Plastic-free, Montemurlo ha fatto una scelta lungimirante: la polpa di cellulosa può essere compostata

Alia, in una nota inviata ai sindaci, spiega che le bioplastiche devono essere smaltite nella frazione dei rifiuti non differenziabili, perché gli attuali impianti di compostaggio trattano esclusivamente residui organici (scarti alimentari) e vegetali. Unica eccezione i prodotti in fibre naturali quali pasta di legno, di mais, di riso o cellulosica che possono essere effettivamente compostabili

L’innovazione nella gestione dei rifiuti: a Firenze il 5 settembre inaugurazione del progetto europeo SMART WASTE

La giornata inaugurale del progetto, il 5 settembre, si terrà nella Sala Pegaso del Palazzo Strozzi Sacrati, in Piazza del Duomo 10, a partire dalle ore 9 e vedrà la partecipazione dell'assessore regionale all'ambiente, Federica Fratoni, del presidente di ARRR Spa, Lead Partner di Smart Waste, Marco Meacci, dei partner europei e di relatori che affronteranno il tema dell'innovazione della gestione dei rifiuti in Toscana

L’innovazione nella gestione dei rifiuti: a Firenze il 5 settembre inaugurazione del progetto europeo SMART WASTE

FIRENZE - Il progetto Interreg Europe SMART WASTE studia approcci e tecnologie innovative per ridurre la produzione ed aumentare il riutilizzo ed il riciclo dei rifiuti.

ARRR, Agenzia Regionale Recupero Risorse Spa – società in house della Regione Toscana - è capofila del progetto SMART WASTE e si avvale del finanziamento del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale dell'Unione Europea per il periodo 2019 - 2023.

La giornata inaugurale del progetto, il 5 settembre, si terrà nella Sala Pegaso del Palazzo Strozzi Sacrati, in Piazza del Duomo 10, a partire dalle ore 9 e vedrà la partecipazione dell'assessore regionale all'ambiente, Federica Fratoni, del presidente di ARRR Spa, Lead Partner di Smart Waste, Marco Meacci, dei partner europei e di relatori che affronteranno il tema dell'innovazione della gestione dei rifiuti in Toscana.

I paesi e i partner coinvolti nel progetto sono: Italia - coordinatore del progetto (ARRR Spa); Danimarca (Comune di Kolding), Lituania (Centro regionale di gestione rifiuti della Regione di Klaipeda - KRWMC), Bulgaria (Associazione esperti ambientali comunali - BAMEE) – Belgio (Associazione di città e regioni per la gestione sostenibile delle risorse – ACR+), Paesi Bassi (Comune di Apeldoorn).

SMART WASTE valuterà come e quanto le politiche pubbliche nazionali, regionali e comunali dei partner hanno sostenuto l'innovazione nella gestione dei rifiuti, per proporre soluzioni interregionali ai punti di debolezza che saranno identificati.

Con la promozione dello scambio interregionale di esperienze tra territori con diversi e livelli diversi di sviluppo, SMART WASTE sostiene non solo l'obiettivo di Interreg Europe di migliorare le politiche pubbliche su sfide sociali prioritarie ma contribuisce anche alle politiche europee di settore di più ampio respiro, come il Piano di Azione Ambientale europeo e il Pacchetto Europeo per l'economia circolare, nel contesto degli obiettivi europei al 2020 per la crescita intelligente e sostenibile.

 

Firenze: sconti sulla Tari a chi pianta alberi in giardino

Firenze: sconti sulla Tari a chi pianta alberi in giardino

Sconti sulla tassa dei rifiuti a chi pianterà alberi nel Comune di Firenze. È questa la decisione adottata da Palazzo Vecchio che premierà i cittadini (privati o condomini) col pollice verde che decideranno di aiutare l’ambiente.

Uno sconto tanto pià alto quanto più ‘green’ sarà la piantagione: aceri, ricci, platani, olmi e ginko biloba. Queste, secondo gli esperti, sono le migliori specie mangia-smog. Ma anche bagolaro, frassino, ontano nero, tiglio selvatico: così anche nel proprio giadino sarà possibile ripulire l’aria del Comune di Firenze, da miglaia di chili di anidride carbonica e sostanze inquinante come le pm10 che ogni anno in Italia causano 80mila morti premature.

Non è la prima inziativa in ambito ambientale portata avanti dal Comune, ma è un bis dopo la campagna ‘dona un albero’ che in poche settimane ha già raccolto centinaia di adesioni. Un’inziativa, dunque, che va ad aggiungersi nell’ottica di ridurre la Co2 nell’ambiente fiorentino e che vedrà la luce, probabilmente, nel 2020.

I prossimi mesi serviranno per elaborare tecnicamente e amministrativemante il piano, oltre  che mettere a punto i dettagli con gli esperti del verde. “Vogliamo stimolare i privati a prendersi cura del patrimonio arboreo di loro proprietà, che fa comunque parte del verde cittadino, premiando in particolar modo l’aspetto della qualità nell’intervento di messa a dimora di nuove alberature perchè non tutti gli interventi hanno gli stessi benefici sull’ambiente”, fa sapere l’assessore all’ambiente Cecilia del Re.

Assessore che ha avuto modo anche di confrontarsi con due docenti di arbocultura di fama: il professore Stefano Mancuso, direttore del laboratorio internazionale di enurobiologia vegetale e il docente Francesco Ferrini. Con loro si vuole creare un manuale ad hoc per i privati interessati.

“Insieme all’assessorato al bilancio studieremo gli strumenti per dare gambe all’operazione. Vogliamo puntare molto sulla consapevolezza del cittadino”, ha concluso Del Re.

 

L'articolo Firenze: sconti sulla Tari a chi pianta alberi in giardino proviene da www.controradio.it.