Azienda Gkn impugna sentenza e conferma chiusura stabilimento

Azienda Gkn impugna sentenza e conferma chiusura stabilimento

Firenze, l’azienda Gkn dichiara di voler impugnare la sentenza del Tribunale che ha revocato la procedura di licenziamento collettivo nei confronti dei 422 dipendenti della fabbrica di Campi Bisenzio, e conferma inoltre in una nota, la decisione di chiudere la fabbrica.

“Gkn Driveline Firenze rimane convinta della correttezza del proprio operato e non si sottrarrà al confronto con le parti sociali, si legge in un nota dell’azienda – avendo comunque dato mandato ai propri legali di presentare impugnazione”.

“La società – continua la nota -, nel prendere atto di quanto stabilito dal Tribunale, pur non condividendo la ricostruzione e le conclusioni del decreto, rileva come la decisione di chiusura non sia stata intaccata né censurata, così come la messa in liquidazione dell’azienda”, per cui “il confronto sindacale potrà avvenire nell’ambito delle procedure legali da questi invocate in giudizio sulle quali il Tribunale di Firenze si è pronunciato”.

Dunque, l’azienda, si legge ancora, ha dato esecuzione al decreto del Tribunale, revocando la procedura “al fine di convocare, tramite Confindustria Firenze, le Rsu e il sindacato territoriale per dare corso all’informativa e consultazione dell’art. 9, prima parte, del contratto collettivo nazionale, nonché al confronto menzionato nell’accordo aziendale del 9 luglio 2020, il tutto già a partire dal 21 settembre”.

In questa fase, dichiara Gkn, “eventuali altri tavoli, ancorché istituzionali, saranno affrontati tenendo conto dei vincoli normativi e delle statuizioni del Giudice del Lavoro”.

Tutto ciò in totale contrasto con quanto sperato dai sindacati e dai lavoratori della Gkn, “si riprenda subito la produzione con il rientro al lavoro di tutti i metalmeccanici”, alla luce della sentenza del Tribunale di Firenze che ha revocato i licenziamenti. Avevano infatti dichiarato in una nota congiunta Michele De Palma, segretario nazionale Fiom e responsabile del settore automotive e Silvia Spera, dell’area politiche industriali per la Cgil nazionale, dopo il tavolo di oggi al Mise.

“Alla richiesta di riprendere il confronto da parte dell’azienda – affermano i sindacalisti – abbiamo ribadito che per la Fiom la sede naturale del confronto è quella istituzionale. Il Mise ha deciso di convocare entro la fine della settimana il prossimo incontro”.

Per De Palma e Spera “la magistratura ha riaffermato il diritto del lavoro così come sancito dallo Statuto delle lavoratrici e dei lavoratori. I lavoratori e la Fiom hanno fermato una procedura illegittima, ora il Governo faccia rispettare la responsabilità sociale dell’impresa”.

La riapertura dello stabilimento di Campi in conseguenza della sentenza del Tribunale di Firenze era stata auspicata anche dal presidente della Regione Toscana Eugenio Giani: “Sono davvero contento per i lavoratori che, dopo l’intervento del giudice del lavoro a seguito dell’iniziativa della Fiom, possono vedere sostenuti con più fiducia i loro diritti – ha detto Giani – Lo spirito della manifestazione di sabato, quando 20mila persone hanno sfilato a Firenze, deve darci la forza per risolvere il disagio causato dalla chiusura dell’azienda. Melrose, ora che i lavoratori non sono più da considerarsi licenziati, deve riaprire lo stabilimento: con lo stabilimento aperto e in grado di far fronte alle commesse, perché questa non è un’azienda in crisi di produzione, c’è la possibilità di aprire un tavolo di relazioni sindacali e sociali in grado comporre le diverse posizioni”.

“Ringrazio la viceministra Todde – ha concluso Giani – per tenuta di questo tavolo. Questa vertenza ha un significato che va ben oltre la Gkn di Campi, e parla a tutti coloro che pensano che le relazioni sindacali possano essere banalizzate in modo così arrogante come avvenuto da Gkn con i lavoratori di Campi Bisenzio”.

L'articolo Azienda Gkn impugna sentenza e conferma chiusura stabilimento da www.controradio.it.

Gkn: Todde, revoca licenziamenti primo grande passo. Oggi tavolo al Mise

Gkn: Todde, revoca licenziamenti primo grande passo. Oggi tavolo al Mise

Gkn: Todde, “La revoca dei licenziamenti collettivi è un primo grande passo per i lavoratori che da mesi presidiano lo stabilimento di Campi Bisenzio. Questo risultato certifica gli sforzi sinergici portati avanti dalle Istituzioni, dai sindacati, dai lavoratori e da tutta la comunità che dal primo momento ha sostenuto il territorio in questa difficile battaglia”.

Così la viceministra allo Sviluppo economico Alessandra Todde commentando la decisione del giudice del lavoro che ha accolto il ricorso della Fiom per la vertenza della Gkn di Campi Bisenzio. Todde ha anche confermato la convocazione del tavolo Gkn per oggi al Mise.
“In questi mesi – aggiunge Todde – abbiamo convocato il tavolo due volte, non abbiamo mai interrotto le interlocuzioni con le parti e abbiamo lavorato in un contesto difficile con una azienda che ha smarrito il suo senso di responsabilità sociale. Ora dobbiamo essere concreti,  perché quando parliamo di 422 lavoratori, più l’indotto, parliamo di famiglie”.

“Il pronunciamento del tribunale di Firenze, che ha revocato la lettera d’apertura della procedura di licenziamento collettivo di 422 dipendenti della GKN di Campi di Bisenzio (FI), è l’ennesima prova di come l’atteggiamento di alcune multinazionali sia contrario al dialogo e alle corrette procedure di consultazione da porre in essere. Anche in questo caso centinaia di lavoratori erano stati liquidati a luglio con una odiosa e-mail. Auspico che al tavolo convocato quest’oggi al MISE dalla Vice Ministra Alessandra Todde arrivi, da parte dell’azienda, un atteggiamento più costruttivo e collaborativo. Chi fa impresa deve avere una etica sociale e del lavoro che troppo spesso vediamo smarrita”. E’ quanto afferma Rossella Accoto, sottosegretaria al Lavoro e alle Politiche Sociali.

“Oggi hanno vinto i lavoratori contro una procedura di licenziamento illegittima. Questa dolorosa vicenda dimostra che la prepotenza e l’arroganza non pagano. La Gkn ha calpestato i diritti e le regole e soprattutto il rispetto verso le persone. Come deputati toscani del PD siamo sempre stati a fianco dei lavoratori con le nostre presenze nelle mobilitazioni, con i nostri atti parlamentari, con la nostra vicinanza alle istituzioni e alla loro posizione ferma ai tavoli che hanno sempre visto rifuggire l’impresa, e siamo impegnati perché violazioni così gravi non si ripetano più. Con la sentenza del Tribunale di Firenze ci sono le basi utili per un’iniziativa del Governo contro le delocalizzazioni selvagge perché servono regole più stringenti che consentano interventi incisivi per richiamare al senso di responsabilità chi decide chiusure che non hanno giustificazioni né di mercato né di bilancio”. Lo affermano le deputate e i deputati dem della Toscana.

Sul fronte delle istituzioni locali, “Sono soddisfatto, la sentenza del Tribunale che annulla i licenziamenti voluti da Melrose permette a tutti noi di parlare di lavoro, territorio e produzione”. Cosi’ il presidente della Regione, Eugenio Giani, che questo pomeriggio sara’ a Roma al Ministero dello sviluppo economico. “Ci stiamo battendo perche’ non accada mai piu’ che fondi internazionali possano permettersi di acquisire pezzi della nostra terra e delle nostre industrie per scaricarci, poi, come fossimo scarti. E’ fondamentale che intervenga il Governo con una normativa apposita”.

“Il tribunale di Firenze ha revocato i licenziamenti ai 422 lavoratori Gkn per comportamento
antisindacale dell’azienda. La giustizia ha fatto il suo corso, ora tocca alla politica. Avanti per nuove norme contro le delocalizzazioni immotivate e per i diritti dei lavoratori”. Lo
ha scritto su Twitter il sindaco di Firenze Dario Nardella.

L'articolo Gkn: Todde, revoca licenziamenti primo grande passo. Oggi tavolo al Mise da www.controradio.it.

Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 16 settembre 2021

Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 16 settembre 2021

Controradio Infonews: ultim’ora, aggiornamenti, cronaca ed eventi in Toscana nella sintesi mattutina di Controradio. Per iniziare la giornata ‘preparati’.

CONTRORADIO INFONEWS – La viceministra per lo Sviluppo economico Alessandra Todde ha convocato il tavolo sulla vertenza Gkn per lunedì 20 settembre alle 15, sia in presenza al Mise che da remoto. “L’azienda non può pretendere un’interlocuzione anche con le parti sindacali – ha affermato Todde – senza considerare che c’è una procedura di licenziamento aperta che, ricordo, scade il 22 di questo mese”. La viceministra  ha visitato ieri la fabbrica di Campi Bisenzio, insieme all’ex premier Giuseppe Conte.
CONTRORADIO INFONEWS – Si è risolta con il pagamento degli stipendi arretrati la vicenda dei 10 dipendenti di una ditta di Napoli che aveva ottenuto in subappalto un cantiere a Pistoia per la realizzazione di 30 appartamenti da destinare al social housing. I lavoratori lo scorso 9 settembre avevano occupato il cantiere, perché da tre mesi non ricevevano lo stipendio. Nel tardo pomeriggio di ieri, al termine di una lunga trattativa tra il sindacato (Filca Cisl) e le due aziende (la società appaltatrice e subappaltatrice) le parti hanno concordato di pagare le spettanze dovute ai 10 lavoratori.
CONTRORADIO INFONEWS- In Toscana la Sala operativa della Protezione civile regionale ha emanato un’allerta meteo fino alle 24 di oggi. Sono previsti rovesci e temporali di forte intensità che colpiranno prima le zone a nord-ovest della regione per poi estendersi in tutta la Toscana.  Scuole chiuse in 13 comuni della Lunigiana  per via dell’allerta meteo. Ai 13 Comuni della Lunigiana si è aggiunto quello di Carrara.   Il Comune di Viareggio (Lucca) informa che saranno chiuse in via precauzionale le pinete e il viale dei Tigli.
CONTRORADIO INFONEWS – Sostenibilità dei sistemi agricoli e alimentari, è il tema al centro del G20 agricoltura a Presidenza Italiana che si terrà a Firenze il 17 e 18 settembre ma che prenderà ufficialmente il via oggi  alle 14.00 con l’Open Forum sull’Agricoltura sostenibile. Un evento G20, organizzato dal ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, che vedrà la partecipazione dei ministri dell’Agricoltura e Delegati dei Paesi G20 e non, di rappresentanti delle organizzazioni degli agricoltori e delle organizzazioni internazionali e di
imprenditrici e imprenditori agricoli. L’apertura e la chiusura dell’evento saranno affidate al ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali,
Stefano Patuanelli.
Un’installazione verde a Firenze per evocare la bellezza del paesaggio agricolo italiano e il rischio di trasformazione e desertificazione che incombe su di esso a causa dei cambiamenti climatici, in un simbolico passaggio dal ‘cerchio del presente’ al ‘cerchio del futuro’. E’ ‘Il cammino del verde’, l’opera che fino al 20 settembre troverà spazio in piazza del Duomo
Taglio del nastro alle 18 a Bagno a Ripoli del nuovo campo sportivo presso l’impianto comunale dei Ponti. Intervengono il sindaco Francesco Casini, Rocco Commisso, Eugenio Giani, Dario Nardella e Luca Lotti.
Al Cenacolo di Santa Croce  “Aspettando Genius Loci. Il futuro della memoria”, una serie di incontri letterari dedicati a figure chiave della nostra identità culturale con la presentazione dei libri: alle 18.30  Aldo Cazzullo racconta ‘Il posto degli uomini’, volume dove esplora e approfondisce le vicende e l’opera del ‘poeta che inventò l’Italia’.

L'articolo Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 16 settembre 2021 da www.controradio.it.

GKN: Todde e Conte ai cancelli per parlare con i lavoratori

GKN: Todde e Conte ai cancelli per parlare con i lavoratori

In attesa di convocare il tavolo di crisi sulla  situazione dei 422 lavoratori della Gkn di Campi Bisenzio il viceministro allo sviluppo economico Alessandra Todde e il leader del M5S Giuseppe Conte , incontreranno in tarda mattinata, dopo le 12, i lavoratori in presidio permanente, da circa 3 mesi, davanti ai cancelli della fabbrica.

La vertenza GKN  è a un punto critico: nel tavolo di fine agosto, l’azienda ha confermato di fatto la procedura di licenziamento dei lavoratori. Nel corso dell’incontro di Todde e Conte con i lavoratori  si parlerà probabilmente anche del prossimo dl delocalizzazioni. Sull’atteggiamento dell’azienda la Fiom ha presentato intanto al tribunale di Firenze un ricorso per attività antisindacale per aver chiuso senza preavviso il sito di Campi. La decisione dei giudici dovrebbe arrivare a giorni.
Sarà nel complesso una gornata toscana per il presidente del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte: l’ex premier è in mattinata  a Grosseto, per un’iniziativa a sostegno del candidato sindaco del centrosinistra Leonardo Culicchi, mentre alle 13  sarà a Sesto Fiorentino (Firenze) per sostenere il candidato a sindaco del M5s Giovanni Policastro.
Nel pomeriggio il presidente del M5s sarà a Montevarchi (ore 16) e a Sansepolcro (ore 18) per altre iniziative elettorali legate alle Comunali.
Conte è intervenuto intanto sui temi di politica nazionale.  “Questo governo è nato per due obiettivi: completare la campagna vaccinale e mettere in sicurezza il Paese, e per avviare una buona attuazione del Pnrr: una forza politica che ha accettato di partecipare a questo governo e tradisce una di queste due missioni è una forza politica che prende in giro il suo elettorato, non ha idee chiare, e non fa bene al Paese”.  ha detto  Conte, presidente del in merito alle frizioni nella maggioranza sul Green pass. “Credo che una forza politica che assume una responsabilità di governo debba essere conseguente”, ha proseguito Conte, in una iniziativa elettorale stamani a Grosseto.

L'articolo GKN: Todde e Conte ai cancelli per parlare con i lavoratori da www.controradio.it.

🎧 GKN: “legge contro le delocalizzazioni sia scritta ‘con’ e non ‘sulle’ nostre teste”

🎧 GKN:  “legge contro le delocalizzazioni sia scritta ‘con’ e non ‘sulle’ nostre teste”

Ieri nella fabbrica ‘occupata’ di Campi Bisenzio l’assemblea con i giuristi per cominciare a porre le basi per la nuova normativa. L’iniziativa nasce all’indomani della bozza del decreto legge anti delocalizzazioni che porta le firme del ministro del Lavoro,  Andrea Orlando, e della viceministra del Mise,Alessandra Todde.

Il timore è che ancora una volta le decisioni siano prese non ‘con’ i lavoratori ma ‘sui’ lavoratori. per questo l’assemblea permanete degli operai della GKN, all’indomani della bozza del decreto legge anti delocalizzazioni (che interessa le aziende non in crisi che decidono di andare via e licenziare tutti) che porta le firme del ministro del Lavoro,  Andrea Orlando del Partito Democratico, e della viceministra del Mise, la grillina Alessandra Todde, hanno sin da subito espresso   dubbi  sulla norma che si sta scrivendo.

Il parere generale è quello di promuovere l’impianto complessivo   della proposta di legge, per quello che riguarda  gli obblighi e gli adempimenti del datore di lavoro. le contestazioni riguardano  gli  strumenti attuativi e  l’apparato sanzionatorio. in pratica si teme la solita legge-bandiera prova di effetti pratici, se non addirittura controproducente.

A fronte infatti della finalità di ‘salvaguardia del tessuto occupazionale e produttivo’, la bozza del decreto legge parla solo di sanzioni economiche. Secondo il  giurista Piergiovanni Alleva, ex consigliere Cnel e componente di diverse commissioni ministeriali, citato da la Nazione, “partendo dal presupposto che chi vuole disinvestire deve prendersi una responsabilità sociale, la bozza del decreto legge prevede un piano di «disinvestimento» e un periodo di preavvviso così da iniziare la ricerca di un nuovo compratore. Se questo piano non viene attuato dall’azienda che se ne vuole andare, allora i licenziamenti devono diventare inefficaci”.

Secondo  Alleva  si deve anche provare la strada di un commissariamento dell’azienda per il tempo necessario a realizzare il piano.

C’è poi il problema delle soglie di applicabilità che la legge pone ad almeno 250 dipendenti. “La soglia va tolta” dicono i giuristi che hanno partecipato all’assemblea.

Intanto domani alla GKN il concerto in solidarietà della vertenza con ,tra gli altri, la Banda Bassotti

Intervista con Michele Di Paola della GKN

L'articolo 🎧 GKN: “legge contro le delocalizzazioni sia scritta ‘con’ e non ‘sulle’ nostre teste” da www.controradio.it.