Duco Travel: dal 21 al 25 marzo la fiera del turismo d’alta gamma ‘innamorato” dell’Italia

Duco Travel: dal 21 al 25 marzo la fiera del turismo d’alta gamma ‘innamorato” dell’Italia

L’evento internazionale dedicato al turismo di alta gamma in Italia sarà dal 21 al 25 marzo. Sono attesi 230 operatori da tutto il Paese (dalla Toscana 48: per la precisione 45 hotel cinque stelle e 3 tour operator) e 192 buyers internazionali da Stati Uniti (150), Regno Unito (9), Australia (13) ed Europa

Un’occasione di incontro tra domanda ed offerta, ma anche per far conoscere l’italia e la  Toscana in particolare. L’anno scorso il filo conduttore scelto fu l’enogastronomia: stavolta sarà un tributo alla cultura e alla storia, in un territorio che conserva tracce millenarie ancora evidenti di civiltà che si sono sovrapposte nei secoli.

“L’emergenza sanitaria planetaria ha avuto riflessi pesanti sul turismo in Italia, soprattutto su quello che si muove da più lontano – commenta l’assessore regionale all’economia e al turismo, Leonardo Marras –: si registrano primi segnali positivi, ma i numeri pre pandemia sono ancora lontani. Per questo la vetrina internazionale offerta da questa manifestazione costituisce un’occasione in più per mettere in mostra la nostra offerta e ribadire la qualità e l’unicità dell’accoglienza toscana. La nostra regione rimane sicuramente, e nonostante tutto, una delle mete più ricercate nel mondo”.

“In questo momento storico – ha detto l’assessore al turismo del Comune di Firenze, Cecilia Del Re – è importante continuare a sostenere settori che, in Italia,  anche dal punto di vista occupazionale possono dare slancio a una ripartenza quanto mai necessaria. E’ il caso del turismo di alta gamma, a cui è rivolto Duco Travel Summit, che grazie a Toscana Promozione Turistica e al Destination Florence sceglie ancora Firenze e ciò rappresenta un’opportunità per tutto il settore”.

Il principale sponsor e coorganizzatore dell’evento è la Regione Toscana attraverso l’agenzia Toscana Promozione Turistica, che oltre alla cornice generale del summit, dal 25 al 27 marzo ha organizzato anche tour e visite nei diversi territori: dalla Valdichiana aretina ed Arezzo, alla Versilia e la Riviera apuana, dalla Valdichiana senese e la Val d’Orcia a Saturnia e alla Maremma del sud, e poi dal Chianti all’Empolese Valdelsa e il Montalbano e dalle terre della Valdelsa, all’Etruria volteranna fino a Siena.

L’evento internazionale dedicato al turismo di alta gamma in Italia nasce da un’idea di Carolina Perez, è realizzato grazie al costante supporto di “Destination Florence Convention & Visitors Bureau”, che sin dalla prima edizione è co-sponsor e partner per quanto riguarda la destinazione degli ospiti di Duco Italy, e si avvarrà anche quest’anno dell’ospitalità offerta da alcuni dei più importanti hotel di lusso di Firenze e di altre destinazioni toscane.

Duco Italy – ricorda Carolina Perez – celebra la sua 4a edizione con il tema Italia Antiqva, un omaggio al passato e all’orgoglio culturale dell’Italia. La missione di Duco è promuovere il meglio dell’ospitalità italiana e riunire i professionisti in un Paese che è stato la crocevia di civiltà nel corso della storia.”

Oltre ai tour organizzati per gli operatori, sono previsti anche quattro appuntamenti per la stampa specializzata, italiana ed estera. Inoltre, in collaborazione con la Fondazione Palazzo Strozzi, sono in programma due giornate di visita, il 20 marzo per i giornalisti e il 21 per i buyers, alla mostra fiorentina “Donatello, il Rinascimento”.

 

I workshop di Duco saranno ospitati negli alberghi fiorentini Four Season, St Regis & Westin Excelsior Florence e Villa La Massa. Sono previsti incontri di quindici minuti tra operatori e buyers.

L'articolo Duco Travel: dal 21 al 25 marzo la fiera del turismo d’alta gamma ‘innamorato” dell’Italia da www.controradio.it.

Firenze capitale dei congressi: +20% rispetto alle altre città europee

Firenze capitale dei congressi: +20% rispetto alle altre città europee

Secondo i dati dell’Osservatorio italiano dei congressi e degli eventi (Oice), nel 2018 la città metropolitana di Firenze ha attratto il 20% in più di delegati rispetto alle altre destinazioni europee. Il 15 ottobre premiati a Palazzo Vecchio saranno premiati alcuni ‘Ambassador’ in occasione del Florence Ambassador Award.

La città metropolitana fiorentina si conferma sempre più una città attrattiva per molti aspetti. L’ultimo riconoscimento riguarda la sua capacità di ospitare eventi congressuali facendo segnare il +20% rispetto alle altre capitali europee. Nel 2018 sono stati realizzati 14.704 eventi per complessive 21.188 giornate. Aumento degli eventi internazionali che hannor registrato il +4.6% rispetto al 2017 e il +5.3% in termini di numero di partecipanti. Crescono anche i partecipanti agli eventi nazionali, che registrano un + 8,6% rispetto allo scorso anno.

Crescono anche i partecipanti ad eventi promossi da aziende/imprese, che registrano un +17,1% rispetto al 2017. Una buona performance è stata realizzata anche dagli eventi promossi dal mondo associativo, che contrariamente al dato nazionale che segna un trend negativo per le associazioni, a Firenze si registra un incremento del 7,5% per questa tipologia, rispetto al 2017. Questi sono i dati diffusi dall’Oice, l’Osservatorio italiano dei congressi e degli eventi.

In occasione di questo importante riconoscimento, la città metropolitana di Firenze, premierà alcuni ambassador che hanno contribuito a questo risultato. Tra questi: Nicola Casagli, professore ordinario di Geologia applicata presso il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Firenze (congresso World Landslide Forum 2023), Marcello Mele, direttore Centro di Ricerche Agro-ambientali “E. Avanzi” – Università di Pisa (congresso EAAP Annual Meeting of the European Federation of Animal Science 2022). Ma anche Fiorenzo Bortolato, segretario generale EFPA – European Financial Planning Association, Charlie MacGregor, Ceo e fondatore di The Student Hotel, Carolina Perez, founder Duco Travel Summit, Andrea Panconesi, Ceo LuisaViaRoma, Elisabetta Fabri, presidente e Ceo Starhotels, Diego Petrini general manager Firenze Marathon, Giacomo Lucibello presidente Mercafir.

La cerimonia si svolgerà il 15 ottobre, alle 18 nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio. Il Florence Ambassador Award è promossa dall’assessorato turismo, fiere e congressi guidato da Cecilia Del Re in collaborazione con il Firenze Convention Bureau e Firenze Fiera Congress and Exhibition Center. L’evento, giunto alla quarta edizione, è il riconoscimento ufficiale della città dedicato alle personalità del mondo accademico e professionale che si sono impegnate per favorire l’acquisizione di congressi ed eventi con ricadute importanti sull’indotto economico di Firenze.

“Fare rete va a vantaggio di tutta la città, dei suoi operatori economici, ma anche della sostenibilità del turismo : di fronte all’aumentare dei flussi è importante investire sulla promozione e comunicazione di Firenze come destinazione del turismo congressuale, ha detto l’assessora al Turismo Cecilia Del Re. “Grazie al protocollo di intesa tra Comune di Firenze, Città metropolitana, Camera di Commercio e Università degli Studi di Firenze, il Firenze Convention Bureau è stato riconosciuto – ha continuato –  come soggetto unico per realizzare iniziative in grado di ampliare il turismo di qualità nella città di Firenze, con l’obiettivo di valorizzare il turismo congressuale e mettendo in campo interventi per destagionalizzare e delocalizzare i flussi. Andremo avanti tutti insieme in questa direzione”.

“Siamo orgogliosi di aver supportato anche quest’anno l’evento di premiazione degli Ambassador della città, a cura del Comune di Firenze. Questa iniziativa nasce dal Florence Academic & Leader Program (FALP), il cosiddetto programma ambasciatori, presente in tutte le città europee e internazionali, portato avanti da molti anni dal Firenze Convention Bureau insieme al proprio socio di maggioranza Firenze Fiera. Il nostro obiettivo, grazie alla strettissima collaborazione con l’Università degli Studi di Firenze, con il mondo ospedaliero ed anche del tessuto aziendale, è proprio quello di valorizzare e aumentare il numero di congressi ed eventi internazionali in città”, ha invece aggiunge Carlotta Ferrari, Direttrice del Destination Florence Convention & Visitors Bureau.

“Firenze sta diventando sempre di più la capitale europea dei congressi e delle fiere di qualità, anche grazie alle infrastrutture che si stanno via via realizzando e agli investimenti internazionali che contribuiscono a dare un respiro cosmopolita alla città. In questo quadro, i lavori che trasformeranno il Palaffari nel più tecnologico e moderno centro congressi disponibile dalla fine del 2020 e il nuovo padiglione Bellavista che sarà realizzato alla Fortezza saranno il completamento di un percorso che vede già oggi Firenze Fiera protagonista con oltre mezzo milione di presenze fra fiere e congressi nel 2019”, ha spiegato Leonardo Bassilichi, presidente della Camera di Commercio di Firenze e di Firenze Fiera.

L'articolo Firenze capitale dei congressi: +20% rispetto alle altre città europee proviene da www.controradio.it.