Caporalato, sospese 10 aziende nel fiorentino: impiegati 32 operai in nero

Caporalato, sospese 10 aziende nel fiorentino: impiegati 32 operai in nero

Firenze – Sospensione dell’attività imprenditoriale per 10 aziende che impiegavano lavoratori ‘al nero’. Scoperti 32 operai a lavoro senza alcun contratto, tra cui uno minorenne, ed emesse sanzioni amministrative per un totale di 140mila euro.

Sono questi i primi esiti dei controlli eseguiti nel territorio di Firenze, in particolare nei comuni di Scandicci, Empoli, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio e Calenzano, nell’ambito del progetto ‘Alt caporalato‘ a cui hanno preso parte funzionari dell’ispettorato del lavoro, carabinieri e personale di Inail, Asl e Inps. I controlli hanno interessato complessivamente 14 imprese. Nel corso degli accertamenti sono state verificate le posizioni di 170 lavoratori, tra cui quattro cittadini italiani, un cittadino comunitario e 165 provenienti da paesi extra Ue, in prevalenza da Cina, Pakistan, Senegal e Bangladesh. Alla fine sono stati scoperti non in regola 32 operai.

“Già nell’attuale fase di svolgimento delle verifiche – si spiega in un comunicato dell’ispettorato nazionale del lavoro – sono state riscontrate violazioni sia in materia di sicurezza del lavoro, sia in materia di corretto svolgimento del rapporto di lavoro per almeno 79 dipendenti”. “Le altre tipologie di violazioni riscontrate – viene precisato – hanno riguardato la violazione della normativa in materia di orario di lavoro e la irregolare copertura previdenziale e contributiva rispetto all’effettivo svolgimento del rapporto di lavoro”.

L'articolo Caporalato, sospese 10 aziende nel fiorentino: impiegati 32 operai in nero da www.controradio.it.

Campi Bisenzio: ordinanza per spegnere riscaldamenti l’1 aprile

Campi Bisenzio: ordinanza per spegnere riscaldamenti l’1 aprile

Campi Bisenzio (Firenze): il sindaco Emiliano Fossi ha disposto con un’ordinanza di spegnere anticipatamente il riscaldamento nel territorio comunale, a partire dall’1 aprile 2022.

Campi Bisenzio: con un’ordinanza del sindaco Emiliano Fossi, verrà spento il riscaldamento nel Comune il 1 aprile 2022, in anticipo di quindici giorni rispetto al previsto.

La decisione, spiega una nota del Comune di Campi Bisenzio, “è stata condivisa con altri comuni metropolitani per una serie di ragioni: limitare gli effetti del caro energia dovuti alle conseguenze della guerra in Ucraina, porre attenzione alle problematiche climatiche abbassando le emissioni e incentivare stili di vita sempre più sostenibili”. “Visto anche il previsto aumento delle temperature – conclude la nota – si intende in questo modo dare un segnale alla cittadinanza anche con l’intenzione di diminuire la dipendenza da fonti non rinnovabili. Dall’1 aprile, 15 giorni prima del previsto, saranno quindi spenti tutti gli impianti di riscaldamento sul territorio comunale ad eccezione di: ospedali, case di cura cliniche, scuole materne e asili nido.

L'articolo Campi Bisenzio: ordinanza per spegnere riscaldamenti l’1 aprile da www.controradio.it.

Campi Bisenzio: abbandona migliaia di mascherine destinate a scuole, denunciato

Campi Bisenzio: abbandona migliaia di mascherine destinate a scuole, denunciato

Campi Bisenzio – Le scatole erano abbandonate vicino alla stazione di San Donnino. La polizia è risalita al responsabile a partire “dai dati presenti sui colli”, poi la ditta incaricata delle consegne ha fornito la documentazione per risalire ai tracciati della spedizione.

Un 25enne è stato denunciato dalla polizia municipale di Campi Bisenzio (Firenze) con l’accusa di aver abbandonato, nei pressi della stazione di San Donnino, trenta scatoloni contenenti migliaia di mascherine chirurgiche destinate agli studenti delle scuole primarie e secondarie del “territorio campigiano, sestese e fiorentino”.

Lo rende noto il Comune di Campi. Gli agenti, si spiega, hanno individuato gli scatoloni durante un servizio per contrastare l’abbandono di rifiuti: dopo aver raccolto il materiale già sparso a terra, la municipale ha avviato gli accertamenti a partire “dai dati presenti sui colli. I pacchi recavano le effigie della ‘Presidenza del Consiglio dei Ministri'”.

“La ditta incaricata delle consegne, con sede a Roma e filiale ad Arezzo, ha fornito la documentazione che ha permesso di risalire ai tracciati delle spedizioni e delle consegne. Il responsabile dell’abbandono doloso è risultato essere”, il 25enne, di origine romena, che è stato denunciato alla procura per i “reati di abbandono di rifiuti e danneggiamento con l’aggravante in quanto merce destinata a pubblica utilità (alle scuole del territorio), rendendola di conseguenza del tutto inservibile ed inutilizzabile”.

Complimenti alla municipale da parte del sindaco Emiliano Fossi: “La Campi Bisenzio per cui stiamo lavorando non dà spazio all’inciviltà. L’abbandono di rifiuti rovina il paesaggio, inquina l’ambiente e educa all’inciviltà; in questo caso il reato è particolarmente grave, visto che riguarda materiale sanitario destinato alle scuole”.

L'articolo Campi Bisenzio: abbandona migliaia di mascherine destinate a scuole, denunciato da www.controradio.it.

Campi Bisenzio: abusi edilizi, denunciate 19 persone

Campi Bisenzio: abusi edilizi, denunciate 19 persone

Campi Bisenzio – 19 persone hanno realizzato manufatti abusivi in varia configurazione: wc e lavatrice, cucina con tanto di pergolato e barbecue in muratura. Per questo sono state denunciate dai carabinieri Forestali con una sanzione di 57mila euro.

19 persone sono state denunciate a Campi Bisenzio (Firenze) per aver realizzato manufatti abusivi, in violazione del Testo unico dell’edilizia, dentro una ‘cassa di espansione idraulica’ dove vi è vietata la costruzione di qualunque tipo di manufatto, l’alterazione dell’assetto morfologico dei terreni e tutto quanto possa impedire il regolare deflusso delle acque.

Inoltre l’area è nel perimetro degli Stagni della Piana fiorentina e pratese, luoghi protetti per la conservazione della flora e della fauna. Le costruzioni abusive, presso via delle Pertiche, sono state fatte in contrasto con il regolamento urbanistico comunale e gli accertamenti avrebbero appurato irregolarità edilizie.

I manufatti hanno, in varia configurazione, cucina, wc e lavatrice, con tanto di pergolato e barbecue in muratura, ricovero attrezzi costituito da container metallici o baracche in legno, serra per la coltivazione di vegetali, stalla per ovini, pollaio e fienile. Oltre alla denuncia, i Cc Forestali hanno fatto sanzioni amministrative per 57.000 euro.

L'articolo Campi Bisenzio: abusi edilizi, denunciate 19 persone da www.controradio.it.

Ex Gkn: trovato accordo per 10 settimane di Cassa Integrazione

Ex Gkn: trovato accordo per 10 settimane di Cassa Integrazione

Dopo il voto sull’accordo quadro della reindustrializzazione ella ex Gkn di Campi Bisenzio (Firenze), ora Qf Spa, è stata avviata la richiesta di Cassa Integrazione ordinaria presso l’Inps, per i lavoratori della fabbrica.

E’ stato sottoscritto l’accordo tra l’azienda Qf Spa (la ex-Gkn di Campi Bisenzio) e le organizzazioni sindacali per avviare la richiesta di Cassa integrazione ordinaria presso il competente ufficio Inps: la richiesta sarà per complessive 10 settimane a partire dal 10 gennaio 2022.

Un accordo che arriva subito dopo l’approvazione da parte dell’assemblea dei lavoratori (262 voti favorevoli, 2 contrari e una scheda nulla) della ex Gkn alla reindustrializzazione della fabbrica.

“Questo è un altro importante passo – dichiara la viceministra allo Sviluppo economico, Alessandra Todde – che conferma la concretezza del percorso e la determinazione delle parti a raggiungere il miglior risultato possibile per i lavoratori e il territorio”.

Sull’accordo è intervenuta anche la Rsu la quale afferma che l’intesa  “è collegata ad altre che sono ancora in discussione. La trattativa infatti è ancora in svolgimento. Ogni ipotesi di accordo è vincolata alla discussione nella assemblea dei lavoratori e al voto. Così è, così è sempre stato in Gkn, così sempre sarà. Assemblea che si svolgerà non appena avremo chiaro l’intero corpo degli accordi raggiunti, in maniera tale da avere un quadro complessivo”.

Secondo la Rsu, “oggi ci troviamo di fronte ancora una volta invece a dover commentare particolari non ancora discussi in assemblea e ratificati dai lavoratori, notizie provenienti da svariate fonti che rischiano però di alimentare un meccanismo perverso in cui si ha la sensazione di trovarsi di fronte a uno spot e non a una seria volontà di definire un percorso industriale”.

Il 24 gennaio scorso ai nostri microfoni era intervenuto l’imprenditore Francesco Borgomeo che ha elevato lo stabilimento di Campi Bisenzio. Borgomeo aveva affermato che la riconversione può partire e che rimarrà in ambito meccanico: ovvero, produrrà macchinari.

 

L'articolo Ex Gkn: trovato accordo per 10 settimane di Cassa Integrazione da www.controradio.it.