Hub vaccinali in Toscana, destinati agli ultraottantenni

Hub vaccinali in Toscana, destinati agli ultraottantenni

Firenze, il presidente del Consiglio regionale della Toscana Antonio Mazzeo, ha scritto un post sulla sua pagina ufficiale Facebook, in cui annuncia la novità degli ‘hub vaccinali’ per quanto riguarda la vaccinazione degli ultraottantenni nella regione.

“La campagna vaccinale in Toscana continua con una ulteriore importante novità per gli over 80. – scrive Mazzeo – Da ieri, all’importante lavoro dei medici di famiglia, è stata affiancata anche l’apertura di alcuni hub vaccinali destinati proprio agli ultra 80enni”. Mazzeo ha quindi postato anche una foto della palestra di Calcinaia, trasformata appunto in un hub vaccinale “dove – scrive Mazzeo – oggi, ne sono stati vaccinati 180”.

“In Toscana, ieri, sono stati vaccinati 6811 over 80 e 2000 vulnerabili, un numero più basso dei giorni scorsi perché stiamo terminando le dosi! Ne abbiamo somministrato l’88% di quelle ricevute (una parte va conservata sempre per i richiami), contro la media italiana del 82,4% – ha continuato il presidente del Consiglio Regionale della Toscana Mazzeo – L’obiettivo resta quello di dare almeno la prima dose a tutti gli over 80 entro il 25 aprile: sono stati già vaccinati 220 mila ultraottantenni su 320 mila, ne restano 100 mila. Quest’ultima settimana sono state somministrate 60 mila prime dosi agli over 80, quindi se le forniture arriveranno regolari potremo riuscire a completare la vaccinazione di tutti gli over 80 entro due settimane”.

“Ovviamente il punto critico sono sempre le forniture: pensate che il governo nel suo piano vaccinale prevedeva di somministrare entro marzo 38 milioni di vaccini alle categorie prioritarie ma alle Regioni sono arrivate solo 12 milioni di dosi, meno di un terzo! – conclude nel suo post Facebook Mazzeo. – Più vaccini avremo a disposizione, più toscani riusciremo a vaccinare, prima potremo riaprire”.

L'articolo Hub vaccinali in Toscana, destinati agli ultraottantenni proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi