Massa Carrara, difesa ‘don Euro’: “vescovo non processabile manca querela”

Massa Carrara, difesa ‘don Euro’: “vescovo non processabile manca querela”

Così il legale del religioso, avvocato Adriano Martini stamani all’apertura del processo a Massa, che vende imputato monsignor Santucci per tentata truffa e appropriazione indebita.

Il vescovo di Massa Carrara e Pontremoli Giovanni Santucci “non è processabile” dal tribunale di Massa nell’ambito dell’inchiesta sull’ex parroco Luca Morini, conosciuto come don Euro.
Secondo il legale in base “alla riforma Orlando dal 27 aprile 2018 per i reati contestati a Santucci si deve procedere a querela”, che però non è stata presentata: il procedimento è stato avviato d’ufficio. Per questo ha chiesto al tribunale di considerare la “mancanza di giurisdizione del magistrato penale”.
Le presunte parti offese per i reati contestati al vescovo sono Cattolica Assicurazione nei cui confronti, per la procura, Santucci avrebbe fatto pressione per aumentare il premio di invalidità a don Morini e il Vaticano, per un prelievo di 1.000 euro effettuato dal vescovo sui fondi della Fondazione Pie Legati per consegnarli a Morini.
Il tribunale ha rinviato l’udienza al 20 giugno: in quella data formulerà ufficiale richiesta di querela alle parti offese, che avranno 90 giorni per decidere se procedere oppure no.

Il vescovo Santucci, fu rinviato a giudizio dal gup di Massa per tentata truffa e appropriazione indebita ai danni dei fedeli e per aver trattenuto per se’ offerte e donazioni per i poveri. Morini, ribattezzato dai fedeli don Euro, a gennaio fu esonerato dagli obblighi sacerdotali.

L'articolo Massa Carrara, difesa ‘don Euro’: “vescovo non processabile manca querela” proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi