” proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi