Monopattini: Firenze ci riprova, nuova ordinanza per obbligo casco

Monopattini: Firenze ci riprova, nuova ordinanza per obbligo casco

L’obbligo scatterà dal primo dicembre per dare idoneo tempo alle società  di sharing di mettersi in regola dotando i monopattini a noleggio di alloggio per il casco. previsti anche incentivi per acquisto

“Abbiamo predisposto una nuova ordinanza che recepisce i rilievi della sentenza del Tar del febbraio scorso con un arco temporale adeguato per consentire a tutti di mettersi in regola. Ma vogliamo superare la sentenza del Tar non solo con regole ma anche con incentivi così da consentire all’utenza di poter utilizzare questo mezzo di trasporto in maniera il più sicura possibile. Mi auguro che presto ci sia una normativa nazionale su questo tema”. lo ha dichiarato ha dichiarato il sindaco di Firneze  Dario Nardella, che ha anche annunicato  “una campagna sull’uso consapevole dei monopattini, insieme alle associazioni che si occupano di sicurezza stradale, rivolta in primo luogo ai giovani, alle scuole e alle università”.

Anche i maggiorenni dovranno circolare sulle strade comunali di Firenze con i monopattini elettrici indossando il casco, dunue. Questo è quanto prevede una nuova ordinanza sulla sicurezza stradale. L’obbligo scatterà dal primo dicembre per dare idoneo tempo alle società di sharing di mettersi in regola dotando i monopattini a noleggio di alloggio per il casco. Intanto il Comune accompagnerà questo obbligo con una serie di misure volte da un lato ad agevolare la diffusione di questo fondamentale presidio per la sicurezza e dall’altro a promuovere ulteriormente l’utilizzo dei monopattini che sono comunque considerati un importante mezzo per lo sviluppo della mobilità sostenibile: una delibera che sarà approvata a breve prevedrà alcuni incentivi per l’acquisto di caschi protettivi da parte degli utenti e una ulteriore delibera consentirà l’ampliamento del servizio di noleggio da 900 a 1200 mezzi ma solo alle compagnie che avranno sui nuovi monopattini il dispositivo porta-casco.

“Il Comune – ha aggiunto l’assessore Giorgetti – punta molto sugli incentivi, così da arrivare a fornire 1000 caschi per i residenti che dimostrino di avere un monopattino o un abbonamento di sharing. Ma ricordo che la sicurezza stradale si garantisce soprattutto col rispetto dei limiti di velocità: per questo vogliamo aumentare le zone dove è consentito circolare a massimo 30 chilometri orari, che già oggi sono pari a 135 chilometri”.

Si prevede l’erogazione di un contributo economico a favore dei residenti nell’area urbana che acquisteranno un casco utilizzabile per il monopattino, o in alternativa la distribuzione ai richiedenti di caschi che saranno acquistati direttamente dall’amministrazione comunale. L’importo dell’eventuale contributo e/o la tipologia e le caratteristiche dei caschi saranno determinati nelle prossime settimane a seguito di un’analisi di mercato da parte degli uffici comunali. In secondo luogo si prevede di poter autorizzare, previo il raggiungimento di un accordo con i gestori, l’estensione delle flotte attualmente disponibili per i servizi di sharing di monopattini, a fronte dell’introduzione di soluzioni per agevolare l’utilizzo dei servizi da parte di quegli utenti occasionali che non sono provvisti di casco, come per esempio l’adeguamento dei veicoli con una custodia apposita per l’alloggiamento del casco, oppure l’introduzione di box fissi per il prelievo dei caschi. In questo modo saranno pienamente conciliati gli obiettivi di sicurezza stradale e di mobilità sostenibile.

L'articolo Monopattini: Firenze ci riprova, nuova ordinanza per obbligo casco da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi