A Firenze dal 24/9 al 2/10 torna la Biennale Internazionale dell’Antiquariato

A Firenze dal 24/9 al 2/10 torna la Biennale Internazionale dell’Antiquariato

Dopo essere slittata di un anno a causa della pandemia, da sabato 24 settembre a domenica 2 ottobre al Palazzo Corsini di Firenze torna, per la sua 32esima edizione, la Biennale Internazionale dell’Antiquariato, uno dei più importanti eventi dedicati all’arte italiana.

La cerimonia di apertura della Biennale Internazionale dell’Antiquariato si terrà il 24 settembre a Palazzo Corsini: a tagliare il nastro insieme al sindaco Dario Nardella e a Fabrizio Moretti, segretario generale BIAF, Piero Chiambretti, ospite d’onore. La mostra, in programma fino al 2 ottobre, ospiterà circa 80 gallerie con un nuovo allestimento a cura dell’interior designer, scenografo e regista Matteo Corvino. Le gallerie proporranno non meno di 4.500 opere di varia tipologia tutte vagliate da una commissione scientifica che conta esperti di ogni settore artistico e consente al compratore di acquistare in sicurezza.

La Biaf, è stato spiegato in occasione della presentazione, è il classico che guarda al contemporaneo. Tra le iniziative che animeranno le giornate della Biennale proiezione di anteprima di ‘Eternal memories’, primo docu-game al mondo che intende raccontare alle giovani generazioni l’arte antica attraverso un momento ludico. La Biaf è anche tradizione di mecenatismo con la donazione della pala d’altare di Durante Alberti, raffigurante
la ‘Trinità e i santi Andrea, Maria Maddalena e Cristina’ da parte di Fabrizio Moretti e Eleonora e Bruno Botticelli, per commemorare la memoria dei loro rispettivi genitori, alla
Cattedrale di Sansepolcro (Arezzo).

La Biaf sarà anche l’occasione per presentare i risultati del restauro di otto modelli scultorei in cera del Museo Ginori. Il 28 settembre saranno poi assegnati alcuni premi: come più bel
dipinto di Biaf 2022 riconoscimento a ‘Il banchetto di Assalone’ (Niccolò Tornioli, post 1598-1651), per il più bell’oggetto di arti decorative andato invece a ‘Coppia di trofei di caccia’ di
Filippo Parodi (1630-1702). Moretti ha sottolineato che quella di quest’anno è l’edizione “della rinascita. Attendiamo 30-40mila visitatori”, per Nardella “il mercato dell’arte non è
un mondo di serie B rispetto a quello della cultura, tutt’altro”.

Simona Gentili ha intervistato Fabrizio Moretti, segretario Generale BIAF, e Luigi Salvadori, presidente della Fondazione CR Firenze.

L'articolo A Firenze dal 24/9 al 2/10 torna la Biennale Internazionale dell’Antiquariato da www.controradio.it.

Uffizi acquistano tre capolavori a Biennale Antiquariato

Uffizi acquistano tre capolavori a Biennale Antiquariato

Firenze, tre capolavori entreranno presto a far parte delle collezioni delle Gallerie degli Uffizi: si tratta di due dipinti, la Madonna col Bambino, San Giovannino e Santa Barbara dell’allievo di Michelangelo Daniele da Volterra, del Ritratto dello scultore Antoine Denis Chaudet realizzato dalla moglie, la celebre pittrice francese Jeanne-Elisabeth Chaudet, e di un busto marmoreo, il Virgilio di Carlo Albacini.

I tre capolavori sono stati selezionate nell’ambito dell’edizione 2019 della Biennale dell’Antiquariato di Firenze: già avviate le procedure di acquisto (con Benappi di Torino per quanto riguarda il Daniele da Volterra, Orsini Arte Libri di Milano per il Chaudet e Carlo Virgilio di Roma e Londra per il busto di Virgilio), che verranno completate nei prossimi mesi.

“La Biennale internazionale dell’Antiquariato si rivela ancora una volta terreno fertile per gli acquisti di un grande museo come sono gli Uffizi – ha detto il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt: Per la terza edizione consecutiva siamo riusciti a conquistare il dipinto premiato come il più bello della fiera, in questo caso la Madonna con ambino, San Giovannino e Santa Barbara di Daniele da Volterra. Ma non solo. Con il ritratto del marito eseguito dalla pittrice Jean Elizabeth Chaudet, arricchiamo la nostra collezione di ritratti di artisti, che proprio in questi mesi si prepara ad essere allestita per il pubblico in tante nuove sale al primo piano della Galleria. Con il rarissimo busto di Virgilio, invece, Palazzo Pitti guadagna un’importante testimonianza iconografica del poeta, fin dal Medioevo celebrato anche come guida di Dante nell’Inferno e nel Purgatorio”.

“Sono molto felice delle tre acquisizioni fatte dagli Uffizi durante la Biennale – ha invece commentato il segretario generale della Biennale dell’Antiquariato di Firenze Fabrizio Moretti – Questo sottolinea il grande livello dell’arte presente in mostra. Trovo il Daniele da Volterra il più bello tra i tanti bellissimi acquisti effettuati dagli Uffizi negli ultimi anni”.

L'articolo Uffizi acquistano tre capolavori a Biennale Antiquariato proviene da www.controradio.it.