Omicron: individuati dieci casi di sospetta variante dal laboratorio di Careggi

Omicron: individuati dieci casi di sospetta variante dal laboratorio di Careggi

Omicron: individuati dieci casi di sospetta variante Omicron dal laboratorio di Careggi. Sono cittadini residenti nell’Azienda USL Toscana centro. La direzione generale: “non ci dobbiamo allarmare, ma serve tenere alta la guardia e fare la terza dose”. 

Il laboratorio di microbiologia della AOUC Careggi, diretto dal prof. Rossolini, ha evidenziato 10 casi di sospetta variante Omicron. Si tratta di 7 donne e 3 uomini,  residenti nel territorio della Toscana centrale e di età compresa tra gli 11 e i 60 anni.

L’accertamento è conseguente allo screening sistematico effettuato dal laboratorio sui tamponi molecolari da loro processati, che ha evidenziato alcune mutazioni caratteristiche della variante. Sarà comunque effettuato il sequenziamento per la conferma definitiva.

I soggetti interessati, tutti in isolamento, stanno generalmente bene o hanno una sintomatologia contenuta.

E’ in corso il tracciamento dei relativi contatti che in questi casi prevede una ricostruzione dei percorsi ancora più approfondita al fine della rapida emanazione dei provvedimenti di quarantena.

“Fate la terza dose” – raccomanda la direzione generale, rivolgendo l’appello ai cittadini. “Omicron si sta diffondendo ma è importante che le persone accedano alla somministrazione della terza dose con fiducia: saremo tutti più sicuri. Oltre a questo resta fondamentale continuare a proteggersi con il distanziamento e la mascherina. Non ci dobbiamo allarmare ma comunque continuare a tenere alta la guardia”.

L'articolo Omicron: individuati dieci casi di sospetta variante dal laboratorio di Careggi da www.controradio.it.

Coppia rientrata da India: donna e figlia a casa positive, marito ricoverato

Coppia rientrata da India: donna e figlia a casa positive, marito ricoverato

Marito ancora a Careggi in “condizioni cliniche complicate”, la coppia rimpatriata con un volo privato sanitario dall’India

“Siamo tornate a casa, io sto molto meglio. Sia io che mia figlia siamo ancora tutte e due positive al Covid, ma siamo in via di guarigione, mio marito invece non sta affatto bene, sta peggiorando”:  quanto riferisce Simonetta Filippi, la donna rimpatriata con un volo privato sanitario dall’India. Era tornata insieme al marito Enzo Galli e alla figlia appena adottata, lo scorso 8 maggio.

Invece è sempre ricoverato a Careggi il marito, Enzo Galli: le sue condizioni sono tuttora gravi. La coppia di Campi Bisenzio (Firenze) è rimasta bloccata circa una settimana a New Delhi in piena emergenza Covid perché la donna era risultata positiva al tampone di controllo prima della partenza.

Dopo il rientro in Italia anche il marito e la figlia sono risultati positivi al Covid. “Mia figlia è risultata positiva al Meyer – aggiunge – ma è sempre stata asintomatica. Sta bene, con lei il personale del Meyer è stato meraviglioso”. “Mio marito – aggiunge Simonetta Filippi – non va affatto bene, a Careggi gli stanno facendo la terapia cortisonica, ma ha solo mezzo polmone funzionante, le condizioni cliniche sono complicate. E’ arrivato a Careggi in blocco respiratorio e ora sta peggiorando. Sto chiedendo all’ospedale di sottoporlo alla terapia con plasma iperimmune, stiamo cercando tutte le vie”. “Per fortuna siamo tornati in Italia giusto in tempo” ha concluso la donna ringraziando il suo avvocato e l’aiuto degli amici.

La famiglia è rimasta bloccata oltre una settimana in India perché la donna è risultata positiva al Covid durante un viaggio per adottare una bambina, con il marito Enzo Galli. Simonetta Filippi e suo marito Enzo Galli erano arrivati in India il 19 aprile, la coppia si era recata a New Delhi per prendere la figlia adottiva assieme ad altre settanta famiglie, ciascuna arrivata nel paese con un ente che ha curato le pratiche per l’adozione internazionale.

 

 

 

 

L'articolo Coppia rientrata da India: donna e figlia a casa positive, marito ricoverato da www.controradio.it.

Inchiesta Medicina: avviso garanzia al rettore Dei, perquisizioni a Careggi

Inchiesta Medicina: avviso garanzia al rettore Dei, perquisizioni a Careggi

Il rettore dell’università di Firenze Luigi Dei ha ricevuto un’informazione di garanzia relativa a un procedimento aperto nei suoi confronti nell’ambito dell’inchiesta su concorsi universitari.

A riferire gli sviluppi dell’inchiesta lo stesso ateneo della città di Firenze. “Ogni documentazione ritenuta utile è stata acquisita dall’autorità giudiziaria – dichiara nella stessa nota Luigi Dei – per ogni opportuna valutazione. Sono sereno e fiducioso che ogni vicenda potrà essere chiarita”.
Perquisizioni della guardia di finanza questa mattina negli uffici dell’Azienda ospedaliero universitaria di Careggi di Firenze.
Secondo quanto appreso, l’attività delle fiamme gialle sarebbe stata svolta nell’ambito di un’inchiesta sulla facoltà di Medicina per presunte turbative nell’organizzazione di concorsi, nella quale sono indagate una ventina di persone, tra cui il il direttore generale di Careggi Rocco Damone.
Secondo l’accusa ci sarebbero state logiche spartitorie nell’assegnazione delle cattedre universitarie e nella programmazione dei concorsi.
I reati ipotizzati dai pm sono quelli di falso, abuso d’ufficio e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente.
Nell’ambito delle indagini nel marzo del 2019 il Giudice per le Indagini Preliminari di Firenze ha emesso misure di interdizione dall’insegnamento per otto docenti delle facoltà di Firenze, Milano e Padova. Alcune di questi provvedimenti sono stati poi annullati dal tribunale del riesame.
Ci sarebbero nuovi episodi, secondo quanto appreso, al vaglio degli inquirenti, nel nuovo filone dell’inchiesta sarebbe ipotizzato anche il reato di associazione per delinquere. Il nuovo filone di indagini sarebbe quello nell’ambito del quale questa mattina sono state perquisite abitazioni e uffici degli indagati, tra cui quelli del dg di Careggi Rocco Damone e il rettore dell’Università di Firenze Luigi Dei.
Tra i destinatari degli avvisi di garanzia ci sarebbero anche altre personalità di spicco dell’Azienda ospedaliero universitaria di Careggi, oltre all’ex dg di Careggi Monica Calamai.

L'articolo Inchiesta Medicina: avviso garanzia al rettore Dei, perquisizioni a Careggi proviene da www.controradio.it.

Alleanza Meyer e Careggi: salvato il rene di una bambina di un anno

Alleanza Meyer e Careggi: salvato il rene di una bambina di un anno

L’alleanza tra le Aziende ospedaliero-universitarie Meyer e Careggi e Università di Firenze si allarga, per trattare al meglio le forme più gravi di calcolosi in età pediatrica.

Il primo intervento in questo ambito, coordinato dal “Centro interaziendale di innovazione e ricerca in campo urologico”, è stato un successo e ha permesso di preservare il rene di una paziente di appena un anno. Gli urologi del pediatrico fiorentino si sono accorti che la bambina era affetta da una rara forma di calcolosi determinata su base genetica: si tratta di una patologia piuttosto rara in età pediatrica, soprattutto nei piccolissimi. La sua malattia aveva determinato la formazione di un calcolo di grandi dimensioni costituito da un materiale, la cistina, particolarmente duro e resistente.

“In un caso come questo – spiega Lorenzo Masieri, associato di Urologia dell’Università di Firenze e coordinatore del Centro interaziendale, che comprende il Meyer e Careggi – la piccola paziente rischiava di andare incontro a infezioni ricorrenti e sofferenza renale che avrebbero potuto comportare la perdita di uno o di entrambi i reni”. Impossibile procedere per via endoscopica, l’opzione meno invasiva. Di qui la decisione di sottoporre la piccola a un intervento di litotrissia percutanea, un trattamento chirurgico che consente di accedere alla cavità renale passando dal fianco: con gli appositi strumenti, è poi possibile frantumare e asportare il calcolo.

“Si tratta di un trattamento di solito riservato agli adulti e ai bambini più grandi – commenta il docente –, ma era l’unica strada in grado di risolvere il quadro senza provocare ulteriori danni”.

A far parte dell’equipe chirurgica è stato chiamato Alfonso Crisci, un’eccellenza per quanto riguarda la calcolosi, ricercatore di Urologia dell’Ateneo fiorentino e membro dell’Unità di Urologia di Careggi. L’intervento è stato un successo: la piccola ora è tornata a casa e sta bene. Grazie al Centro interaziendale, e alla messa in rete di strumenti e competenze, nel prossimo futuro sarà possibile eseguire questo tipo di interventi con sempre maggiore frequenza.

L'articolo Alleanza Meyer e Careggi: salvato il rene di una bambina di un anno proviene da www.controradio.it.

Apre consultorio giovani in Casa salute viale Morgagni

Apre consultorio giovani in Casa salute viale Morgagni

In Viale Morgagni apre consultorio giovani si rivolge anche a studenti e studentesse di Aou di Careggi

E’ aperto da oggi il nuovo Consultorio Giovani nella Casa della Salute di viale Morgagni, un servizio in più per i cittadini del Quartiere 5 che si rivolge anche agli studenti del Polo Universitario dell’Aou di Careggi.

Il nuovo consultorio giovani, spiega una nota, mette a disposizione dei ragazzi e delle ragazze, con un’età compresa tra i 14 e 24 anni un team multiprofessionale: ginecologo, ostetrica, assistente sociale, psicologo e se necessario altre figure professionali come ad esempio il pediatra, l’infermiere, il neuropsichiatra infantile, l’endocrinologo, il dietista, il sessuologo in collegamento con la rete dei servizi aziendali. In particolare sarà presente anche l’andrologo (come già avviene in altri consultori giovani) attraverso un rapporto di collaborazione con l’Aou di Careggi. Se necessario l’équipe multiprofessionale, sempre in raccordo con altri servizi sia territoriali (ad esempio servizio tossicodipendenze e salute mentale) sia ospedalieri, potrà assicurare ai giovani anche interventi di sostegno attraverso specifici percorsi percorsi assistenziali sanitari e/o socio sanitari. “L’Azienda sanitaria proprio in questo particolare momento di emergenza sanitaria ha voluto potenziare anche la rete dei servizi per i giovani – spiega la dottoressa Valeria Dubini, direttore dell’Area aziendale assistenza sanitaria territoriale e continuità e direttore della rete aziendale consultoriale – i quali stanno attraversando anche loro situazioni di difficoltà derivanti dalla pandemia: isolamento e povertà di relazioni sociali in primis. Riceviamo, in questo periodo, moltissime telefonate che rappresentano un segno di disagio e le richieste riguardano tutti gli aspetti”.

L'articolo Apre consultorio giovani in Casa salute viale Morgagni proviene da www.controradio.it.