Regionali: Toscana Pd, candidato centrosinistra entro dicembre 

Regionali: Toscana Pd, candidato centrosinistra entro dicembre 
Il candidato unitario del centrosinistra alla presidenza della Regione Toscana per le regionali del 2020 dovrà essere scelto entro dicembre, e il confronto potrà essere aperto anche con il M5s: questo, in sintesi, il contenuto di un documento approvato oggi dalla direzione del Pd toscano.
“Qualsiasi percorso per definire la candidatura dovrà concludersi entro dicembre – si legge -, dando così il tempo a chi sarà scelto e alla coalizione di centrosinistra di consolidarsi nella società toscana”. Le primarie, spiega il partito, “sono previste dallo Statuto come strumento fondante del partito. Il Pd della Toscana assume però la responsabilità di perseguire da subito con il massimo impegno e determinazione il cammino per una candidatura unitaria, chiamando alla leale e responsabile collaborazione tutti i suoi militanti e dirigenti”. Laddove non fosse individuato un candidato unitario, si riaprirà la strada delle primarie. “La priorità per il Pd è quella di costruire una coalizione ampia e credibile”, per cui inizieranno incontri con “le forze politiche e civiche toscane per avviare un confronto sul programma e condividere la strada verso la scelta di una candidatura alla presidenza della Regione Toscana capace di rappresentare questo percorso. Si ritiene che un confronto programmatico sul futuro della Toscana possa maturare presto anche con il Movimento 5 stelle”. In occasione della direzione regionale è stata presentata “una segreteria unitaria che include tutte le sensibilità” del partito toscano.
Alla segretaria Simona Bonafè, “che si avvarrà di un ristretto, autorevole e unitario gruppo di lavoro da lei proposto – si legge in una nota -, il compito nelle prossime settimane di consultare”, tra gli altri, “parlamentari, consiglieri e assessori regionali, il presidente della Giunta, i segretari territoriali, e un’ampia delegazione di sindaci”, per costruire la coalizione per le regionali del 2020.
Con la direzione regionale di oggi (ieri ndr.) si è finalmente aperta una fase nuova: dentro il Pd, con lo spirito collaborativo di una segreteria finalmente unitaria e verso l’esterno” con l’obiettivo di “costruire una coalizione larga e plurale”, lo afferma Alessandra Nardini, consigliera regionale Pd ed esponente dell’area Zingaretti.

L'articolo Regionali: Toscana Pd, candidato centrosinistra entro dicembre  proviene da www.controradio.it.

Toscana esclusa dal governo, vendetta contro Renzi?

Toscana esclusa dal governo, vendetta contro Renzi?

Firenze, è divampata la polemica sul fatto che, nessun esponente toscano fa parte della lista dei sottosegretari e dei viceministri del governo, deliberata ieri in Consiglio dei ministri e composta da 21 rappresentanti del M5s, 18 del Pd, 2 di Leu e 1 Maie.

Tra i primi a rilasciare dichiarazioni sulla composizione del governo, il sindaco di Firenze, Dario Nardella, che già in mattinata di venerdì commentava: “Dove hai più voti, più consenso, stimato e apprezzato dai cittadini, dove sei più presente nel territorio lì ti danno meno poltrone. Per la Toscana, per Firenze e per tutti noi è un grande motivo di orgoglio. Se questa esautorazione è una vendetta contro la vecchia maggioranza del partito o contro Renzi lo si dica con chiarezza – aggiungeva Nardella – altrimenti sia dia una spiegazione seria e politica di questa decisione. Ho sostenuto questo progetto di governo e continuerò a farlo ma mentirei se dicessi che non sono profondamente deluso e costernato. La questione – ha continuato – mi sembra molto seria, serissima. È inconcepibile e assurdo che il Pd tenga fuori da questo governo la regione in assoluto che ha dato più voti e più consenso a questo partito con il capoluogo Firenze dove si è toccato il record di voti nelle ultime elezioni. Non solo è un peccato tenere fuori la Toscana democratica da questo governo ma credo che sia anche un errore clamoroso che rischia di far vedere le peggiori conseguenze da qui ai prossimi mesi”.

“La Toscana deve ancora pagare ‘purga’ Renzi? – si chiedeva la segretaria del Pd toscano Simona Bonafè – Leggendo la lista dei sottosegretari e viceministri non posso negare la mia profonda delusione e amarezza per la mancanza di nomi toscani del Partito Democratico. Qualcuno a livello nazionale dovrà spiegare ai tanti militanti ed elettori toscani il motivo, ad oggi incomprensibile, per il quale la Toscana non sia stata considerata degna di avere un rappresentante ai massimi livelli, o se ci sia una purga Renzi che ancora oggi la Toscana deve pagare. La Toscana – proseguiva – è stata l’unica regione dove nelle ultime elezioni europee il Partito Democratico ha saputo tenere testa alla Lega. Alle amministrative di giugno abbiamo riconquistato con il buon governo tutte le città capoluogo al voto e permesso al Partito democratico nazionale di salvare un risultato complessivo molto deludente. Non possiamo essere considerati solo serbatoio di voti, esprimiamo una classe dirigente preparata e competente che avrebbe potuto dare un contributo importante al nuovo governo.

La polemica scoppiava quindi all’interno dello stesso Partito Democratico “Leggo con sconcerto le dichiarazioni della segretaria toscana Bonafè, che parla di ‘purga renziana’ a proposito della mancanza di democratici toscani tra i sottosegretari – sbottava Valerio Fabiani, componente della direzione nazionale e di quella regionale del Pd che fa parte del comitato Zingaretti in Toscana – La mancanza di toscani nel Governo è un fatto grave, del quale chiediamo spiegazioni proprio a chi questa rappresentanza dovrebbe ottenerla e tutelarla: la segretaria regionale. Quelle di Bonafè, invece, sono affermazioni gravissime che stridono con la realtà – aggiungeva Fabiani in una nota – molti tra i ministri e i sottosegretari sono espressione della cosiddetta area renziana a cui, semmai, Bonafè dovrebbe chiedere perché non abbia ritenuto prioritaria la rappresentanza toscana. Queste dichiarazioni sono irricevibili da chi guida una comunità e, pochi mesi fa, è stata scelta capolista alle elezioni europee proprio da quella dirigenza che oggi accusa di discriminazione antirenziana – Per Fabiani – l’assenza totale di iniziativa politica e di una gestione unitaria del Pd toscano non sono certo fattori di rafforzamento”.

“La verità è che in Toscana non si è fatto nulla per poi piangere, oggi, sulle nomine versate – Criticava anche Alessandra Nardini, consigliere regionale Pd di area zingarettiana. Parlando di ‘purghe antirenziane’, – osservando – stiamo sfiorando il ridicolo, piuttosto i renziani locali si interroghino sul perché non ci sono toscani. Mi auguro che i bollori si calmino insieme alle polemiche, non ce n’è bisogno. C’è bisogno, invece, di sostenere e fare i migliori auguri a questo Governo di svolta, e in Toscana c’è bisogno, piuttosto, di ricostruire un partito regionale oggi inesistente e di renderlo protagonista di un’iniziativa politica che serve a tutta la Toscana”.

“Imbarazzante trattamento per toscani – era invece il commento che arrivava da deputato fiorentino di Civica popolare Gabriele Toccafondi – In Toscana sembra aleggiare un ‘peccato originale’ da scontare. Pd e 5Stelle cominciano decisamente male questa nuova fase con un’attenzione pressoché nulla al nostro territorio. Nessun sottosegretario o viceministro toscano comporrà infatti il nuovo Governo. Questo Governo avrà una possibilità solo se farà le cose, se sbloccherà cantieri, se aiuterà le famiglie e il lavoro – aggiunge Toccafondi in una nota – Ed è bene quindi ricordare a questo nuovo governo senza toscani che in 14 mesi dell’ultimo Esecutivo proprio in Toscana è stato bloccato tutto, la Toscana e Firenze sono state trattate come un nemico politico da ostacolare. Adesso il nuovo Governo nomina sottosegretari e si dimentica completamente, non senza imbarazzo, dei toscani – conclude -. E lo dice uno che non ambiva a ricoprire questo ruolo e lo ha detto in tutte le salse. Ma trattare così un territorio non fa partire con il piede giusto”.

“Ottima squadra Pd al governo. Ma pessima l’assenza di esponenti del Pd della Toscana: incomprensibile per gli elettori che ci hanno premiato alle europee e amministrative, incomprensibile per coloro che voteranno alle prossime regionali in una sfida difficile – scriveva il deputato livornese del Pd Andrea Romano parlando di occasione persa”.

Sulla nomina dei sottosegretari interveniva anche da Milano, la deputata Pd Maria Elena Boschi, ex ministra nel governo Renzi, rispondendo ad una domanda arrivando a ‘Il tempo delle donne “Spero che non sia semplicemente un modo per colpire Renzi e il nostro gruppo perché non credo che sia giusto né che se lo meritino i cittadini toscani – La trattativa per la scelta dei sottosegretari come sempre è stata fatta dai segretari di partito – ha aggiunto Boschi – noi non abbiamo fatto nessuna lotta per un posto o una poltrona in più. Certo da toscana sono dispiaciuta che non ci sia nessun toscano al governo perché credo che i risultati delle amministrative e delle Europee hanno dimostrato che il nostro è un territorio in cui il nostro partito è forte, capace e con consensi”, ha concluso l’ex ministra augurando buon lavoro ai nuovi sottosegretari.

Dal suo account Twitter il senatore Pd Francesco Bonifazi si rammaricava “Dispiace che per vendicarsi della stagione renziana il Pd abbia cancellato tutta la Toscana dai ruoli di governo. Abbiamo vinto ovunque in Toscana, siamo il primo partito: non meritavamo questo trattamento. Buon lavoro al governo”. Lo scrive su (

“Nessuna discriminazione politica Toscana – cercava di buttare acqua sul fuoco il segretario nazionale del Pd Nicola Zingaretti, a Bologna al 52esimo incontro nazionale studi delle Acli, replicando a chi gli chiedeva un commento sulla squadra di Governo e sulla mancanza di esponenti della regione Toscana – Ci sono stati anche dei problemi, ho visto la Toscana o altri casi, ma sono figli della coincidenza di tanti criteri, di territori, di competenze, di sensibilità politiche, di genere e di condizioni che alla stretta possono creare problemi. Assicuro che non c’è nessun tipo di discriminazione politica, non era questo e non è mai stato questo l’obiettivo di nessuno. I democratici debbano essere contenti, perché grazie al buon rapporto con i nostri alleati e a chi ha seguito le trattative, c’è un’ottima rappresentanza numerica e di personalità all’interno del Governo, quelli dei territori non rappresentati – ha ribadito Zingaretti – sono temi che dovremo affrontare, ma non perdiamo il punto di vista che c’è un Governo che sta partendo e il Partito Democratico, insieme agli alleati, è protagonista di questa avventura e ora abbiamo realizzare insieme il programma. Se ci sono stati dei ritardi o dei problemi – ha concluso – li affronteremo”.

Ma anche l’europarlamentare toscana della Lega Susanna Ceccardi interveniva nella polemica “Basta leggere le dichiarazioni della segretaria dei Democratici Simona Bonafè o del sindaco di Firenze Dario Nardella, il governo giallo-rosso mostra già le prime e profonde fratture. È palese la resa dei conti interna al Partito democratico tra zingarettiani e renziani sulle nomine dei sottosegretari. A fare le spese di questo teatrino della politica saranno alla fine i nostri cittadini toscani, visto che non ci sarà nessun esponente di governo a rappresentare la nostra regione. Per comprendere che è appena iniziata la notte dei lunghi coltelli tra le varie correnti del Pd. I renziani, che hanno voluto sostenere a tutti i costi questo governo per paura di non essere riconfermati dalla segreteria Zingaretti alle prossime elezioni, sono alla fine rimasti con un pugno di mosche in mano. Uno scontro impietoso che alla fine si riassume in una guerra di posizioni interna per avere poltrone e ruoli di potere in seno al nuovo governo, che non rappresenta la maggioranza del popolo italiano. Siamo sempre più convinti – conclude la Ceccardi – che la parola debba tornare il prima possibile alla gente, al popolo. Basta trame di palazzo. Torniamo a votare e mettiamo fine a questo triste spettacolo”

“La formazione complessiva del governo non è un tema che ho affrontato io – si giustificava Lorenzo Guerini, leader con Luca Lotti di Base Riformista, area del Pd, rispondendo ai giornalisti a Cortona sulle polemiche per l’assenza nel governo di esponenti toscani – Ci sono tante persone che fanno il loro lavoro, capisco le giuste e legittime aspirazioni territoriali e anche il fatto che si possa considerare in maniera critica la mancanza di rappresentanza di una regione dentro il governo, ma i numeri sono quelli che sono e bisogna confrontarsi con essi. L’importante è che il governo lavori per tutto il Paese”. Così

“Il problema di una mancata rappresentanza della Toscana nel governo esiste – sentenziava Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana.  Qualche giorno fa avevo chiesto attenzione per la nostra Regione, soprattutto a partire dal tema delle infrastrutture che giudico prioritario per la Toscana. Tuttavia, ricondurre questo problema a una vendetta contro Matteo Renzi mi pare profondamente sbagliato e divisivo. Non si può certo dire che l’area che fa capo a Renzi sia sotto-rappresentata nella compagine di governo. Su 9 ministri del Pd tre sono renziani, su 18 sottosegretari mi risulta che almeno cinque appartengano a quell’area. Quella dell’ex presidente del Consiglio è una minoranza ben rappresentata anche in Toscana, pur avendo Zingaretti vinto le primarie. Il problema, dunque, non è correntizio né relativo a discriminazioni interne alle aree politiche, bensì di sotto-rappresentanza della nostra Regione nel nuovo esecutivo. I ministri e i sottosegretari giurano sulla Costituzione nell’esclusivo interesse nazionale – continua – Sono convinto che queste polemiche lasciano il tempo che trovano. E che a lungo andare, siano dannose per il Pd e per la sinistra”.

“Io guarderei al lavoro del governo più che al certificato di nascita – era invece l’approccio di Antonello Giacomelli, deputato toscano del Pd, interpellato dai cronisti sull’assenza di esponenti toscani nella compagine di governo, a margine della Festa dell’Unità di Firenze – La Toscana – ha proseguiva – è il governo. Senza la Toscana non c’è questa esperienza di governo. Guarderei al dato sostanziale: la politica di questo governo incrocia la politica della Toscana. Sarà per noi una boccata d’ossigeno per le politiche di sviluppo, di coesione sociale, di rilancio delle autonomie che caratterizzano i comuni toscani e la Toscana – e sull’ipotesi di una probabile vendetta su Renzi – Ne ascolto di tutte: uno, che non ci sono i sottosegretari per una vendetta contro Renzi; due, che l’azionista di maggioranza è Renzi… quindi io sarei per tesi meno radicali. – Certamente – proseguiva – Matteo è stato protagonista di una iniziativa politica adeguata, credo che sia convinto di questa scelta. Sono convinto che se il Pd mantiene questo profilo unitario rispetto a questa scelta, ne fa una questione di prospettiva, non solo di tattica, costruisce una nuova stagione”.

Ed infine il commento del presidente del consiglio della Regione Toscana Eugenio Giani “Per l’assenza di rappresentanti toscani al governo, ci può essere il dispiacere, perché indubbiamente avere dei diretti rappresentanti toscani è sempre meglio: però l’importante è che si realizzino le cose – ha detto Giani, a margine di un dibattito alla Festa dell’Unità di Firenze – il fatto che ad esempio che vi sia una ministra alle infrastrutture come la De Micheli, rispetto a un Toninelli che aveva bloccato tutto, mi dà grandi speranze -secondo Giani il fatto che ci – sia stato un difetto di coordinamento nelle liste che hanno portato i partiti, nell’attenzione che vi è stata agli equilibri nel comporre le varie cariche di dicastero fra partiti e correnti diverse. Ritengo però sia giusto anche levare la voce, e che levando la nostra voce si possa costruttivamente trovare un rapporto con chi esercita la funzione di direzione del Ministero. Io ho molta fiducia sulle infrastrutture nel ministro De Micheli. Quello che conta è trovare il rapporto diretto con chi governa”.

