Ticket di 2 euro con prenotazione per Cala Violina

Ticket di 2 euro con prenotazione per Cala Violina

Scarlino, in provincia di Grosseto, un’ordinanza della sindaca Francesca Travison, istituisce un ticket di due euro e la prenotazione online obbligatoria, per accedere nel periodo estivo, alla rinomata spiaggia maremmana di Cala Violina.

L’obiettivo del ticket vorrebbe essere quello di contingentare gli accessi ed evitare così assembramenti: “Dopo l’esperienza dello scorso anno – ha spiegato la sindaca Francesca Travison – dovevamo necessariamente regolamentare l’ingresso a Cala Violina. Nonostante le normative anti-contagio, nell’estate 2020 si sono verificati non pochi problemi di affollamento e di mancata cura del patrimonio naturale. Spesso abbiamo dovuto fare i conti con rifiuti abbandonati, falò abusivi e accessi non autorizzati con i cavalli. Cala Violina è un gioiello naturalistico da tutelare, è il nostro biglietto da visita più conosciuto e importante. Abbiamo così deciso di incrementare i servizi a fronte di una diminuzione del numero di bagnanti presenti sulla spiaggia”.

E quindi, continua la sindaca Travison: “Ogni giorno potrà accedere alla spiaggia solo un numero limitato di persone. Per l’ingresso verrà chiesto, oltre alla prenotazione, un piccolo contributo di 2 euro: una quota minima utile a sensibilizzare i bagnanti e nel contempo a gestire al meglio la spiaggia. Saranno infatti presenti degli steward che controlleranno le prenotazioni e il corretto utilizzo della cala e dell’area boschiva”.

Ma la decisione del Comune di Scarlino di istituire un ticket per accedere alla spiaggia, ha innescato una polemica con la Regione Toscana, ed in particolare con la vicepresidente Stefania Saccardi e con l’assessore al turismo Leonardo Marras: “Apprendiamo con sorpresa l’iniziativa del Comune di Scarlino di mettere a pagamento l’accesso a Cala Violina per l’estate”.

“Al di là del merito della questione – continuano i due esponenti della giunta toscana – è una decisione questa che innanzitutto riguarda un’area che rientra nel patrimonio agricolo forestale della Regione Toscana e di Ente Terre Regionali. Secondo, arriva proprio nel momento in cui è scaduta la convenzione con il Comune di Scarlino soggetto con il quale Ente Terre sta ridiscutendo la riassegnazione e la disciplina delle aree che rientrano nel complesso delle Bandite di Scarlino”.

Per Saccardi e Marras “sarebbe stata buona norma prima di mettere in atto l’iniziativa discuterne sia con il Complesso delle Bandite di Scarlino, sia con la Regione Toscana che ne ha la proprietà attraverso Terre di Toscane. Invitiamo pertanto l’Amministrazione comunale a ripensarci e ad aprire un tavolo con gli altri Comuni del territorio e con la Regione stessa per concordare la regolamentazione dell’area a seguito del rispetto delle norme anticovid”.

L'articolo Ticket di 2 euro con prenotazione per Cala Violina proviene da www.controradio.it.