Oscurarono telecamere con nastri adesivi durante Lucca Comics & Games: quattro denunce

Oscurarono telecamere con nastri adesivi durante Lucca Comics & Games:  quattro denunce

In concomitanza dell’ultima edizione del Lucca Comics & Games, un’associazione culturale aveva chiesto e ottenuto dall’amministrazione comunale l’uso dei sotterranei del baluardo San Martino, con accesso da via Buiamonti.

Ma in fase di allestimento dell’evento, il BordaFest, del tutto autonomo e indipendente dal grande festival lucchese del fumetto, furono oscurati con adesivi gli obiettivi delle telecamere presenti nell’area, impedendo il normale funzionamento del sistema di videosorveglianza cittadina utilizzato dalle centrali operative della Polizia Municipale, Polizia di Stato e Carabinieri.

Il proposito di far perdere le immagini non ha impedito però all’amministrazione di fare luce su cosa fosse successo. Infatti, al termine di indagini molto complesse ed articolate, portate avanti dal Nucleo di sicurezza urbana della Polizia Municipale di Lucca, gli agenti sono riusciti a ricostruire quanto accaduto nei sotterranei e l’esatto svolgimento della festa, nonché a dare un volto ed un nome agli autori dell’oscuramento delle telecamere.

Sono state così denunciate all’autorità giudiziaria quattro persone a vario titolo per danneggiamento, interruzione di pubblico servizio, svolgimento di pubblico spettacolo e somministrazione di alimenti e bevande senza le autorizzazioni prescritte. Gli agenti della Polizia Municipale hanno così scoperto che nell’area concessa dagli uffici comunali competenti si era svolta una vera e propria “festa abusiva”, affollata da centinaia di persone, con tanto di palco attrezzato con consolle per dj set e bar con listino prezzi.

Questi fatti avevano determinato già a novembre un’interrogazione in Consiglio comunale, ma le indagini sono ancora in corso per stabilire eventuali ulteriori responsabilità.

L'articolo Oscurarono telecamere con nastri adesivi durante Lucca Comics & Games: quattro denunce proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi