Strage Viareggio, Rossi: “Sentenza pone tutti di fronte a proprie responsabilità”

FIRENZE – Una sentenza che restituisce alle famiglie prima di tutto il senso di una giustizia che individua responsabilità che in tutta questa dolorosa vicenda, al di là del merito di ogni singola persona, sono evidenti e che sono all'origine di quanto accaduto. Così il presidente della Regione Enrico Rossi, commentando la sentenza della corte di appello di Firenze sulla strage alla stazione di Viareggio del 29 giugno 2009.

"Nessuno – ha detto ancora Rossi - potrà mai restituire le persone morte alle famiglie e ai loro cari. E niente potrà mai rimediare alle ferite riportate nel corpo e nell'anima da tante persone a causa di quella tragedia. Ma la giustizia ha funzionato, è arrivata una sentenza in appello che pone tutti di fronte alle proprie responsabilità, anche oltre coloro che sono stati direttamente condannati".

"Dopo quella vicenda – ha aggiunto Rossi - io stesso mi sono occupato di come poteva essere alzato il livello di sicurezza dei trasporti su ferro a tutela prima di tutto delle popolazioni civili. Ed è stato stabilito un limite di velocità. Troppo tardi però, e troppo poco. Anche perché l'Ue non ha ancora individuato le modalità per consentire un controllo più efficace della sicurezza del materiale rotabile che viaggia sulle ferrovie. In questo giorno di amarezza, e allo stesso tempo di compimento di una tappa verso l'accertamento della verità, quello che resta da fare affinchè certi episodi non si ripetano deve costituire l'impegno di tutte le persone che hanno responsabilità in questo settore. E ovviamente in primo luogo della politica e delle istituzioni che hanno compiti di regolazione".

I commenti sono chiusi