Giovedì riaprono altri giardini e aree cani comunali

Giovedì riaprono altri giardini e aree cani comunali

Firenze, da giovedì 21 maggio riaprono nuovi giardini e aree cani, che vanno ad ampliare le aree verdi già usufruibili dai cittadini dal 4 e 11 maggio scorsi.

È quanto prevede l’ordinanza firmata ieri dal sindaco Dario Nardella in attuazione delle ultime disposizioni statali e regionali, tenendo conto della necessità di assicurare il rispetto delle misure di distanziamento e delle altre misure di prevenzione sanitaria. Nel dettaglio, a partire da giovedì 21 maggio saranno riaperti il Giardino Isonzo (Q3), giardino Santa Rosa (Q4), giardino del Lippi (Q5) e le aree cani del giardino Carraia (Q1), di via Pirandello e via Venosta (Q2), del giardino Isonzo ed Elia dalla Costa (Q3), di via del Caravaggio e Ugnano (Q4), del giardino del Lippi e San Piero a Quaracchi (Q5).

Giardini e aree cani riaprono alle stesse condizioni già previste per le riaperture del 4 maggio. In particolare: l’accesso è vietato alle persone sottoposte a quarantena o risultate positive al virus, le quali non devono muoversi dalla propria abitazione; alle persone con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37,5° C), le quali devono rimanere presso il proprio domicilio, limitare al massimo i contatti sociali e contattare il proprio medico curante. L’accesso è fortemente sconsigliato alle persone anziane o affette da patologie croniche o con multimorbilità ovvero con stati di immunodepressione congenita o acquisita, alle quali si raccomanda di evitare di uscire dalla propria abitazione o dimora, se non nei casi di stretta necessità.

Sarà in ogni caso necessario rispettare alcune regole di comportamento per la fruizione di queste aree: è vietata ogni forma di assembramento, con l’obbligo di mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività; i minori e le persone non completamente autosufficienti devono essere accompagnati; è obbligatorio indossare protezioni delle vie respiratorie (mascherine) nel rispetto delle misure di prevenzione stabilite a livello nazionale e regionale; per il contatto con gli elementi di arredo (panchine, tavoli, lampioni, recinzioni e altro) è fortemente raccomandato l’uso di guanti monouso; non è consentito l’uso contemporaneo della stessa panchina da parte di più persone appartenenti a nuclei familiari diversi.

L'articolo Giovedì riaprono altri giardini e aree cani comunali proviene da www.controradio.it.

Riaprono le aree cani e torna il mercato alle Cascine (alimentari)

Riaprono le aree cani e torna il mercato alle Cascine (alimentari)

Firenze, da lunedì 11 maggio, andando ad ampliare il quadro dei parchi e giardini già fruibili dal 4 maggio scorso, scatta la riapertura di 16 aree cani in tutti i quartieri, aumenta lievemente il numero dei giardini riaperti e torna il mercato settimanale delle Cascine per la sola parte di attività alimentare.

È la seconda fase dei provvedimenti di riapertura delle aree verdi cittadine, l’orario di apertura sarà inoltre esteso fino alle 20 per tutte le aree riaperte.

“Abbiamo fatto il punto su come è andata questa settimana e sulle risorse che abbiamo a bilancio – ha detto l’assessore all’Ambiente Cecilia Del Re – e siamo arrivati a una nuova ordinanza di riaperture delle aree verdi, che va ad integrare quella precedente. Si tratta per la maggior parte di aree cani, per dar seguito a un impegno preso con i proprietari di cani, ma il provvedimento riguarda anche la riapertura di otto giardini dove potremo contare sulla collaborazione delle associazioni che si sono fatte avanti per gestire questa fase di riapertura: Carraia, Nidiaci, Bellariva e lungarno Aldo Moro, Mezzetta, Sansovino, Noli e Saletto, mentre il giardino dell’Iris è visitabile già da oggi. Non possiamo permetterci ancora di riaprire nuove aree verdi sia per un tema di presidio di queste aree, che è stato particolarmente impegnativo specie nei giardini ove ci sono le aree gioco, sia per le risorse a bilancio, che venendo a mancare mettono la macchina comunale in difficoltà per la loro manutenzione. Ringrazio i presidenti di quartiere per la loro collaborazione, specie in questa fase delicata di graduale riapertura di queste aree”.

“La riapertura di 16 aree cani nei cinque quartieri – ha detto l’assessore al Decoro urbano Alessia Bettini – è un passaggio importante per i tanti proprietari di cani che durante il lockdown hanno dovuto fare a meno di questi spazi. Aree che contribuiscono al mantenimento del decoro e che potranno ora essere nuovamente fruite, sempre nel rispetto delle norme di sicurezza e non assembramento a tutela di tutti i cittadini. I Servizi tecnici del Comune si occuperanno anche della riapertura, sempre da lunedì 11, dei fontanelli a servizio delle aree cani aperte”.

Vengono riattivati i fontanelli per l’erogazione di acqua potabile presenti all’interno delle aree cani accessibili a partire da lunedì 11 maggio.

Torna anche il mercato settimanale delle Cascine, che generalmente si svolge nella giornata di martedì, per la sola attività di generi alimentari e con una modifica nella disposizione dei posteggi per permettere un miglior distanziamento. La modifica sarà a cura della direzione Sviluppo economico e sarà trasmessa a operatori e categorie.

L'articolo Riaprono le aree cani e torna il mercato alle Cascine (alimentari) proviene da www.controradio.it.

Coronavirus: cani felici ma stressati, più coi padroni ma con minor socialità e movimento

Coronavirus: cani felici ma stressati, più coi padroni ma con minor socialità e movimento

Come se la stanno passando i nostri animali domestici in questa prolungata e inedita modalità di permanenza in casa degli uomini ma con minor possibilità di sgambare e giocare con i loro amici a 4 zampe? Sì perché se stanno uscendo più spesso sicuramente lo fanno con una modalità non ideale per la loro psicomotricità.

Chiara Brilli lo ha chiesto alla dott.ssa  Hadavandi Sheida Zoia dell’Ambulatorio Veterninario Petraca di Firenze

L'articolo Coronavirus: cani felici ma stressati, più coi padroni ma con minor socialità e movimento proviene da www.controradio.it.