L'articolo Toscana esclusa dal governo, vendetta contro Renzi? proviene da www.controradio.it.

Toscana Pride, i commenti al corteo per i diritti LGBTIQ

Toscana Pride, i commenti al corteo per i diritti LGBTIQ

Pisa, moltissimi i commenti al Toscana Pride, il corteo per i diritti LGBTIQ al quale, secondo gli organizzatori e le forze dell’ordine, partecipano 15-20mila persone.

“La massiccia partecipazione al Toscana Pride, che si sta svolgendo in queste ore a Pisa, è un segnale importante all’amministrazione comunale: le persone che hanno a cuore la libertà, i diritti e l’uguaglianza di tutte e tutti non piegano la testa, e non rinunciano a scendere in piazza”. Lo dichiara Monica Cirinnà, senatrice del Partito democratico. “Oggi pomeriggio, partecipando al corteo, ho visto migliaia di persone colorate, felici, orgogliose di esserci: oltre i confini della comunità LGBT+, una folla decisa a ribadire i valori costituzionali fondamentali di solidarietà e democrazia”, prosegue. “Esserci è stato bellissimo, a quarant’anni dalla prima marcia dell’orgoglio omosessuale, che si svolse proprio a Pisa; e fa male constatare la totale assenza dell’amministrazione comunale, che si è rifiutata di rappresentare anche questo pezzo importante della comunità cittadina. Il Sindaco Conti ricordi che la fascia tricolore che indossa gli impone di essere il Sindaco di tutte e tutti, lasciando da parte ideologia e pregiudizi”, conclude.

Non sono mancati slogan e cartelli contro il ministro dell’Interno, come “Porti aperti e Salvini a bocca chiusa”. Sugli 11 carri che punteggiano la sfilata invece domina la musica e nessun intervento politico. Il corteo sta terminando molto lentamente il suo percorso dopo avere attraversato le principali vie del centro storico in assoluta tranquillità.

“Oggi a Pisa eravamo 20mila – affermano gli organizzatori in una nota – e sapevamo già che saremmo volati molto oltre i numeri delle precedenti edizioni e molto vicini ai risultati del primo Toscana Pride nel capoluogo della Regione, ma non ci aspettavamo una partecipazione da fuori Toscana così ampia. Abbiamo scritto una pagina di storia di questa città e della nostra Toscana. Grazie a tutte le ‘Favolose Ribelli’ che scendendo in piazza hanno occupato uno spazio pubblico e politico, dando una risposta colorata e pacifica a chi ci descrive come una minaccia all’ordine pubblico e al pubblico decoro, a chi ci vorrebbe silenti e conformi”. Infine, aggiungono i promotori del Pride, “la marcia di oggi ha confermato che c’è una parte del mondo che non si arrende all’odio, che non si rassegna alle ingiustizie, che vuole restare umana e combatterà i fascismi, il razzismo, il sessismo e l’abilismo portando i propri corpi ovunque sarà necessario, in nome di una resistenza che ha radici solide ed antichissime”.

