Enrico Gabrielli (Calibro 35) presenta: At The Gate Of The Twilight Zone

Enrico Gabrielli (Calibro 35) presenta: At The Gate Of The Twilight Zone

Nuova uscita per la collana discografica 19’40. “At The Gates Of The Twilight Zone” è un disco che raccoglie alcune delle musiche del compositore americano Bernard Herrmann. Lo presenta Enrico Gabrielli intervistato da Giustina Terenzi

At The Gates Of The Twilight Zone è un disco che raccoglie alcune delle musiche che il compositore americano Bernard Herrmann scrisse per la celebre serie televisiva giunta in Italia con il titolo “Ai confini della realtà”, creata da Rod Serling a partire dagli anni Cinquanta. Il periodo che va 1958 dal 1963 è considerato il picco della parabola creativa di Bernard Herrmann. In questo quinquennio si concentrano alcune tra le sue musiche per film più note: La donna che visse due volte (1958), Intrigo internazionale (1959) e Psycho (1960) di Alfred Hitchcock, Viaggio al centro della Terra (1959) di Henry Levin, Tenera è la notte (1962) di Henry King, Il promontorio della paura (1962) di J. Lee Thompson e Gli Argonauti (1963) di Don Chaffey.

ASCOLTA L’INTERVISTA AL MUSICISTA ENRICO GABRIELLI

19’40” è una collana discografica su abbonamento di musica “anticlassica”, ovvero musica che potrebbe un giorno uscire dall’alveo della sperimentalità per divenire un “classico” in tempi futuri. Ogni quattro mesi un disco che viene spedito via posta direttamente a casa dei nostri abbonati (www.19m40s.com/shop). Il catalogo completo delle opere uscite fino ad ora è QUI

Musiche di Bernard Herrmann a cura di Enrico Gabrielli Esecutori Di Metallo Su Carta

Carlotta Raponi flauto, ottavino

Enrico Gabrielli clarinetto, clarinetto basso, flauto in Sol, mikroKORG

Yoko Morimyo violino, viola

Paolo Raineri tromba

Francesco Bucci trombone, flicorno tenore

Stefano Bertoni corno

Damiano Afrifa pianoforte

Ethel Colella arpa

Sebastiano De Gennaro percussioni

Giuseppe Gagliardi percussioni

Marcello Corti direzione

L'articolo Enrico Gabrielli (Calibro 35) presenta: At The Gate Of The Twilight Zone proviene da www.controradio.it.

Non sono solo canzonette: interviste a cura di Dario (Russel) Bracaloni

Non sono solo canzonette: interviste a cura di Dario (Russel) Bracaloni

Un ciclo di interviste per sensibilizzare ed informare sulle criticità del settore musica-lavoro a cura di Dario Bracaloni. Tra gli ospiti anche Massimo Martellotta dei Calibro 35

La situazione contingente di fortissime limitazioni agli spettacoli dal vivo rischia di devastare un settore già messo parecchio male; in quanto musicista (ma anche promoter e tecnico di palco) sento il dovere di fare rete, consapevolezza e lanciare delle proposte concrete per migliorare quella che è una situazione davvero drammatica. Ho quindi coinvolto legali, musicisti ed operatori per capire cosa non andava prima, cosa va peggio adesso e cosa c’è da fare per evitare che vada ancora peggio domani.” Dario “Russel” Bracaloni.

 

Intervista ad Andrea Ricci – Note Legali

 

Intervista a Massimo Martellotta (Calibro 35)

 

 Intervista a Francesco D’Elia – Sex Pizzul

 

 

 

L'articolo Non sono solo canzonette: interviste a cura di Dario (Russel) Bracaloni proviene da www.controradio.it.

Disco della settimana: Calibro 35 “Momentum”

Disco della settimana: Calibro 35 “Momentum”

Il passato sposa il futuro mentre le classiche atmosfere da soundtrack italiane abracciano la bleck music. Momentum, il nuovo album dei Calibro 35 per Record Kicks, è un nuovo punto di partenza.

“La vera generosità verso il futuro consiste nel donare tutto al presente”. Nel 1951 il Premio Nobel per la Letteratura Albert Camus scriveva questa frase facendo tesoro del concetto più antico del pensiero umano da Oriente ad Occidente, lo stesso declamato dai Latini con l’espressione “Hic et Nunc” che è anche fondamento dello Zen, l’arte di camminare sul sottile filo dell’Adesso. A vent’anni dall’inizio del Terzo Millennio, in un’epoca quanto mai sospesa tra nostalgia del passato e ansia per gli scenari apocalittici prospettati quotidianamente dai media, Calibro 35 ferma il tempo realizzando un’opera che fotografa perfettamente il momento e il suo contesto.

“MOMENTUM” – in uscita il 24 gennaio per la milanese Record Kicks – rappresenta un nuovo punto di partenza per una delle formazioni contemporanee che più è riuscita a superare declinazioni di genere e forme espressive, mantenendo una personalità totalmente riconoscibile e apprezzata a livello internazionale. Se dal 2007, anno in cui prende il via l’avventura, il sound espresso dalla band si sviluppa indagando in special modo i suoni di un’epoca passata, “MOMENTUM” rappresenta la necessaria svolta per sondare come si possa fare musica al giorno d’oggi: una riflessione sull’attualità, capace di far tesoro di ciò che c’è stato per andare oltre, col fermo intento di realizzare un’opera destinata a rimanere, senza correre il rischio di trasformarsi in una bella foto sbiadita sul fondo di un baule.
Una scelta tutt’altro che scontata per la creatura a cinque teste di Cavina, Colliva, Gabrielli, Martellotta e Rondanini, cinque personalità cardine dell’attuale scena musicale nostrana (e non solo) intenzionate a rimettersi in gioco proprio nel momento in cui si affermano su scala globale, raccogliendo attestati di stima tangibili come i campionamenti ad opera di Jay-Z e Dr. Dre e, ancora, firmando colonne sonore per produzioni cinematografiche da Hollywood al Vecchio Continente, sino alla consacrazione sui principali palchi mondiali accanto a mostri sacri come Muse, Sharon Jones, Sun Ra Arkestra e Thundercat.

Per marcare il nuovo inizio le registrazioni sono avvenute nello stesso studio dove Calibro ha realizzato il primo omonimo disco dodici anni fa. La novità è che i suoni scelti oggi per “MOMENTUM” sono aumentati come la realtà che ci circonda: la paletta di strumenti si amplia ulteriormente incorporando ancora più synth e suoni elettronici ma TUTTO è VERO e reale al 100%. In un mondo dominato da musica programmata, in questo disco tutti gli strumenti sono suonati da esseri umani e i suoni scolpiti da persone in carne ed ossa. In “MOMENTUM”, infatti, non sono stati utilizzati preset o programmazioni e, se “musica concreta” non fosse per definizione ascrivibile all’elettronica del passato, sarebbe probabilmente l’espressione più azzeccata per questo lavoro.

Il risultato è un disco di rara intensità in cui gli scenari disegnati dai Calibro sono più che mai variopinti, talvolta rarefatti e sognanti ma sempre carichi di energia, grazie ad una sezione ritmica mai doma, che supporta il raffinato lavoro armonico ulteriormente arricchito da nuovi timbri e colori. Come se i Comet is Coming fossero diretti da Morricone, Tortoise e JPEGMafia unissero le forze con DJ Signify e Stelvio Cipriani, producendo un suono senza tempo nè punti cardinali in cui black music e suoni algidi del Nuovo Millennio si fondono offrendo un punto di vista incredibilmente originale sulla contemporaneità.

Tutto questo è il frutto di un lavoro collettivo che vede tutti i Calibro tornare alla base dopo due anni carichi di esperienze individuali in cui sono stati protagonisti di alcuni dei progetti più quotati del momento: I Hate My Village, Arto, The Winstons, alle produzioni di Fatoumata Diawara, C’Mon Tigre e degli Africa Expres Di Damon Albarn, sino ai dischi solisti di Massimo Martellotta e ai tour di 19’40’’ e Mike Patton. Un collettivo di esploratori sonici, liberi per attitudine e al contempo fedeli ad un percorso che li vede ancora una volta uniti nel creare un suono, per sua natura, diverso da tutto il resto che li circonda e, oggi più che mai, attuale.

Se il precedente “DECADE” era la summa di tutto ciò che avevate sentito nei dieci anni precedenti, “MOMENTUM” è il prequel di quello che potrete sentire nei prossimi dieci. Calibro 35 stavolta non è né un orologio che va in ritardo né uno che va in anticipo: questa volta è un orologio fermo che, come dice Lewis Carroll, è più in orario di tutti perché almeno due volte al giorno segna l’ora perfetta.

 Il primo singolo estratto dal nuovo album è “Stan Lee” con alla voce il rapper americano Illa J, fratello di J Dilla e già membro degli Slum Village. I Calibro 35 saranno inoltre in tour a partire da febbraio 2020. Qui sotto tutte le date annunciate, sopra invece il video teaser dell’album, realizzato da Sugo Design e Francesco Imperato e disponibile su YouTube e sui social della band.

CALIBRO 35 TOUR

07.02 IT Brescia – Latteria Molloy
08.02 IT Parma – Campus Industry
14.02 IT Bologna – Locomotiv
15.02 IT Padova – Pedro
19.02 IT Milano – Fabrique
20.02 IT Torino – Hiroshima Mon Amour
28.02 IT Roma – Monk
29.02 IT Firenze – Auditorium Flog
27.03 IT Cagliari – Fabrik
28.03 IT Livorno – Cage
09.04 IT Foligno (PG) – Spazio Astra
10.04 IT S. M. a Vico (CE) – Smav
15.04 UK London – Islington Assembly Hall
16.04 UK Manchester – The Deaf Institute
17.04 UK Edinburgh – Voodoo Rooms

L'articolo Disco della settimana: Calibro 35 “Momentum” proviene da www.controradio.it.