In migliaia per Bocelli a Lajatico: rispettata capienza? La rabbia degli operatori culturali che scrivono alla Regione

In migliaia per Bocelli a Lajatico: rispettata capienza? La rabbia degli operatori culturali che scrivono alla Regione

In migliaia a Lajatico (PI). Capienze, eventi e discrezionalità… sta facendo discutere il maxi evento targato Bocelli che ha portato in due giorni migliaia di spettatori da tutto il mondo nel piccolo comune della provincia di Pisa che ha dato i natali all’artista, per la sedicesima edizione del Teatro del Silenzio.

L’anno scorso l’evento saltò a causa della pandemia, quest’anno invece pare proprio che le presenze ‘stridano’ con le capienze consentite in regione per gli eventi di spettacolo. Molti gli interrogativi e la rabbia tra gli operatori del settore costretti da oltre un anno a prolungate chiusure, limitazioni e rispetto ferreo delle disposizioni in merito al limite massimo di pubblico stabilito di mille spettatori.

Video dell’evento inviato alla redazione di Controradio

Di seguito il testo del comunicato diffuso dal comitato di scopo Promoter per la Toscana, il coordinamento tra promoter, produttori e distributori di musica dal vivo toscani, costituitosi nel dicembre 2020.

“Leggiamo che a Laiatico il concerto di Bocelli ha accolto cinquemila persone A margine di questo, fosse vero, ci chiediamo quale autorizzazione in deroga è stata data, e nel caso perché, e se non fosse stata data autorizzazione, per quale motivo non si sia intervenuti.

E’ noto infatti che la Regione Toscana, non ha, in deroga con quanto stabilito dal Ministero della Salute aumentato le capienze dei luoghi di spettacolo, come ad esempio fatto in Veneto o in Emilia, e che pertanto il limite massimo di pubblico è stabilito in mille spettatori.

La Regione Toscana intesa come Governo ha tutto il diritto di stabilire come procedere in merito alla Sanità Pubblica e nel caso specifico relativamente alle capienze dei luoghi di spettacolo in vigenza di covid 19, certamente non può invece fare distinguo fra i vari operatori del suo territorio.

Chiediamo pertanto di fare luce su un aspetto non chiaro Inoltre come Comitato dei Promoter Toscani di Musica dal Vivo, esprimiamo sconcerto per la sensibilità che il Governo della nostra Regione sta dimostrando nei confronti del nostro mondo della Cultura e dello Spettacolo in generale, che va sottolineato, nel nostro territorio vanta eccellenze di ogni grado e sviluppa economie importantissime.

Niente infatti ad oggi, hanno partorito le riunioni, peraltro sempre in assenza del Presidente che ricordiamo, è anche titolare della Cultura Dopo aver visto bandi per lo Spettacolo dal Vivo comprensivi di circoli sportivi, palestre, scuole di danza, dopo aver visto ignorati i suggerimenti per il sostegno ai lavoratori dello spettacolo, che infatti ne sono rimasti esclusi, dopo non aver avuto alcuna risposta relativamente alla richiesta di partecipazione ai tavoli di concertazione sulla realizzazione dei Programmi Operativi Regionali per l’utilizzo dei fondi europei, dopo aver atteso invano una deroga regionale all’ampliamento delle capienze in Toscana, oggi rileviamo che a Laiatico erano presenti cinquemila spettatori Riservandoci la possibilità di procedere in tutte le sedi legali, per capire quale falla o autorizzazione, ha potuto realizzare ciò, per tanto, e per tutto quanto descritto sopra vorremmo dalla Regione delle risposte concrete”.

L'articolo In migliaia per Bocelli a Lajatico: rispettata capienza? La rabbia degli operatori culturali che scrivono alla Regione da www.controradio.it.

Lajatico paese più ricco d’Italia: ci abita Bocelli

Lajatico paese più ricco d’Italia: ci abita Bocelli

Con un reddito di 46.216 euro pro capite, Lajatico, paese natale del tenore Andrea Bocelli, occupa il primo posto nella top 10 del 2019 dei Comuni più ricchi d’Italia, guadagnando una posizione rispetto all’anno scorso.

 Lajatico, in provincia di Pisa, è il Comune più ricco d’Italia, Cavargna (Como) il più povero. E’ quanto emerso dall’elaborazione effettuata dall’istituto di ricerca Intwig dei dati diffusi oggi dal ministero dell’Economia e delle Finanze Mef. L’analisi riguarda i redditi del 2019 e mostra una prima tendenza: il reddito imponibile pro capite prima della pandemia (al netto delle eventuali detrazioni) è risultato di 20.079 euro, sostanzialmente stabile rispetto al dato del 2018, che era di 20.049 euro.

Con un reddito di 46.216 euro pro capite, Lajatico, paese natale del tenore Andrea Bocelli, occupa il primo posto nella top 10 del 2019 dei Comuni più ricchi d’Italia, guadagnando una posizione rispetto all’anno scorso. Seguono Basiglio e Cusago, entrambi in provincia di Milano. Tra le novità del 2019, l’entrata in top 10 di Bogogno (Novara), che guadagna 32 posizioni, e di Rubiera (Reggio Emilia), che balza dalla 336/a posizione del 2018 alla sesta del 2019. Negli ultimi posti della classifica si posizionano i piccoli Comuni di confine Cavargna (Como), Val Rezzo (Como) e Valle Cannobina (Verbania) con un reddito medio rispettivamente di 6.243 euro, 6.657 e e 6.776 euro che, secondo Intwig, è “probabilmente dovuto all’economia transfrontaliera.

Il triangolo Milano-Bergamo-Monza si conferma il più ricco d’Italia, mentre Roma esce dalla top 10. “Dai dati sui redditi degli italiani del 2019 – osserva Aldo Cristadoro, ad di Inwig – colpiscono in particolare due aspetti: la crisi delle grandi città, che vedono una contrazione del reddito medio (di oltre 100 euro) e la differenza di genere a livello salariale, con un reddito medio pro capite degli uomini di 23.711 euro e di 16.101 per le donne”.

L'articolo Lajatico paese più ricco d’Italia: ci abita Bocelli da www.controradio.it.

Bocelli apre a Firenze laboratorio per giovani talenti

Bocelli apre a Firenze laboratorio per giovani talenti

Avrà sede nel complesso di San Firenze: il 24 gennaio ci sarà l’inaugurazione con l’esibizione del tenore

Andrea Bocelli inaugurerà il 24 gennaio la nuova sede della sua Fondazione a Firenze, nel complesso di San Firenze, che ospiterà anche un laboratorio, ‘Abf Globalab‘, per incentivare e guidare il talento dei giovani. L’attenzione, è stato spiegato nel corso di una conferenza stampa, sarà alla fascia tra i 16 e i 25 anni.

La sede ospiterà workshop, conferenze, eventi culturali: tra le altre attività ci saranno pure proiezioni di immagini statiche e in movimento sulla facciata di San Firenze. Il ‘Globalab’ potrà contare su alcune personalità come la vicedirettore generale dell’Unesco Stefania Giannini, l’imprenditore Mike Ferry, il sindaco di Firenze Dario Nardella, la direttrice d’orchestra Beatrice Venezi, il cantautore Giovanni Caccamo e l’artista Max Frieder. “Tanti ragazzi potranno trarre ispirazione da qui”, ha dichiarato Bocelli. In occasione dell’inaugurazione Bocelli si esibirà, per la prima volta, nel grande classico di Narciso Parigi e Claudio Villa ‘Firenze sogna’.

“Avere qui la fondazione che porta il mio nome per me è motivo di grande soddisfazione e orgoglio perché ritengo che nell’educazione stia la speranza del domani. In questo periodo l’educazione fa sentire la sua importanza. Mi auguro che tanti ragazzi di talento trarranno ispirazione da quello che si respira qui. E che possano trovare il coronamento e la realizzazione di tutti i loro sogni”. Lo ha detto il maestro Andrea Bocelli, in occasione della conferenza stampa online che anticipa l’inaugurazione del 24 gennaio della nuova sede della Andrea Bocelli Foundation. Il complesso di San Firenze, ha aggiunto Bocelli, “è un luogo molto bello e suggestivo. Non c’è intelligenza che possa rendersi utile se non è ben coltivata. Ho abbracciato questa mission: ritengo sia estremamente importante per il futuro nostro e dei nostri figli”

Proprio quest’anno la Abf compie dieci anni: il maestro ha ricordato come è nata l’idea della Fondazione, “dopo che mia moglie Veronica mi ha svegliato in lacrime avendo sentito la tragedia del terremoto di Haiti. Lì ho capito che ci sono situazioni in cui da lontano il cuore comincia a battere e bisogna mettersi a fare qualcosa”. “Il nuovo ‘Abf Globalab’ – ha detto il presidente della Fondazione Stefano Aversa – sarà un luogo di impegno e di crescita per i giovani. Un luogo dove potranno imparare ad esprimere il loro massimo potenziale”. Per Nardella l’inaugurazione “è un messaggio di luce e di speranza in un momento di incertezze. Con questo progetto dimostriamo che il pubblico e il privato possono lavorare insieme. Contro tanti tabù e pregiudizi, soprattutto se esiste un progetto chiaro”. Andrea Bocelli, ha aggiunto il sindaco, “avvierà qui un progetto di grande spessore, cultura e umanità per Firenze e per il mondo”. Nardella ha citato anche “Nelson Mandela che amava sempre dire che l’educazione è l’arma più potente per cambiare il mondo”

L'articolo Bocelli apre a Firenze laboratorio per giovani talenti proviene da www.controradio.it.

Covid: Bocelli dona plasma iperimmune

Covid: Bocelli dona plasma iperimmune

Il tenore ha scoperto di aver preso il coronavirus il 10 marzo scorso. solo sintomi lievi per lui. Stamattina ha donato il plasma iperimmune per uso clinico al Centro trasfusionale dell’Ospedale di Cisanello.

Accompagnato dalla moglie Veronica Berti, è arrivato poco prima di mezzogiorno, e dopo un breve incontro con i giornalisti, in cui ha raccontato di aver contratto una forma lieve di Covid-19 insieme a tutti i suoi familiari e di voler contribuire alla cura di questa malattia, si è recato a donare, dopo la visita prevista per ogni donatore. Ad accoglierlo e ringraziarlo, a nome della Regione Toscana, il direttore del Centro regionale sangue Simona Carli e, per l’Aoup, Mojgan Azadegan della Direzione sanitaria, il direttore della Medicina trasfusionale e biologia dei trapianti Alessandro Mazzoni, il direttore dell’Officina trasfusionale Maria Lanza e il direttore delle Malattie infettive Francesco Menichetti, che è il coordinatore, insieme all’ospedale San Matteo di Pavia, della sperimentazione nazionale della plasmaterapia (studio “Tsunami” TranSfUsion of coNvalescent plAsma for the treatment of severe pneuMonIa due to SARS-CoV2 ) per la cura del Covid-19.

 Nessun sintomo, ‘niente. Ho fatto il tampone e ho visto che ero positivo. Onestamente, quando l’ho scoperto, era il 10 di marzo, mi sono tuffato in piscina perche’stavo bene’. Cosi’ Andrea Bocelli ha raccontato la sua esperienza con il coronavirus .  Sintomi lievi,
poi, per gli altri familiari risultati positivi: ‘Solo febbri lievi, 37,2 37,3 chi l’ha avuta’.
Bocelli e’ arrivato all’ospedale accompagnato dalla moglie Veronica che diversamente da quanto scritto in precedenza non ha donato il plasma. Alla domanda se donassero tutti in famiglia, Bocelli ha infatti risposto: ‘No, qua ci sono io, poi vediamo’.
Con la sua donazione Bocelli contribuisce alla sperimentazione, che vede capofila l’Aou di Pisa col reparto di malattie infettive diretto dal professor Francesco Menichetti, per testare sui pazienti Covid-19 l’infusione di plasma da pazienti negativizzati.

Il tenore ha donato tramite plasmaferesi il plasma ad uso clinico per lo studio Tsunami, che viene trattato dal macchinario per l’inattivazione dei germi patogeni (reso quindi iperimmune), condizione essenziale per poter utilizzare la componente liquida del sangue senza eventi avversi.La moglie invece, avendo avuto gravidanze, ha donato il plasma “normale” (non è possibile utilizzare infatti il plasma iperimmune delle donne con pregressi aborti o gravidanze)

L'articolo Covid: Bocelli dona plasma iperimmune proviene da www.controradio.it.

Arti e Spettacolo nell’ex tribunale di Piazza San Firenze

Arti e Spettacolo nell’ex tribunale di Piazza San Firenze

Firenze, l’Associazione Palazzo delle Arti e dello Spettacolo (aPAS), nata dalla collaborazione tra Istituto Lorenzo de’ Medici e società Fair Play, ha vinto un bando di gara del Comune di Firenze per la concessione di parte del secondo piano e dell’intero terzo piano del complesso immobiliare dell’ex tribunale in piazza San Firenze.

Lo riferisce in una nota l’aggiudicataria aggiungendo che “si tratta di un superficie complessiva di circa 3.200 metri quadri, di cui circa 2.000 utilizzabili, nella quale nasceranno un polo culturale delle arti e dello spettacolo per valorizzare l’inestimabile patrimonio artistico e locale su scala internazionale”.

“E’ una sfida che abbiamo deciso di affrontare consapevoli della complessità del percorso che intendiamo intraprendere – spiega Carla Guarducci, presidente dell’Associazione aPAS e dell’Istituto Lorenzo de’ Medici – e siamo certi che per realizzare ciò che abbiamo in mente servirà la collaborazione della città e dell’amministrazione comunale per rendere questo spazio sempre più centrale per la vita di Firenze. Da subito potremo contare sulla collaborazione della Fondazione Zeffirelli, con cui ci lega da tempo un proficuo rapporto, in particolare saremo felici di confrontarci il prima possibile anche con la Fondazione Bocelli con cui condivideremo parte del secondo piano”.

Parte fondamentale del progetto infatti sarà l’ulteriore valorizzazione delle attività che rientrano nella partnership avviata dall’istituto Lorenzo de’ Medici con la Fondazione Franco Zeffirelli onlus che interesserà gli “ambiti delle arti performative e visive così come della storia dell’arte, della letteratura, del teatro e dell’opera”.

Il progetto aPAS si concretizzerà in uno spazio didattico, di ricerca, di produzione culturale, e di innovazione sociale grazie a lezioni di pratica e teoria “Sarà un luogo dinamico – assicura Guarducci – Proporremo percorsi didattici in lingua inglese, workshop, seminari, esibizioni multimediali e laboratori interattivi. Ora cominceremo con le verifiche procedurali per poter avviare i lavori quanto prima. Compatibilmente con le procedure ci auguriamo di poterla inaugurare entro la fine del 2020”

L'articolo Arti e Spettacolo nell’ex tribunale di Piazza San Firenze proviene da www.controradio.it.