Tomàs Saraceno in conversazione su arte e natura, domani.

Tomàs Saraceno in conversazione su arte e natura, domani.

Tomàs Saraceno in coversazione in diretta streaming a parlare di arte, natura e Antropocene. Domani.

Si sa, i musei sono chiusi da mesi. Però, grazie alle strategie efficaci di comunicazione da loro attuate è stato possibile esplorare i dintorni dei lavori d’arte. E qual’è la maniera migliore per farlo? Sentirne parlare gli artisti.

Domani sarà possibile sentire Tomàs Saraceno parlare dal vivo del suo lavoro.

Infatti domani 13 maggio sarà possibile ascoltare Tomas Saraceno parlare di Aria,  la sua mostra aperta al pubblico a Palazzo Strozzi alla fine di febbraio 2020 e adesso chiusa in attesa di tempi migliori, che speriamo molto vicini.

Dunque Saraceno sarà in conversazione, in diretta streaming, a discutere di arte e natura con Arturo Galansino, che è il Direttore della Fondazione Palazzo Strozzi,  insieme a Stefano Mancuso, Direttore del Laboratorio internazionale di neurobiologia vegetale LINV, e a Lisa Signorile,  biologa e giornalista scientifica.

E questa loro conversazione Dall’Antropocene all’Aerocene verterà su arte, natura e impegno collettivo per ripensare il nostro modo di vivere e interagire con il pianeta.

Il bello è che seguirla è facile. Basterà andare sulle pagine Fb della Fondazione Palazzo Strozzi e della Manifattura Tabacchi 

Davvero, questa sarà un’occasione molto interessante per sentire un bravo artista parlare di arte con bravi esperti di altri settori. E per capire che è nostro dovere e nostro compito cominciare a riparare i danni causati dalla nostra avidità e dal nostro uso irresponsabile delle risorse naturali.
Questa bella iniziativa è realizzata in collaborazione con Manifattura Tabacchi e fa parte del progetto di Palazzo Strozzi IN CONTATTO. Di sicuro, sentire Tomàs Saraceno che ci invita con la sua arte a un ripensamento profondo del nostro modo di agire potrà aprire nuove letture dei suoi lavori.
Si, uscire dall’Antropocene sviluppando nuovi modelli di pensiero è possibile. E magari il Covid19 ci può essere stato persino utile, se serve a capire che bisogna cambiare rotta.
Arte per cambiare rotta: allora segnatevi tutti l’appuntamento. E non perdiamo l’occasione di ascoltare Tomàs Saraceno, Signorile, Mancuso e Galansino parlare di Antropocene, di alternative e di arte radicale.
Margherita Abbozzo
 

 

 

L'articolo Tomàs Saraceno in conversazione su arte e natura, domani. proviene da www.controradio.it.

Fase 2: viviamola al meglio

Fase 2: viviamola al meglio

Siamo in Fase 2. Ancora però non al sicuro. Ed è una buona idea rimanere il più possibile a casa. Ecco alcune idee d’artista fenomenali.

 

Comicia la Fase 2. E dato che la necessità aguzza l’ingegno…

… guardate cosa propone Ýrúrarí, una designer tessile islandese che vive a Reykjavik.

Non trovate queste sue mascherine perfette per il distanziamento sociale da Fase 2?

Geniale, vero? Un’idea da copiare e personalizzare. Mandateci foto e le pubblicheremo.

Oppure forse trovate che la mascherina non sia abbastanza. Dato che il distanziamento sociale e i dispositivi di protezione individuale saranno con noi e nelle nostre routine quotidiane per un bel pò, almeno fino a quando arriverà un vaccino efficace e non arriveremo a un programma globale di immunizzazione di massa,

Joe Doucet, designer nord americano, propone di utilizzare delle vere e proprie  visiere.

Siccome “Gli studi hanno dimostrato che le protezioni per il viso o le visiere sono molto più efficaci delle mascherine chirurgiche, ma nel loro attuale formato di base sono scomode», ecco la visiera ultra cool di Doucet. Distanziamento garantito anche in Fase 2!

A parte mascherine e visiere, ecco l’ idea perfetta per impiegare bene il tempo. Proposta geniale e divertente: create un’opera d’arte seguendo passo passo le istruzioni degli artisti.

Si può fare con  AUTOPROGETTAZIONE – Istruzioni d’artista per realizzare un’opera d’arte a casa propria, un progetto a cura di Toni Merola, Nicola Pellegrini e Bianca Trevisan.

Insomma, fatevi la vostra opera d’arte. Moltissimi artisti vi guidano nella realizzazione di lavori da semplici a complessi. Sono ore di divertimento intelligente insieme a, tra i tanti ,  Vedovamazzei, Margherita Morgantin, Cesare Pietroiusti, Wurmkos, William Kentridge…

Autoprogettazione è ua vera miniera di idee e un progetto davvero fantastico.

Come si fa? Seguendo Autoprogettazione dal sito e dalla pagina Instagram @autoprogettazione. Nuove idee arrivano ogni giorno e ce ne sono così tante da bastare per settimane e rendere gioiosi  questi confini domiciliari in Fase 2.

E il bello è che «l’autoprogettazione», come si legge sul sito «racchiude in sé una doppia possibilità: creare un’opera autonomamente e, attraverso l’arte, auto(ri)progettare la propria esistenza».

Insomma, perfetto per questi nostri giorni.

Giorni e Fase 2 che cerchiamo tutti di vivere al meglio. E una cosa importante è sviluppare la gratitudine per quello che nonostante abbiamo. Come hanno fatto due artisti che lavorano insieme in Olanda con il nome di Studio Drift. Per ringraziare con un lavoro a sorpresa gli operatori della sanità in prima linea.

Con 300 droni illuminati in volo sull’ospedale Erasmus di Rotterdam la notte del 75esimo anniversario della Liberazione alla fine della Seconda Guerra Mondiale.

Anche Banksy ha appena regalato un lavoro all’ospedale di Southampton.

Va bene ringraziare il personale medico. Ricordiamoci però di smettere di tagliare fondi alla sanità. La gratitudine è un bel sentimento che aiuta davvero. Ringraziare è bello, com’è bello  dare un sostegno concreto per rendere tangibile la gratitudine. Anche a Controradio. La vostra radio preferita che anche in Fase 2 vi tiene compagnia per vivere al meglio, insieme.

 

Margherita Abbozzo (10, continua?)

 

 

L'articolo Fase 2: viviamola al meglio proviene da www.controradio.it.

Proposte creative ai tempi del Covid

Proposte creative ai tempi del Covid

Continua la serie di proposte divertenti e creative per usare bene questi “domiciliari”.

Chissà come sarà quando usciremo a riveder le stelle..chissà come saranno le forme del vivere sociale e i rapporti interpersonali…Sarà cambiato qualcosa di fondamentale o sarà tutto come prima, più di prima? L’importante sarà non dimenticare quanto di buono abbiamo imparato da questo periodo così strano.

E cosa abbiamo imparato? Che siamo tutti fragili e dipendenti l’uno dall’altro. Che se non c’era Controradio sarebbe stato molto peggio (e quindi, forza ragazzi, tessere!); e che le piattaforme sociali possono essere uno strumento prezioso per rimanere uniti e per imparare.

Ecco allora ancora proposte creative per sfruttare bene, ma bene davvero questi (ultimi?) giorni di clausura.

1 – Rankin, noto fotografo e imprenditore culturale inglese, invita chiunque abbia voglia a partecipare a un progetto divertente.  Si tratta di una “sfida fotografica”, dove il tema cambia di settimana in settimana. Per questa è Freeze. Fotografate cose, tipo fiori, ma non solo, congelati. E poi mandategli le vostre immagini. E’ tutto spiegato qui.

