Strage Viareggio: commenti e reazioni a sentenza Cassazione

Strage Viareggio: commenti e reazioni a sentenza Cassazione

Sono proseguiti anche oggi i commenti e le reazioni alla sentenza della Corte di Cassazione sulla strage ferroviaria di Viareggio (Lucca) del 29 giugno 2009.

“La mia personale vicinanza e anche quella della mia amministrazione ai familiari delle vittime delle Strage di Viareggio” viene espressa dal sindaco di Massarosa (Lucca)
Alberto Coluccini. “Un’intera comunità, un intero territorio e potremmo dire un intero Paese si aspettavano finalmente verità e giustizia, così ieri non è stato – afferma – Ribadisco piena
solidarietà e sostegno perchè i familiari ne hanno oggi più che mai bisogno per non sentirsi soli nella loro battaglia processuale e morale”.

“Quando in un Paese Democratico si dimostra di non essere più in grado di garantire ai cittadini giustizia e certezza della pena e per i colpevoli di reati si apre le porte all’impunità e si minano le basi della convivenza civile, significa che si è giunti al capolinea”, scrive il coordinamento di Sinistra civica ecologista della Versilia esprimendo “vicinanza e solidarietà
alle famiglie delle vittime della strage e un profondo sconcerto per la sentenza”.

“E’ stata scritta un’altra pagina buia della storia del nostro Paese sotto le ali della famigerata prescrizione dei reati” e “viene da chiedersi come sia possibile
che il giudizio della agistratura in primo e secondo grado vengano annullati, che Mauro Moretti sia stato insignito dopo quello che definì ‘uno spiacevole incidente’ del titolo di
Cavaliere della Repubblica e promosso a capo di Finmeccanica prima e della Fondazione delle Ferrovie Italiane poi. Viene da chiedersi che giustizia e’ quella che non arriva in tempo”. Italia dei Valori, col coordinatore provinciale di Lucca, Domenico Capezzoli, scrive che “l’ombra della prescrizione è diventata realtà. Vergogna. Siamo molto indignati. Constatiamo con rammarico che giustizia non è stata fatta e si allungano le
sorti del processo.

Questa sentenza è indegna e non rispetta le vittime ma soprattutto i familiari che giustamente vogliono giustizia. Questa è una ferita aperta che sarà difficile
chiudere, perchè ce la ricorderemo per sempre”.

Il Pci, con la segreteria regionale Toscana afferma: “Viareggio. L’ennesima strage impunita? Noi non ci stiamo! Nel verdetto dalla Corte di Cassazione viene confermata l’esistenza
del reato di omicidio colposo plurimo, ma questo viene prescritto in quanto è stata esclusa la circostanza aggravante della violazione delle norme di prevenzione sui luoghi di
lavoro. È stato rinviato a giudizio anche l’ex ad di Fs e Rfi Mauro Moretti, del quale verrà così rivalutata la responsabilità per il solo reato di disastro ferroviario colposo. Il mancato
riconoscimento dell’aggravante della violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro, pur essendo state appurate, rappresenta un precedente pericoloso ed un’offesa alle vittime,
ai loro parenti, ai lavoratori e alle lavoratrici.

Occorre introdurre leggi precise e stringenti come il reato di omicidio sul lavoro. È l’unico modo per poter rendere giustizia alle vittime e ai loro familiari. Gli imprenditori, ad, dirigenti responsabili devono essere messi di fronte alla giustizia penale
e pagare per le loro colpe. Siamo di fronte, per l’ennesima volta, ad una sentenza che difende nei fatti gli interessi dei detentori del potere economico e politico, rovesciando e
vanificando il positivo lavoro d’indagine e le due sentenze precedenti. È indegno di un Paese civile che non si vogliano accertare e poi attribuire in via definitiva le piene
responsabilità di un disastro che ha segnato profondamente Viareggio e la Versilia”.

L'articolo Strage Viareggio: commenti e reazioni a sentenza Cassazione proviene da www.controradio.it.