Trisomia 21 onlus festeggia i 40 anni di attività con una serata di gala

Trisomia 21 onlus festeggia i 40 anni di attività con una serata di gala

?Firenze, l’associazione Trisomia 21 onlus ha organizzato, con il patrocinio del Comune di Firenze, un evento dal titolo ‘Noi AbitiAmo Firenze’, che prevede una cena di gala accompagnata da una sfilata di moda.

La serata di Trisomia 21, sarà presentata dall’attrice Gaia Nanni da sempre vicina all’associazione e avrà luogo nel Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio il 30 novembre prossimo alle 19.30.

Era il 1979 quando l’associazione Trisomia 21 onlus sul territorio fiorentino iniziò la sua attività per garantire il rispetto e i pieni diritti delle persone con sindrome di Down o disabilità genetiche intellettive a essa assimilabili. Prima nella sede di via Faenza, poi nel corso degli anni l’attività venne trasferita in Borgo Pinti e quindi nella sede attuale di viale Volta.

Nel corso di questi quarant’anni è stato svolto un lavoro importante sia dal punto di vista abilitativo sanitario volto al raggiungimento delle massime autonomie possibili, sia dal punto di vista sociale per una piena inclusione, lavorando su un intreccio di fattori che vedono coinvolte non solo le persone con sindrome di Down ma anche e soprattutto la società.

Le donazioni raccolte sono destinate a promuovere la vita sociale, affettiva e lavorativa delle persone con sindrome di Down o disabilità genetica intellettiva avendo come obiettivo il raggiungimento della massima indipendenza, anche abitativa. Nello stesso tempo i fondi sono destinati anche alla formazione e alla ricerca.

Punto focale della serata sarà la sfilata di abiti realizzati dai ragazzi del laboratorio d’arte dell’associazione PicEo, un importante progetto abilitativo che dal 2008 ha lo scopo di inserire i ragazzi nel mondo del lavoro. Con i loro manufatti, infatti, i ragazzi di PicEo partecipano ad alcune mostre come ad esempio, Artigianato & Palazzo, con l’obiettivo di poter ‘fare impresa’.

Gli abiti che sono stati realizzati per la sfilata sono dedicati alla bellezza di Firenze. Girando per il centro della città i ragazzi di PicEo hanno scoperto le linee, i colori e le figure geometriche di alcuni monumenti fiorentini ma anche alcuni simboli di Firenze.

Le geometrie più rilevanti saranno quelle marmoree dei pavimenti e delle pareti esterne del Duomo e del Battistero. L’oro sarà un altro elemento importante presente anche negli sfondi della pala d’altare.

Il colore è un altro elemento fondamentale. L’artista olandese Maurits Cornelis Escher scriveva nei suoi diari che il blu lapislazzuoli del cielo toscano non lo aveva visto da nessun’altra parte. E poi il verde del marmo serpentino di Prato, il bianco del marmo di Carrara, il rosso del marmo di Siena ripercorrono tutte le facciate delle più importanti chiese Fiorentine.

Questi colori, insieme all’azzurro, si ritrovano negli antichi gonfaloni del quartieri storici di Firenze che altro non è che un esempio di come tante forme e colori diversi creino un tutto armonico.

“Sarebbe bello che questa armonia fosse un esempio per la nostra società – ha proseguito Antonella Falugiani – Firenze è difatti una lezione di civiltà. Per questo come Associazione Trisomia 21 onlus vogliamo rendere omaggio e ringraziare la città per averci fatto essere parte di questa armonia per ben quarant’anni”.

La collezione è costituita da gonne dipinte a mano con motivi geometrici e abiti con disegni stampati su Firenze interpretati dai ragazzi di PicEo. Non mancheranno anche foulard, cravatte e accessori. Per i più piccoli è stata creata una collezione a loro dedicata ispirata agli animali simbolo della città: la tartaruga con la vela, simbolo insieme al motto Festina Lente di Cosimo I de’ Medici, il leone del Marzocco fiorentino e le api bronzee che si trovano alla base della statua di Ferdinando I de’ Medici in piazza SS. Annunziata.

“Con questa iniziativa – ha dichiarato Antonella Falugiani – Trisomia 21, ancora una volta, tenta di scuotere un mondo molto legato a certi canoni prestabiliti. Infatti ha deciso di far indossare gli abiti a 40 modelli non professionisti, perché la Bellezza ha infinite sfaccettature. Un giudizio non è mai del tutto soggettivo, ma legato al contesto culturale in cui ciascuno di noi è inserito”

Il menu della cena di gala è stata preparato dal Milleluci Cafè, il bar ristorante situato in piazza Leopoldo vicino alla Coop, gestito da Trisomia 21 srl, impresa sociale dove lavorano i ragazzi che in questa occasione si occuperanno anche del servizio nel Salone dei Cinquecento. “Questo è un progetto necessario per il percorso di crescita e autonomia delle persone con disabilità intellettiva – ha spiegato Antonella Falugiani – e che è utile per la loro inclusione sociale”.

Sia nella preparazione del menu che nel servizio i ragazzi del Milleluci Caffè saranno coadiuvati dagli studenti dell’Istituto alberghiero Buontalenti. “Il coinvolgimento di una scuola è importante per il progetto di inclusione che riguarda sia l’aspetto della formazione professionale ma soprattutto di relazione – ha continuato Antonella Falugiani – ed è per questo che abbiamo apprezzato la loro disponibilità, perché è la scuola il primo vero momento aggregativo di ogni persona”.

Gimmy Tranquillo ha intervistato la Presidente di Trisomia 21, Antonella Falugiani:

L'articolo Trisomia 21 onlus festeggia i 40 anni di attività con una serata di gala proviene da www.controradio.it.

Trisomia 21 onlus festeggia i 40 anni di attività con una serata di gala

Trisomia 21 onlus festeggia i 40 anni di attività con una serata di gala

?Firenze, l’associazione Trisomia 21 onlus ha organizzato, con il patrocinio del Comune di Firenze, un evento dal titolo ‘Noi AbitiAmo Firenze’, che prevede una cena di gala accompagnata da una sfilata di moda.

La serata di Trisomia 21, sarà presentata dall’attrice Gaia Nanni da sempre vicina all’associazione e avrà luogo nel Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio il 30 novembre prossimo alle 19.30.

Era il 1979 quando l’associazione Trisomia 21 onlus sul territorio fiorentino iniziò la sua attività per garantire il rispetto e i pieni diritti delle persone con sindrome di Down o disabilità genetiche intellettive a essa assimilabili. Prima nella sede di via Faenza, poi nel corso degli anni l’attività venne trasferita in Borgo Pinti e quindi nella sede attuale di viale Volta.

Nel corso di questi quarant’anni è stato svolto un lavoro importante sia dal punto di vista abilitativo sanitario volto al raggiungimento delle massime autonomie possibili, sia dal punto di vista sociale per una piena inclusione, lavorando su un intreccio di fattori che vedono coinvolte non solo le persone con sindrome di Down ma anche e soprattutto la società.

Le donazioni raccolte sono destinate a promuovere la vita sociale, affettiva e lavorativa delle persone con sindrome di Down o disabilità genetica intellettiva avendo come obiettivo il raggiungimento della massima indipendenza, anche abitativa. Nello stesso tempo i fondi sono destinati anche alla formazione e alla ricerca.

Punto focale della serata sarà la sfilata di abiti realizzati dai ragazzi del laboratorio d’arte dell’associazione PicEo, un importante progetto abilitativo che dal 2008 ha lo scopo di inserire i ragazzi nel mondo del lavoro. Con i loro manufatti, infatti, i ragazzi di PicEo partecipano ad alcune mostre come ad esempio, Artigianato & Palazzo, con l’obiettivo di poter ‘fare impresa’.

Gli abiti che sono stati realizzati per la sfilata sono dedicati alla bellezza di Firenze. Girando per il centro della città i ragazzi di PicEo hanno scoperto le linee, i colori e le figure geometriche di alcuni monumenti fiorentini ma anche alcuni simboli di Firenze.

Le geometrie più rilevanti saranno quelle marmoree dei pavimenti e delle pareti esterne del Duomo e del Battistero. L’oro sarà un altro elemento importante presente anche negli sfondi della pala d’altare.

Il colore è un altro elemento fondamentale. L’artista olandese Maurits Cornelis Escher scriveva nei suoi diari che il blu lapislazzuoli del cielo toscano non lo aveva visto da nessun’altra parte. E poi il verde del marmo serpentino di Prato, il bianco del marmo di Carrara, il rosso del marmo di Siena ripercorrono tutte le facciate delle più importanti chiese Fiorentine.

Questi colori, insieme all’azzurro, si ritrovano negli antichi gonfaloni del quartieri storici di Firenze che altro non è che un esempio di come tante forme e colori diversi creino un tutto armonico.

“Sarebbe bello che questa armonia fosse un esempio per la nostra società – ha proseguito Antonella Falugiani – Firenze è difatti una lezione di civiltà. Per questo come Associazione Trisomia 21 onlus vogliamo rendere omaggio e ringraziare la città per averci fatto essere parte di questa armonia per ben quarant’anni”.

La collezione è costituita da gonne dipinte a mano con motivi geometrici e abiti con disegni stampati su Firenze interpretati dai ragazzi di PicEo. Non mancheranno anche foulard, cravatte e accessori. Per i più piccoli è stata creata una collezione a loro dedicata ispirata agli animali simbolo della città: la tartaruga con la vela, simbolo insieme al motto Festina Lente di Cosimo I de’ Medici, il leone del Marzocco fiorentino e le api bronzee che si trovano alla base della statua di Ferdinando I de’ Medici in piazza SS. Annunziata.

“Con questa iniziativa – ha dichiarato Antonella Falugiani – Trisomia 21, ancora una volta, tenta di scuotere un mondo molto legato a certi canoni prestabiliti. Infatti ha deciso di far indossare gli abiti a 40 modelli non professionisti, perché la Bellezza ha infinite sfaccettature. Un giudizio non è mai del tutto soggettivo, ma legato al contesto culturale in cui ciascuno di noi è inserito”

Il menu della cena di gala è stata preparato dal Milleluci Cafè, il bar ristorante situato in piazza Leopoldo vicino alla Coop, gestito da Trisomia 21 srl, impresa sociale dove lavorano i ragazzi che in questa occasione si occuperanno anche del servizio nel Salone dei Cinquecento. “Questo è un progetto necessario per il percorso di crescita e autonomia delle persone con disabilità intellettiva – ha spiegato Antonella Falugiani – e che è utile per la loro inclusione sociale”.

Sia nella preparazione del menu che nel servizio i ragazzi del Milleluci Caffè saranno coadiuvati dagli studenti dell’Istituto alberghiero Buontalenti. “Il coinvolgimento di una scuola è importante per il progetto di inclusione che riguarda sia l’aspetto della formazione professionale ma soprattutto di relazione – ha continuato Antonella Falugiani – ed è per questo che abbiamo apprezzato la loro disponibilità, perché è la scuola il primo vero momento aggregativo di ogni persona”.

Gimmy Tranquillo ha intervistato la Presidente di Trisomia 21, Antonella Falugiani:

L'articolo Trisomia 21 onlus festeggia i 40 anni di attività con una serata di gala proviene da www.controradio.it.