2 – L’idea di ricreare opere d’arte (ne abbiamo già parlato qui) è esplosa sulle piattaforme sociali. E’ una maniera divertente di passare il tempo in modo creativo. E chi avrebbe mai detto che i rotoli di carta igienica potessero avere così tanti usi!

Altre immagini le potete trovare proposte qui.

3 – Come già raccontato, le gallerie degli Uffizi hanno attivato un loro canale su TikTok. Tra le le prime proposte, quattro video ispirati da alcune delle loro opere più famose.

4 – Infine un progetto tutto fiorentino: due registi, Pablo Benedetti e Federico Micali, lanciano una call per raccogliere materiali destinati al progetto no profit Firenze Sotto Vetro.

L’idea è creare un documentario che abbia i cittadini protagonisti. Un racconto corale con filmati dalla quarantena, con videodiari dalle case e dai balconi, e con i racconti di chi ha continuato a lavorare in una città deserta a causa dell’emergenza sanitaria.

Bene o male insomma, di tutti noi, che stiamo sopravvivendo a una crisi epocale.

In più, qualsiasi entrata, oltre i costi di realizzazione, sarà devoluta ad enti e associazioni impegnati in questa emergenza. I materiali video si possono inviare, fino al 26 giugno, all’indirizzo email firenzesottovetro@gmail.com; al numero 3497494282 (attraverso le piattaforme Whatsapp e Telegram) oppure nella chat del profilo Facebook @firenzesottovetro.

Chiudo ricordando un grande critico d’arte che invece non è riuscito a sopravvivere a questa crisi: è appena arrivata la notizia della morte di Germano Celant, per complicazioni da Covid 19. Aveva 80 anni.

 

Margherita Abbozzo (9, continua?)

L’immagine in apertura è di Véronique Levy-Audemart

L'articolo Proposte creative ai tempi del Covid proviene da www.controradio.it.

Quest’anno la Liberazione si festeggia a casa

Quest’anno la Liberazione si festeggia a casa

Quest’anno ci tocca festeggiare il 25 aprile e la Liberazione a casa. Con Controradio, naturalmente; che vi offre sempre tanti spunti.

Eccone una selezione:

Un documentario e sei partigiane che raccontano. E’ Bandite, un film che ci fa capire, ma capire davvero, tutto quello che la Liberazione ha significato sia nel 1945 che negli anni successivi. Annita Malavasi, Viera Geminiani, Silvana Guazzaloca, Mirella Alloisio, Walkiria Terradura e Bianca Guidetti Serra ci raccontano infatti una lotta che va oltre la liberazione dal nazifascismo. E che segna un momento decisivo nel percorso di emancipazione femminile.


Ede è importante sapere che “le donne non furono, come la storiografia ufficiale ci riporta, solo assistenti dei partigiani, cuoche o infermiere; in molte furono guerrigliere, pronte ad imbracciare le armi per la liberazione di tutte e tutti” come sostiene l’autrice Alessia Proietti.

Chi meglio dell’ANPI può aiutare a capire che cosa è stata la Liberazione?
La Sezione Oltrarno di ANPI in collaborazione la biblioteca Thouar offre l’accesso a documentazione specializzata e supporto alla ricerca.
E segnala anche il lavoro di creazione di voci Wiki grazie alla partecipazione di ANPI a un progetto condiviso tra Biblioteche comunali fiorentine e Wikimedia Italia.
Parlando di biblioteche, anche in questo periodo sono sempre attivissime le fantastiche biblioteche fiorentine. Su MediaLibraryOnline, la biblioteca digitale, e’ possibile scegliere tra i titoli della proposta ‘Letture e ascolti Resistenti’ accessibili al prestito:
E segnalo anche, a chi approfitta dell’isolamento domiciliare per scrivere, il concorso ‘Biblioteche chiuse? Pensieri aperti!‘ aperto a tutti gli iscritti alle Biblioteche Comunali Fiorentine.
Infine, per imparare qualcosa della Liberazione anche in altre città italiane, leggete la storia del Monumento alla Partigiana che è a Venezia. Era nato come lavoro in maiolica, opera del grande artista Leoncillo, ex partigiano. Quel monumento dava così noia che nel 1961 fu fatto saltare “da mano anonima e fascista” con un chilo e mezzo di tritolo. Ricostruito, ha una storia avvincente che trovate sulla bella newsletter del  MUVE  ,che come già raccontato ci sta tenendo compagnia in questa quarantena in maniera originale, stimolante e intelligente.
Buon 25 aprile e buona Liberazione a tutti!
 
Margherita Abbozzo (8, continua)
Tutte le foto sono online.

L'articolo Quest’anno la Liberazione si festeggia a casa proviene da www.controradio.it.

Progetti divertenti per ore intelligenti

Progetti  divertenti per ore intelligenti

Ecco ancora nuove idee per progetti  pratici da fare a casa con ragazzi di ogni età per usare bene il tempo che il Covid-19 ci regala tra le mura domestiche.

Palazzo Grassi, che a Venezia è sede, insieme allo spazio a Punta della Dogana, della faraonica collezione d’arte contemporanea del magnate Francois Pinault, propone laboratori aperti a tutti. Che si preannunciano divertenti e interessanti.

I laboratori sono realizzati in collaborazione con ospiti speciali, tutti attivi nei diversi ambiti della creatività contemporanea, dal design alla scrittura. I primi sono l’illustratrice Olimpia Zagnoli, il team di studio saòr, la scrittrice Ryoko Sekiguchi e il designer Giulio Iacchetti.
Ogni settimana del mese di aprile le attività e i progetti saranno pubblicate anche sugli account Instagram e Facebook con l’hashtag #palazzograssiatyours.

Non c’è niente come liberare la creatività per avvicinarsi in maniera intelligente all’arte. E si possono passare molte ore divertenti con progetti dedicati a creare nature morte, utilizzando solo quello che si ha in casa.

 

Ho già scritto qui  di progetti che ricreano quadri famosi. Un’altra idea è appunto quella di guardare con occhi nuovi ciò che ci circonda. E scoprire le mille possibili vite di un rotolo di carta igienica, per esempio. Divertimento assicurato.

Ancora idee per nuovi progetti: guardare i video realizzati usando droni nei lontani-ma-non-troppo 2014 e 2015 di quelle meraviglie nelle quali viviamo, le nostre città. E poi disegnare, ispirati da quelle vedute aeree.

NYC by Air, Siena by Air, e Roma + Firenze by Air sono i tre video realizzati dai fratelli  Clayton e Parker Calvert. Li trovate qui.

E stimolati dalle architetture di sogno di cui sopra, altri progetti fantastici scaturiscono dalla visione che ci regalano i tour virtuali di alcune delle case più famose al mondo. A questo link ne trovate parecchie. Il tempo passa come niente, ci si diverte e si impara.

I ragazzi sapranno gestire senza problemi questi viaggi virtuali, che sono veri e propri voli della fantasia. E dare sfogo subito dopo a tutta la bellezza incamerata.

Per i piu piccini infine segnalo due progetti meravigliosi nella loro semplicità.

I primi sono quelli dell’ artigiano creativo Giovanni Erbabianca. Li trovate sulla sua pagina  Facebook.

Il secondo è dell’artista spagnola Cass Constant, che ha avuto un’idea geniale, creativa, semplice e divertente: usare i tappi dei vasetti come tele. Con un elemento in più, super extra speciale. Quella cioè di metterne insieme collezioni, da regalare poi a chi vogliamo ringraziare. Per esempio infermiere e infermieri, medici, cassiere e cassieri, insomma tutti i lavoratori che stanno mandando avanti l’Italia.

Trovate il suo progetto qui (in inlese) e qui (in spagnolo).

Scateniamoci tutti. E GRAZIE!

Margherita Abbozzo (7, continua).

Tutte le immagini sono state trovate online, anche le due dei Fratelli Calvert, courtesy of the artists.

L'articolo Progetti divertenti per ore intelligenti proviene da www.controradio.it.