“L’Italia è nata antifascista”. Comuni, forze sindacali e Anpi del Chianti firmano la prima Carta antifascista della Toscana

Impegni e azioni comuni contro la discriminazione e la dimensione fascista. I sindaci: “non concederemo spazi pubblici per iniziative che promuovono la storia fascista, destineremo i beni confiscati alla mafia a finalità sociali, trasmetteremo i valori della Resistenza nelle scuole”

I commenti sono chiusi