Firenze: scritta denigratoria contro consigliere Q3

Firenze: scritta denigratoria contro consigliere Q3

Vittima il  consigliere del Quartiere 5 di Sinistra progetto comune Andrea Ciulli. La scritta è stata  trovata di fronte al suo esercizio commerciale.

E’ quanto denunciano in una nota Sinistra progetto comune e Sinistra italiana Firenze.
“In questi anni abbiamo lavorato insieme a Ciulli – si legge -per promuovere occasioni utili a creare una cultura inclusiva e di rispetto reciproco: fatti come quello di oggi ci impongono di stringerci ancora di più tra di noi e rilanciare l’impegno quotidiano in questa battaglia”. I consiglieri comunali di Spc Dmitrij Palagi e Antonella Bundu hanno sottolineato che
“nell’unirci alle parole di vicinanza umana e politica per l’attacco omofobo subito dal Consigliere Ciulli, aggiungiamo alcune considerazioni sul dibattito interno a Palazzo Vecchio.

La prossima settimana verrà discussa una mozione che avevamo presentato di sostegno al Pride che si sarebbe dovuto tenere a Livorno, mentre poche sedute fa un Consigliere della Lega ha proposto un atto per negare l’omotransfobia, sostenendo che non esiste questo problema nel Paese”. Solidarietà anche da parte degli assessori alle pari opportunità Sara Funaro e alla cultura Tommaso Sacchi: “Firenze – hanno detto – condanna con forza la
scritta omofoba e minacciosa apparsa nel quartiere 5 contro il consigliere Ciulli, appassionato amministratore che stimiamo e al quale esprimiamo vicinanza e piena solidarietà. Firenze, città dei diritti, ripudia un’offesa omofoba così violenta e
inaccettabile”.

Sul tema è intervenuto anche il sindaco Nardella. “Oggi a Firenze sono apparse
scritte omofobe e minatorie contro il consigliere di Quartiere 5, Andrea Ciulli. Solidarietà totale al nostro consigliere. Forza Andrea! Non c’è spazio nella nostra città per gesti
bestiali e vigliacchi. Se lo mettano in testa”. Così il sindaco di Firenze Dario Nardella su twitter.

L'articolo Firenze: scritta denigratoria contro consigliere Q3 proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi