Coronavirus, ecco come si sta muovendo la Regione Toscana

Coronavirus, ecco come si sta muovendo la Regione Toscana

L’istituzione di una task force entro la fine della settimana, simulazioni negli ospedali, contatto costante con il Ministero della salute e con tutte le aziende. Ecco come si sta muovendo la Regione Toscana di fronte all’allerta del nuovo Coronavirus.

Sabato 26 i dirigenti della Regione hanno partecipato alla riunione convocata a Roma dal ministro Speranza, che ha esposto tutte le misure da mettere in atto: misure che peraltro erano state inviate alle Regioni il 22 gennaio scorso, e che la Toscana aveva immediatamente diffuso a tutte le aziende sanitarie e ospedaliere.

Venerdì 25 gennaio si è tenuta in Regione una riunione con i direttori generali e sanitari delle Aziende sanitarie e ospedaliere, compresa Estar (Ente di supporto tecnico amministrativo regionale), in cui è stato richiesto, in particolare, di assicurare corretti percorsi ai Pronto Soccorso, con presa in carico dedicata e protetta di pazienti che si presentano spontaneamente con sintomi sospetti. Si ricorda che in ogni azienda è a disposizione un servizio di mediazione culturale.

Estar dovrà assicurare l’approvvigionamento e le scorte delle misure di barriera (mascherine, ecc.) indicate dalla circolare ministeriale per gli operatori sanitari, in quantità adeguata a fronteggiare l’emergenza. Le misure messe in atto, in particolare quelle ai Pronto Soccorso, dovranno essere verificate in loco dalle direzioni sanitarie, anche con simulazione di una situazione di emergenza.

In questa settimana inoltre si terranno alcune riunioni con i vari settori della sanità toscana. Oggi pomeriggio si riuniscono i referenti delle centrali del 118. Mercoledì vi sarà una riunione del Gruppo tecnico permanente che si occupa di prevenzione delle malattie infettive e delle vaccinazioni, costituito da infettivologi, igienisti, medici di famiglia, pediatri etc.: in questa sede sarà stabilita esattamente l’organizzazione degli accertamenti di laboratorio, che saranno centralizzati sulle tre aziende ospedaliero-universitarie.

In fase di programmazione, è previsto in tempi brevissimi anche un incontro con i medici di medicina generale e i pediatri. Entro fine settimana sarà costituita una task force, per gestire in modo integrato il problema.

Durante gli ultimi giorni sono stati gestiti diversi casi che riportavano nell’anamnesi contatti con la Provincia di Wuhan, nessuno dei quali però rispondeva alla definizione di caso del Ministero.

Dalla Regione viene richiesto espressamente ai media di contribuire a mantenere la calma e non diffondere fake news, rilanciando allerta ingiustificati. Le autorità sanitarie della Regione sono in continuo contatto con le autorità centrali e con le proprie strutture territoriali per gestire al meglio in tempo reale le situazioni di allerta. Sul sito dell’Ars, l’Agenzia Regionale di Sanità, un aggiornamento costante della situazione, con i dati riportati dall’Oms e la loro distribuzione, le modalità di trasmissione del virus e la valutazione del rischio, le raccomandazioni dell’Oms e la guida per la sorveglianza, la situazione e gli interventi in Europa e in Italia; con i link ai siti del Ministero della salute, dell’Istituto Superiore di Sanità e dell’Oms: https://www.ars.toscana.it/2-articoli/4241-polmonite-da-nuovo-coronavirus-cina.html

L'articolo Coronavirus, ecco come si sta muovendo la Regione Toscana proviene da www.controradio.it.

Salute in carcere, due psicologi per affrontare il disasgio del personale

Salute in carcere, due psicologi per affrontare il disasgio del personale

Il Centro di riferimento regionale sulle criticità relazionali (CRRCR), in collaborazone con l’Ordine degli psicologi, ha presentato un progetto, “La salute in carcere: accoglienza, analisi ed orientamento rispetto al disagio del personale che opera negli istituti penitenziari”, approvato dalla giunta in una delle ultime sedute, su proposta dell’assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi, finanziato con 24.000 euro.

Il progetto è stato presentato ieri mattina nel corso di una conferenza stampa dall’assessore al diritto alla salute e al sociale Stefania Saccardi, assieme al provveditore dell’Amministrazione penitenziaria Gianfranco De Gesu, al direttore dell’Aou Careggi Rocco Damone, alla responsabile del Centro regionale criticità relazionali Laura Belloni.

Il progetto prevede la presenza, nei principali istituti penitenziari della Toscana, che saranno definiti in accordo con l’amministrazione penitenziaria, di due psicologi psicoterapeuti, con funzione di ascolto, supporto e orientamento, rispetto alle difficoltà percepite e riferite dal personale che lavora negli istituti di pena toscani (in tutto 18: 16 per adulti e 2 per minori; il personale di polizia penitenziaria è in tutto di 2.900 persone). I due professionisti saranno presenti 2 volte al mese in ciascun istituto, sia per la realizzazione di colloqui individuali che per l’osservazione di alcuni contesti specifici.

La richiesta di fornire un supporto professionale è stata avanzata alla Regione dal provveditore regionale all’amministrazione penitenziaria, e la Regione ha individuato il CRRCR come centro idoneo per questa attività.

“Dal 2012 ad oggi l’Osservatorio permanente sulla sanità penitenziaria istituito dalla Regione Toscana – spiega l’assessore Stefania Saccardi – ha evidenziato temi importanti, a seguito dei quali il Servizio sanitario, in stretta collabrazione con l’amministrazione penitenziaria, ha attivato iniziative e azioni congiunte, per il contenimento dei problemi emersi e l’integrazione dei gruppi multiprofessionali coinvolti nei percorsi sanitari e penitenziari dei detenuti”.

“Il progetto si pone nel solco del rinnovato impegno dell’amministrazione per il benessere del personale – è il commento del provveditore Gianfranco De Gesu – ed è espressione della positiva sinergia che da anni caratterizza i rapporti tra questo Provveditorato e la Regione Toscana. In questo caso la Regione, a richiesta del Provveditorato, si fa carico dell’onere di offrire proprie risorse a favore della tutela della salute degli operatori penitenziari, come riconoscimento del gravoso impegno che essi svolgono all’interno degli istituti e per l’importanza della funzione sociale dell’opera di rieducazione dei detenuti a favore della comunità. Si tratta di un’iniziativa che non ha precedenti nelle modalità individuate per il supporto e l’orientamento del personale penitenziario e che si pone senz’altro come buona prassi”.

“Con soddisfazione ho partecipato al percorso che ha portato all’approvazione di questo progetto sperimentale – fa sapere per conto dell’Ordine degli psicologi Ilaria Garosi, impossibilitata a partecipare alla conferenza stampa -, raccogliendo fin da subito la sollecitazione fatta al nostro Ordine dall’allora provveditorato Fullone in seguito al suicidio di un agente di polizia penitenziaria in servizio al carcere di San Gimignano. Il tema della prevenzione del disagio del personale dell’amministrazione penitenziaria, che si trova a svolgere un lavoro con molti componenti stressogeni, è stato approfondito insieme all’ormai precedente Consiglio dell’Ordine degli Psicologi della Toscana ed in particolare al Gruppo di lavoro di psicologia penitenziaria”.

“Col nostro lavoro vogliamo costruire una rete e mettere in atto un’integrazione interdisciplinare – informa Luca Amoroso, del CRRCR – Obiettivi: fornire ascolto e aiuto e fare un’analisi approfondita, per individuare poi i percorsi da seguire”.

Nel 2018 sono iniziate negli istituti penitenziari toscani visite sistematiche effettuate con la collaborazione del Centro Gestione Rischio Clinico e CRRCR, per far nascere iniziative specifiche per le singole realtà; sono stati messi a punto e condivisi protocolli regionali, per esempio per la prevenzione del rischio suicidario e di gesti autolesivi, sia negli istituti per adulti che in quelli per minori; monitorate specifiche attività a cura dell’Ars, l’Agenzia regionale di sanità; istituiti percorsi formativi specifici, relativi sia al contesto della salute in carcere che al percorso di superamento dell’Ospedale pscihiatrico giudiziario; attivati gruppi di lavoro su tematiche particolari (episodi di violenza nelle carceri); e condivise tematiche particolarmente importanti con la Magistratura.

Tra le criticità emerse in seguito a questo lavoro congiunto, rilevante quella del disagio del personale che lavora all’interno degli istituti penitenziari: un disagio derivante sia da determinanti ambientali che da aspetti di natura socio-culturale e organizzativa. Da qui il progetto messo a punto dal CRRCR, che si propone di creare uno spazio dedicato all’ascolto e all’analisi delle problematiche vissute dal personale e offrire supporto e orientamento rispetto ai percorsi più appropriati; e anche fornire un feedback al sistema per eventuali interventi migliorativi.

L'articolo Salute in carcere, due psicologi per affrontare il disasgio del personale proviene da www.controradio.it.

Superbatterio New Delhi: i casi in Toscana salgono a 102

Superbatterio New Delhi: i casi in Toscana salgono a 102

Il numero dei pazienti in Toscana nel cui sangue è stato isolato il batterio New Delhi, da novembre 2018, è salito a 102. Il superbatterio è risultato letale nel 37% dei pazienti con sepsi, così fa sapere l’Agenzia regionale di sanità della Toscana.

Il dato, aggiornato al 22 settembre, è stato diffuso dal sito dall’Agenzia regionale di sanità della Toscana. Il nuovo sito web, infatti, dall’11 settembre, ogni mercoledì, pubblica il monitoraggio settimanale sulla diffusione del superbatterio Ndm.
Ars spiega che “i casi sono risultati letali nel 37% dei pazienti con sepsi, percentuale paragonabile alla letalità per questa condizione causata da altri batteri resistenti agli antibiotici carbapenemici”. Lo scorso 18 settembre, il batterio Ndm risultava essere stato isolato nel sangue di 90 pazienti. I casi erano risultati letali nel 40%.

L'articolo Superbatterio New Delhi: i casi in Toscana salgono a 102 proviene da www.controradio.it.

Superbatterio New Delhi: i casi in Toscana salgono a 102

Superbatterio New Delhi: i casi in Toscana salgono a 102

Il numero dei pazienti in Toscana nel cui sangue è stato isolato il batterio New Delhi, da novembre 2018, è salito a 102. Il superbatterio è risultato letale nel 37% dei pazienti con sepsi, così fa sapere l’Agenzia regionale di sanità della Toscana.

Il dato, aggiornato al 22 settembre, è stato diffuso dal sito dall’Agenzia regionale di sanità della Toscana. Il nuovo sito web, infatti, dall’11 settembre, ogni mercoledì, pubblica il monitoraggio settimanale sulla diffusione del superbatterio Ndm.
Ars spiega che “i casi sono risultati letali nel 37% dei pazienti con sepsi, percentuale paragonabile alla letalità per questa condizione causata da altri batteri resistenti agli antibiotici carbapenemici”. Lo scorso 18 settembre, il batterio Ndm risultava essere stato isolato nel sangue di 90 pazienti. I casi erano risultati letali nel 40%.

L'articolo Superbatterio New Delhi: i casi in Toscana salgono a 102 proviene da www.controradio.it.

Batterio New Delhi: salgono a 90 i casi, 36 le morti sospette in Toscana

Batterio New Delhi: salgono a 90 i casi, 36 le morti sospette in Toscana

E’ salito a 90 il numero di individui che hanno contratto l’infezione da batterio New Delhi e 36 sono le morte sospette con sepsi. Lo ha detto l’assessora al Diritto alla salute e al Sociale Stefania Saccardi, a margine di una conferenza stampa a Palazzo Strozzi Sacrati. Questi sono i dati aggiornati settimanalmente dall’Ars sulla diffusione del super batterio New Delhi.

“Stiamo aumentando i controlli e i numeri probabilmente sono frutto di un aumento dell’attenzione e delle verifiche che stiamo facendo dentro i nostri sistemi ospedalieri”, ha precisato l’assessora. Saccardi fa sapere inoltre che è stato esteso lo screening anche a reparti a minore intensità assistenziale come ad esempio le medicine interne. Coinvolti  anche i reparti tradizionali, ad alta intensità assistenziale, come le terapie intensive e i reparti oncologici.
Nel dettaglio, l’Agenzia regionale di Sanità (Ars), specifica che tra novembre 2018 e il 15 settembre 2019 i batteri Ndm sono stati isolati nel sangue di 90 pazienti. “I casi sono risultati letali nel 40% dei pazienti con sepsi, percentuale paragonabile alla letalità per questa condizione causata da altri batteri resistenti agli antibiotici carbapenemici”, spiega l’Ars in una nota. Dunque potrebbero essere 36 i decessi sospetti riconducibili al superbatterio Ndm.

L'articolo Batterio New Delhi: salgono a 90 i casi, 36 le morti sospette in Toscana proviene da www.controradio.it.