La Regione Toscana non può dare il proprio patrocinio ad iniziative in cui la bestemmia, l’offesa e l’insulto a chiunque la pensi diversamente sono i padroni di casa. Questa non è questione di libertà di pensiero o di orientamento religioso, ma una vera e propria mancanza di rispetto per tutti quei toscani che non si riconoscono nelle bestemmie e nelle volgarità ostentate oggi in piazza a Pisa che, con buona pace di Enrico Rossi, sono ancora la maggioranza in Toscana, in Italia e nel mondo”. Lo afferma il coordinatore regionale di Fratelli d’Italia Francesco Torselli. “Questa gente si nasconde dietro la difesa dei diritti degli omosessuali per andare in piazza a fare a gara a chi mostra il cartello più cretino e più blasfemo – aggiunge Torselli in una nota -. Offendere Dio, Gesù Cristo e chi crede ancora nei valori della famiglia e della patria è ormai diventata una macabra moda”. “Ho sempre pensato e continuo a pensare – osserva ancora – che ognuno sia libero di amare chi crede e che si possa manifestare liberamente il proprio pensiero; però, quando il gonfalone della mia Regione apre un corteo in cui si fa a gara a chi è più volgare e più blasfemo, il problema diventa politico”. “Enrico Rossi e i suoi assessori hanno patrocinato una manifestazione intrisa di volgarità e di bestemmie – conclude -: per questo dovrebbero rassegnare le dimissioni dalle cariche istituzionali che ricoprono lunedì mattina stesso”.

“Pisa ha risposto meravigliosamente all’appello per i diritti. Un fiume arcobaleno ha invaso la città per difendere la dignità di tutte e di tutti. Ho visto una piazza bellissima, con migliaia di persone in festa in una ribellione che chiede libertà e rispetto. Questa è la risposta più bella all’ottusità leghista di Conti e Ceccardi”. Lo afferma il consigliere regionale Pd Alessandra Nardini.

L'articolo Toscana Pride, i commenti al corteo per i diritti LGBTIQ proviene da www.controradio.it.

Rom: Consiglio Regionale approva mozione integrazione

Rom: Consiglio Regionale approva mozione integrazione

La Giunta della Regione Toscana si impegni a “istituire una cabina di regia regionale sulle politiche di gestione e integrazione delle comunità rom presenti sul territorio toscano, coinvolgendo prefetture e Comuni interessati, perché venga favorita l’inclusione sociale e garantito il rispetto dei doveri, della legalità e della dignità umana, a partire dall’accesso a educazione e istruzione per i minori”.

Lo prevede una mozione approvata a maggioranza dal Consiglio regionale, prima firmataria Alessandra Nardini (Pd), che ha registrato il voto contrario di Lega e Forza Italia. Il testo è stato sottoscritto anche da Andrea Pieroni (Pd), Serena Spinelli (capogruppo Mdp) e Paolo Sarti (Sì Toscana a sinistra).

Secondo Nardini, il problema dovrebbe essere gestito con una serie di soggetti interessati tra cui “il garante per l’infanzia, l’ufficio scolastico regionale e i servizi socio-sanitari, le parti sociali, i soggetti del terzo settore e gli ulteriori soggetti potenzialmente interessati”.
Nardini ha infine ricordato che “la Regione Toscana da sempre si è contraddistinta per aver perseguito un modello di società solidale, nella quale si garantiscono pari dignità, diritti e doveri a tutti i cittadini”.

La mozione, illustrata in aula da Nardini, parte dallo sgombero del campo nomadi di Navacchio, nel comune di Cascina (Pisa), il 17 dicembre 2018, che ha interessato circa 40 rom, di cui 25 minori. “Non mancarono ovviamente le foto gioiose della sindaca leghista Ceccardi sulle macerie, accanto alla ruspa – ha detto Nardini – in una grottesca manifestazione di propaganda sotto le quali rimanevano intatte le criticità”. La decisione di sgombero, si legge nella mozione, non fu concordata con gli enti locali.

La mozione ha stimolato un lungo dibattito in aula. Monica Pecori (Gruppo misto), ha chiesto di sottoscrivere la mozione di cui condivide i valori, mentre non condivide “assolutamente le ruspe e la cultura della ricerca del nemico”. Jacopo Alberti (Lega) ha chiesto innanzitutto come mai la mozione non fosse rinviata in commissione, visto il riferimento nel titolo “alle famiglie e i minori sgomberati dal Comune di Cascina”, ovvero a “una questione prettamente locale e non di interesse regionale”. Per Tommaso Fattori (capogruppo Sì Toscana a sinistra) il testo di riferisce a questioni “relative alla Regione Toscana nel suo insieme”, e quindi “propone una soluzione di tipo generale”. “La mozione è da discutersi in aula e chiedo di poterla firmare”, ha concluso.

La capogruppo della Lega Elisa Montemagni ha detto di poter “essere d’accordo sulla cabina di regia, ma non sulla strumentalizzazione di temi che sono delicati”. A Cascina (Pisa), “ci sono campi che sono stati sgomberati perché ci sono bambini che non possono stare nello sporco”. Per Antonio Mazzeo (Pd) “non si può spostare persone di qualunque genere, colore e razza, da una parte all’altra solo per continuare a fare slogan e campagna elettorale continua”. Serena Spinelli (capogruppo Mdp) ha affermato che “difendere queste popolazioni non porta consenso, è una battaglia che si fa sulla valutazione etica e morale. Ritornare a occuparsi” di questi temi “in maniera non strumentale, ma mettendo al centro i diritti delle persone, è una cosa importante”. Giacomo Giannarelli (capogruppo M5s), ha proposto di togliere il riferimento al caso specifico di Cascina dal titolo della mozione, soluzione accettata da Nardini. La mozione è stata così votata.

L'articolo Rom: Consiglio Regionale approva mozione integrazione proviene da www.controradio.it.

Pd: eletti dieci toscani nella direzione nazionale

Pd: eletti dieci toscani nella direzione nazionale

Sono 10 i toscani tra i 120 componenti nella direzione del Pd eletti ieri in occasione della prima assemblea nazionale del partito dopo le primarie svoltasi a Roma.

Tra i dieci toscani eletti nella direzione, secondo quanto appreso, figurano Brenda Barnini, sindaca di Empoli, il senatore Dario Parrini e la vicepresidentessa del gruppo dem a Palazzo Madama Caterina Bini, Alessandra Nardini, consigliera regionale e coordinatrice toscana della mozione Zingaretti, Valerio Fabiani, già candidato a segretario toscano del Pd alle primarie regionali dello scorso ottobre, le deputate Maria Elena Boschi, Susanna Cenni e Rosa Maria Di Giorgi, Marco Simiani e Stefano Bruzzesi.
“Zingaretti ha fatto proposte condivisibili sulla sanità e sulla scuola; anche sulle elezioni europee e sulle amministrative. Vedremo gli sviluppi”. Ha scritto su facebook il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi dopo l’Assemblea del Pd, che ieri ha dato il via libera al nuovo segretario, dicendosi particolarmente colpito da una frase del neo segretario: “‘voglio un partito più inclusivo e pluralista, in cui valorizzare tutti e senza mai fare la caricatura di quelli che la pensano diversamente, di cui sono pronto a riconoscere le ragioni, anche quando non le condivido'”.
“Mi chiedo se le ragioni di un nuovo socialismo, che renda attuale la migliore storia e gli ideali della sinistra italiana, potranno, nel partito di Zingaretti, essere considerate con rispetto e valorizzate – prosegue Rossi -. C’è stato un periodo in cui questo non è avvenuto quando solo a parlare di socialismo si veniva beffeggiati e attaccati perché si consideravano eresie le posizioni di una sinistra socialista. Ora Zingaretti dice di voler ‘cambiare tutto’, riapre il dialogo e lancia un messaggio diverso che a me pare interessante e che seguirò attentamente”.
“Complimenti e auguri di buon lavoro a tutti. C’è un gran lavoro da fare per far vincere il Pd e il centrosinistra a cominciare dalle prossime amministrative ed europee”. Così in una nota la segretaria del Pd toscano, Simona Bonafe’, rivolgendosi ai toscani della direzione nazionale del Pd (a cui  si aggiungono i componenti di diritto, tra cui la stessa Bonafè). Silvia Velo, si spiega ancora, è stata eletta nella commissione nazionale di garanzia.

L'articolo Pd: eletti dieci toscani nella direzione nazionale proviene da www.controradio.it.