L’illusione del mercato libero

L’illusione del mercato libero

Il CAFFE’ SCORRETTO di DOMENICO GUARINO -mercoledì 21 ottobre 2020

Immaginate di essere in una baia stupenda ed immensa, con acque cristalline, solo che poi immergendovi, scoprite -o meglio non lo scoprite perché  nemmeno ve ne rendete in quanto  il meccanismo illusorio è costruito alla perfezione-  che di quella meraviglia della natura potete godere una porzione infinitesimale, mentre  tutto il resto vi viene precluso. Ecco, quello che gogole fa con la nostra esperienza del mondo on line è esattamente questo: ci porta dove vuole lui facendoci cedere che in fondo siamo noi a scegliere. E facendo questo non solo guadagna trilioni di dollari, ma costruisce la nostra cultura e dunque anche la nostra visione del mondo con tutto quello che ne consegue.

Ora  l’antitrust di degli Stati Uniti vuole scardinare questo meccanismo intentando un’offensiva legale contro il re dei motori di ricerca, accusato di aver creato un un monopolio illegale, di aver soffocato  la concorrenza, soprattutto attraverso accordi miliardari con i produttori di computer e di smartphone, di  aver  “blindato” le nostre ricerche su Internet,  ed  impedito l’innovazione. 

Il colosso di San Francisco si difende sostenendo che tutto avviene per libera scelta dell’utente, e che tutte le attività di promozione solo legali. 

Al netto  delle ipotesi di speculazione politica, relative al fatto che tra  poco negli Stati Uniti si vota, la battaglia legale ci dice tre  cose. La prima è una constatazione amara:  tutti i giganti dell’hi tech e dell’ e commerce, nati per capovolgere e liberalizzare il sistema, sono nel frattempo diventati di fatto  i peggiori monopolisti, utilizzando su una scala inusitata gli stesi metodi di quelli che erano i loro odiati competitor.

La seconda è il paradosso del  Paese che ha imposto al mondo, anche con le armi ,convenzionali o meno,  il modello del ibero mercato, dimostra  di aver costruito  un mercato tutt’altro che libero.

La terza, ben ben più sostanziale è che mentre la virtualità, anche grazie alle vicende covid, diventa parte sempre più integrante delle nostre vite, non esiste ancora una legislazione ed una giurisprudenza  all’altezza della sfida e degli interessi che abbiamo di fronte. A nessuno infatti sarebbe  permesso di comprare tutte le strade di una città e di indirizzare pedoni ed auto a proprio piacimento, a Gooole ad Amazon, a Facebook etc etc si. E’ ora di correre ai ripari, prima che sia troppo tardi.

L'articolo L’illusione del mercato libero proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi