Maltempo: Arno in piena a Pisa, aperto scolmatore

Maltempo: Arno in piena a Pisa, aperto scolmatore

“È stata una mattinata impegnativa per la protezione civile e la polizia municipale che hanno lavorato per far fronte ai problemi creati dal forte vento di stanotte che era stato annunciato, insieme alle mareggiate, da un’allerta meteo arancione diramata nella giornata di ieri. Alcuni pini sono caduti su auto in sosta in piazza San Silvestro e in piazza d’Ancona mentre altri alberi caduti in varie zone della città hanno causato la chiusura temporanea di alcune strade e problemi su una linea Enel di media tensione”. Lo ha riferito il sindaco di Pisa Michele Conti, facendo il punto della situazione sul maltempo che ora crea apprensione per la piena dell’Arno il picco della quale è atteso in nottata.

“Il fiume – ha aggiunto il primo cittadino – è ancora una volta il sorvegliato speciale. Ha già superato il secondo livello di guardia ed è atteso per la nottata il passaggio di un’ondata di piena. Mi hanno informato che da pochi minuti è stato aperto lo Scolmatore che dovrebbe garantire un congruo deflusso dell’acqua, prima che raggiunga Pisa. Abbiamo disposto, da adesso in via precauzionale, la chiusura anche ai pedoni dei ponti della Fortezza e della Cittadella. In giornate come questa si può comprendere meglio l’importanza della permanenza dei panconcelli (le cateratte o paratie per i pisani) sulle spallette dell’Arno nel centro cittadino, che non possono essere montati e smontati una volta al mese nel periodo delle probabili piene, sia per lo sforzo logistico, sia per i costi alti. La situazione è costantemente monitorata”.

Nel pomeriggio di oggi è stato aperto lo scolmatore dell’Arno per garantire un migliore e più armonico deflusso delle acque dell’Arno prima che il fiume, in piena, entri nella città di Pisa. E’ quanto precisa la Regione in una nota. Alle 17, per l’esattezza, sono state abbattute quattro paratoie dell’opera di presa dello scolmatore alla quota di 13,60 metri sul livello del mare, nei pressi di Pontedera, al fine di derivare, nel canale artificiale, circa 350 metri cubi di acqua al secondo.
L’apertura delle paratoie è stata effettuata dai tecnici del Genio civile Valdarno inferiore e Costa. Lo scolmatore dell’Arno è un canale diversivo del fiume Arno, lungo oltre 28 chilometri, che inizia con l’opera di presa, a valle di Pontedera, per terminare in mare, nei pressi del Calambrone, al confine fra i territori comunali di Livorno e di Pisa.

L'articolo Maltempo: Arno in piena a Pisa, aperto scolmatore proviene da www.controradio.it.

Maltempo: Arno sopra I livello guardia Firenze, no criticità 

Maltempo: Arno sopra I livello guardia Firenze, no criticità 

Arno sopra il primo livello di guardia a Firenze. All’idrometro degli Uffizi alle 17.30 misurava 27 centimetri sopra i tre metri, limite del primo livello di guardia. Dalla protezione civile della Metrocittà, che segnala l’innalzamento oltre che dell’Arno, anche di Sieve, Ombrone Pistoiese e Bisenzio, si spiega che “non si registrano criticità”, e che il personale del Genio Civile della Regione Toscana sta monitorando la situazione.

A seguito delle abbondanti piogge anche il Consorzio di bonifica Toscana nord ha segnalato l’innalzamento stamani dei corsi d’acqua: in provincia di Massa Carrara sopra il primo livello di guardia stamani, con poi inversione di tendenza, per il Magra a Calamazza, il Frigido a Canevara e il Carrione ad Avenza. In Versilia (Lucca) attivate tutti gli impianti idrovori per far defluire l’acqua in mare superando anche la forza delle mareggiate e sorveglianza stretta per il lago di Massaciuccoli, passato dai 14 cm di venerdì ai 20 delle prime ore di sabato mattina. Sempre in provincia di Lucca le piogge concentrate maggiormente sui rilievi collinari hanno mandato in piena la Freddana, e anche il fiume Serchio salito anch’esso sopra il livello di guardia alla stazione di Monte San Quirico. Serchio in piena anche a Vecchiano (Pisa): il completo passaggio è previsto in serata. “Permane comunque il presidio fino a conclusione completa dell’evento per l’arrivo di una nuova perturbazione prevista per la notte tra sabato e domenica”.
In Mugello, nel Fiorentino, danni poi per il forte vento: scoperchiati gli spogliatoi del campo sportivo di Marradi, con la struttura sportiva dichiarata inagibile e tutte le partite previste nel fine settimana annullate. A causa poi di un movimento franoso, contenuto dalle reti di protezione che ora dovranno essere svuotate, chiusa la Sp 41 di Sagginale tra Ponte a Vicchio e Dicomano.

 

L'articolo Maltempo: Arno sopra I livello guardia Firenze, no criticità  proviene da www.controradio.it.

Arno: a Pisa ondata di piena passata senza danni 

Arno: a Pisa ondata di piena passata senza danni 

E’ passata senza procurare danni l’ondata di piena dell’Arno a Pisa che ha tenuto con il fiato sospeso la città tutta la notte. Restano comunque chiusi, oggi, scuole, università, attività commerciali, ma anche altri uffici privati aperti al pubblico come banche e uffici postali.

Stop alle lezioni anche in molti altri comuni della provincia. Il livello del fiume, fanno sapere dalla protezione civile comunale, è in lievissimo ma progressivo calo anche se resta sopra il secondo livello di guardia a 4,76 metri. Al picco della piena era 4,80 metri. Il dispositivo di sicurezza predisposto ieri con le paratie fissate lungo le spallette in tutto il centro cittadino rende più tranquilla la situazione generale. In mattinata sulla città sono previste piogge anche intense che però non dovrebbero influire sulla portata del fiume.

L'articolo Arno: a Pisa ondata di piena passata senza danni  proviene da www.controradio.it.

Cade da una spalletta a Pisa, soccorso da Vigili del fuoco

Cade da una spalletta a Pisa, soccorso da Vigili del fuoco

I vigili del fuoco, con l’ausilio di personale del nucleo speleo alpino fluviale (Saf), sono intervenuti la notte scorsa intorno alle una nel centro di Pisa, in piazza don Minzoni dietro il giardino Scotto, per soccorrere un uomo precipitato da un’altezza di circa 6 metri: caduto da una spalletta, è finito in uno scannafosso.

I pompieri, utilizzando le tecniche Saf, hanno recuperato l’uomo, affidandolo poi al personale sanitario del 118. L’uomo, un 45enne di Pontedera (Pisa), è stato poi ricoverato in codice giallo all’ospedale. Secondo quanto si è appreso, si sarebbe addormentato sulla spalletta, poi ha perso l’equilibrio muovendosi nel sonno. Il ferito, stando alle informazioni raccolte dalle forze dell’ordine e dal personale del 118, è un senza fissa dimora.

Questo è l’ennesimo episodio di una caduta da una spalletta nel comune di Pisa: l’ultimo, in ordine di tempo, risale al 15 settembre, quando un giovane di 25 anni è stato ricoverato in prognosi riservata all’Ospedale di Pisa dopo essere precipitato da un’altezza di almeno 7 metri mentre si trovava su una delle spallette di lungarno Pacinotti; ben più tragica è sata la sorte di un uomo, senza fissa dimora, la mattina del 18 marzo è morto precipitando sempre da una spalletta del fiume Arno.

L'articolo Cade da una spalletta a Pisa, soccorso da Vigili del fuoco proviene da www.controradio.it.

Hush City, un’app per scovare i luoghi più silenziosi e rilassanti di Firenze

Hush City, un’app per scovare i luoghi più silenziosi e rilassanti di Firenze

Un’app in grado di guidarti verso le zone della città meno rumorose: è l’iniziativa a cui partecipa l’assessore all’Ambiente Cecilia Del Re attraverso il progetto Hush City, ideato da Antonella Radicchi con l’Università di Firenze. La prima passeggiata in cerca di quiete urbana, a cui ha partecipato anche l’assessore, ha portato alla mappatura del percorso che parte dalla stazione di Rovezzano, per proseguire con il giardino della scuola Dionisi e arrivare in riva d’Arno fino alla cascata.

Percorsi segreti alla scoperta della Firenze silenziosa per individuare le aree di quiete e creare una cartina digitale accessibile a tutti. È la Firenze anti-stress che viene mappata segnando itinerari senza inquinamento acustico dai ‘camminatori’ muniti di smartphone. L’obiettivo è quello, come già avvenuto a New York, di mappare anche le zone del centro storico e quelle più sovraesposte ai rumori per scoprire zone di quiete nascoste e consentire a cittadini e turisti di staccare le orecchie dall’inquinamento acustico. Attraverso la app gratuita Hush City (disponibile per dispositivi mobili iOs e Android) ogni ‘camminatore’ potrà contribuire a creare la mappa della Firenze silenziosa, rendendo disponibili on line i luoghi anti-stress della città.

“Un’iniziativa molto interessante sul tema dell’inquinamento acustico – ha detto l’assessore Del Re – per arrivare a mappare le zone di quiete o nelle quali gli utenti trovano particolare sintonia con l’ambiente circostante. Come Comune di Firenze, stiamo lavorando sul tema dell’inquinamento acustico, anche grazie al bando europeo che la direzione Ambiente si è recentemente aggiudicata per lavorare su questi temi. Mappare le aree di quiete diventa quindi un elemento ulteriore in questa direzione, e ci impegneremo a promuovere la Hush City app realizzata in collaborazione con l’Università di Firenze. Invitiamo i cittadini a partecipare alla mappatura di gruppo di domani e in generale a contribuire alla creazione di questa mappa digitale”.

Sono più di 70 i luoghi dei suoni mappati e accessibili dall’app: si va dal rumore delle cascate sull’Arno, ai fruscii di Boboli, dalle campane di Santa Maria Novella al brusio su Ponte Vecchio, dal fischio del treno, alla frenesia di San Lorenzo.

“Le nostre città sono sempre più rumorose – ha detto l’ideatrice del programma Antonella Radicchi -, e trovare uno spazio di quiete in città diventa sempre più difficile: basti pensare che ogni anno, in Europa 125 milioni di persone sono affette da inquinamento acustico. La protezione delle aree di quiete urbane è un aspetto centrale per la creazione di città sane: l’accesso ad aree di quiete aiuta a contrastare gli effetti negativi sulla salute provocati dall’inquinamento acustico, favorendo il benessere psico-fisico, stimolando la concentrazione e contribuendo ad abbassare i livelli di stress. Oasi di quiete urbana costituiscono inoltre un prezioso rifugio dall’iperstimolazione sensoriale a cui siamo costantemente sottoposti ogni giorno”.

L'articolo Hush City, un’app per scovare i luoghi più silenziosi e rilassanti di Firenze proviene da www.controradio.it.