Compagnia di Babbo Natale dona 120 assegni a famiglie in difficoltà

Compagnia di Babbo Natale dona 120 assegni a famiglie in difficoltà

Firenze, Le sacche della Compagnia di Babbo Natale anche quest’anno sono piene di doni per le famiglie fiorentine in difficoltà, anche a causa dell’emergenza Covid.

Saranno 120 i nuclei familiari individuati dai Servizi sociali del Comune e dalla Caritas diocesana, che riceveranno l’assegno con cui sostenere le spese domestiche quotidiane. Gli assegni circolari, ciascuno del valore di 300 euro, saranno intestati ad altrettante famiglie segnalate in parti uguali dalla Caritas e dai Servizi Sociali del Comune di Firenze. La consegna degli assegni da parte della Compagnia di Babbo Natale all’assessore a Welfare Sara Funaro e al direttore della Caritas diocesana Riccardo Bonechi è avvenuta nel Cortile della Dogana di Palazzo Vecchio.

“Un grazie di cuore alla Compagnia di Babbo Natale e a Paolo Vranjes per il bel gesto di solidarietà verso le famiglie fiorentine fragili che stanno attraversando un difficile momento, anche a livello economico – ha detto l’assessora Sara Funaro – e con gli assegni che riceveranno potranno sostenere le spese di tutti i giorni e pagare le utenze domestiche. Questa è l’ennesima dimostrazione di quanto la nostra comunità sia vicina ai fiorentini che hanno più bisogno, schierandosi al loro fianco”.

“Ringraziamo la Compagnia di Babbo Natale – ha detto Riccardo Bonechi – che anche quest’anno ha voluto essere vicina alle famiglie che hanno più bisogno, tra le quali ci sono anche tanti nuclei con bambini piccoli. Questi assegni sono un sostegno che va ad integrare l’assistenza che la Caritas diocesana e il Comune di Firenze, con il quale è in campo una proficua collaborazione, offrono alle famiglie in difficoltà economiche”.

“Gli assegni sono un appuntamento ormai consolidato da anni, atteso e concretamente importante per tutti coloro che potranno beneficiare di questo dono – ha detto il presidente della Compagnia Silvano Gori -. Si tratta di un appuntamento che segna in modo ormai tradizionale la presenza e l’impegno della Compagnia di Babbo Natale in città, da sempre dedicata al sostegno di coloro che si trovano a vivere momenti non facili. Persone che, proprio nella fase della pandemia, hanno registrato una crescita esponenziale del proprio numero”.

Gli assegni della Compagnia che, come tutti gli anni, avrebbero dovuto essere cento, quest’anno saranno centoventi grazie a un dono supplementare fatto direttamente da Babbo Paolo Vranjes che ha voluto contribuire personalmente per aggiungere 20 beneficiari al numero di famiglie già previste.

L'articolo Compagnia di Babbo Natale dona 120 assegni a famiglie in difficoltà da www.controradio.it.

Firenze, calendario della Polizia Municipale per la Fondazione Meyer

Firenze,  calendario della Polizia Municipale per la Fondazione Meyer

Una iniziativa di beneficenza a favore della Fondazione Meyer che da oltre venti anni è attiva a sostegno della ricerca scientifica, accoglienza e cura dei bambini ricoverati dell’ospedale pediatrico.

Il calendario, frutto della collaborazione tra la Polizia Municipale, l’ospedale pediatrico e la Fondazione Meyer, sarà infatti offerto alla cittadinanza per raccogliere fondi da destinare alle attività di ricerca, accoglienza e cura dei bambini ricoverati. Oggi l’iniziativa è stata presentata dall’assessore alla Polizia Municipale Stefano Giorgetti, il comandante Giacomo Tinella e Alessandro Benedetti segretario generale della Fondazione Meyer.

Tra le altre iniziative previste nel protocollo, che sistematizza progetti e collaborazioni in parte già attivate, il servizio di “scorte di polizia stradale”: gli agenti accompagneranno autoambulanze, auto o altri mezzi privati provenienti da località diverse dal Comune di Firenze che trasportano in urgenza pazienti diretti al pediatrico. Ma anche il contatto diretto con la Centrale operativa della Polizia Municipale a favore delle famiglie dei piccoli pazienti provenienti da fuori Firenze con le informazioni sulla viabilità per raggiungere la struttura ospedaliera e i servizi offerti per le esigenze di ospitalità del bambino e della famiglia. Senza dimenticare l’impegno sul fronte formativo, con la promozione di iniziative rivolte ai dipendenti, ai piccoli ricoverati e ai loro familiari, atte a sensibilizzare sulle regole e buone pratiche di educazione e sicurezza stradale.

“L’Amministrazione comunale, visto il legame e l’attenzione all’attività del Meyer, ha stipulato un protocollo con l’ospedale e la sua fondazione che prevede una serie di iniziative che vanno incontro alle esigenze dei bambini e delle loro famiglie con servizi di accoglienza e assistenza – ha dichiarato l’assessore Giorgetti –. All’interno di questo accordo, firmato lo scorso settembre, è prevista anche la realizzazione di uno strumento come questo calendario che, seppur semplice, racconta un lavoro di squadra straordinario. Un’ulteriore preziosa esperienza che rappresenta per la Polizia Municipale un nuovo stimolo per crescere e dare nuove risposte a una città in continuo cambiamento, con la passione e lo spirito di servizio che la contraddistinguono da sempre”.

“Sono orgoglioso di appartenere a un’Amministrazione che guarda ai più piccoli e si impegna in attività di collaborazione con strutture di eccellenza come l’ospedale Meyer che porta avanti una sola missione: essere costantemente orientata ai piccoli pazienti e accompagnare e sostenere le famiglie in tutto il percorso assistenziale – ha aggiunto il comandante Tinella –. Ho fortemente sostenuto la realizzazione di questo calendario il cui ricavato sarà destinato a sostenere i progetti della Fondazione Meyer, a conferma della vocazione alla solidarietà della Polizia Municipale e per rafforzare nei bambini e nelle loro famiglie quei sentimenti di fiducia e di rispetto che il vigile urbano ispira, giorno dopo giorno, con la sua costante abnegazione nelle situazioni più difficili e il senso di responsabilità che ne caratterizzano l’operato”.

“Siamo contenti di presentare questa iniziativa che rinnova l’amicizia solidale tra il Corpo della Polizia municipale e il Meyer con la sua Fondazione – ha spiegato Benedetti – . I vigili non fanno mai mancare il loro appoggio alle esigenze del nostro ospedale e questo calendario rappresenta un ulteriore segnale di vicinanza e di affetto di cui siamo grati”. Complessivamente sono stati stampati 4.000 calendari in due versioni: 2.000 grandi da appendere e altrettanti piccoli da tavolo. Le copie saranno distribuite, su offerta minima di 5 euro, presso la Casina di Natale del Meyer presente in piazza della Repubblica dall’11 al 24 dicembre (apertura nei giorni feriali dalle 14 alle 19, festivi e 24 dicembre dalle 10 alle 19). Prevista un’ulteriore distribuzione presso lo shop solidale della Fondazione Meyer presso l’ospedale Meyer (viale Pieraccini 24) e a Palazzo Vecchio in occasione della cerimonia degli auguri del sindaco Dario Nardella alla città.

 

L'articolo Firenze, calendario della Polizia Municipale per la Fondazione Meyer da www.controradio.it.

Firenze, calendario della Polizia Municipale per la Fondazione Meyer

Firenze,  calendario della Polizia Municipale per la Fondazione Meyer

Una iniziativa di beneficenza a favore della Fondazione Meyer che da oltre venti anni è attiva a sostegno della ricerca scientifica, accoglienza e cura dei bambini ricoverati dell’ospedale pediatrico.

Il calendario, frutto della collaborazione tra la Polizia Municipale, l’ospedale pediatrico e la Fondazione Meyer, sarà infatti offerto alla cittadinanza per raccogliere fondi da destinare alle attività di ricerca, accoglienza e cura dei bambini ricoverati. Oggi l’iniziativa è stata presentata dall’assessore alla Polizia Municipale Stefano Giorgetti, il comandante Giacomo Tinella e Alessandro Benedetti segretario generale della Fondazione Meyer.

Tra le altre iniziative previste nel protocollo, che sistematizza progetti e collaborazioni in parte già attivate, il servizio di “scorte di polizia stradale”: gli agenti accompagneranno autoambulanze, auto o altri mezzi privati provenienti da località diverse dal Comune di Firenze che trasportano in urgenza pazienti diretti al pediatrico. Ma anche il contatto diretto con la Centrale operativa della Polizia Municipale a favore delle famiglie dei piccoli pazienti provenienti da fuori Firenze con le informazioni sulla viabilità per raggiungere la struttura ospedaliera e i servizi offerti per le esigenze di ospitalità del bambino e della famiglia. Senza dimenticare l’impegno sul fronte formativo, con la promozione di iniziative rivolte ai dipendenti, ai piccoli ricoverati e ai loro familiari, atte a sensibilizzare sulle regole e buone pratiche di educazione e sicurezza stradale.

“L’Amministrazione comunale, visto il legame e l’attenzione all’attività del Meyer, ha stipulato un protocollo con l’ospedale e la sua fondazione che prevede una serie di iniziative che vanno incontro alle esigenze dei bambini e delle loro famiglie con servizi di accoglienza e assistenza – ha dichiarato l’assessore Giorgetti –. All’interno di questo accordo, firmato lo scorso settembre, è prevista anche la realizzazione di uno strumento come questo calendario che, seppur semplice, racconta un lavoro di squadra straordinario. Un’ulteriore preziosa esperienza che rappresenta per la Polizia Municipale un nuovo stimolo per crescere e dare nuove risposte a una città in continuo cambiamento, con la passione e lo spirito di servizio che la contraddistinguono da sempre”.

“Sono orgoglioso di appartenere a un’Amministrazione che guarda ai più piccoli e si impegna in attività di collaborazione con strutture di eccellenza come l’ospedale Meyer che porta avanti una sola missione: essere costantemente orientata ai piccoli pazienti e accompagnare e sostenere le famiglie in tutto il percorso assistenziale – ha aggiunto il comandante Tinella –. Ho fortemente sostenuto la realizzazione di questo calendario il cui ricavato sarà destinato a sostenere i progetti della Fondazione Meyer, a conferma della vocazione alla solidarietà della Polizia Municipale e per rafforzare nei bambini e nelle loro famiglie quei sentimenti di fiducia e di rispetto che il vigile urbano ispira, giorno dopo giorno, con la sua costante abnegazione nelle situazioni più difficili e il senso di responsabilità che ne caratterizzano l’operato”.

“Siamo contenti di presentare questa iniziativa che rinnova l’amicizia solidale tra il Corpo della Polizia municipale e il Meyer con la sua Fondazione – ha spiegato Benedetti – . I vigili non fanno mai mancare il loro appoggio alle esigenze del nostro ospedale e questo calendario rappresenta un ulteriore segnale di vicinanza e di affetto di cui siamo grati”. Complessivamente sono stati stampati 4.000 calendari in due versioni: 2.000 grandi da appendere e altrettanti piccoli da tavolo. Le copie saranno distribuite, su offerta minima di 5 euro, presso la Casina di Natale del Meyer presente in piazza della Repubblica dall’11 al 24 dicembre (apertura nei giorni feriali dalle 14 alle 19, festivi e 24 dicembre dalle 10 alle 19). Prevista un’ulteriore distribuzione presso lo shop solidale della Fondazione Meyer presso l’ospedale Meyer (viale Pieraccini 24) e a Palazzo Vecchio in occasione della cerimonia degli auguri del sindaco Dario Nardella alla città.

 

L'articolo Firenze, calendario della Polizia Municipale per la Fondazione Meyer da www.controradio.it.

Colletta alimentare: raccolte in Toscana 430 tonnellate di cibo

Colletta alimentare: raccolte in Toscana 430 tonnellate di cibo

La colletta alimentare, al suo 25esimo anno, è tornata in presenza. Non era scontato che, con la ripresa dei contagi, 140mila volontari, nel rispetto delle norme, tornassero davanti a quasi 11mila supermercati per vivere e proporre un gesto semplice ma concreto di solidarietà.

Quest’anno con la Colletta si sono raccolte circa 7.000 tonnellate di cibo, l’equivalente di 14 milioni di pasti nonostante il momento particolare e i disagi dovuti al maltempo in numerose località. Quanto raccolto, insieme a quanto recuperato dal Banco Alimentare nella sua ordinaria attività durante tutto l’anno, sarà distribuito nelle prossime settimane a circa 7.600 strutture caritative che assistono oltre 1,7 milioni di persone.

Per quanto riguarda la Toscana, in oltre 500 punti vendita della nostra regione sono state raccolte 430 tonnellate di cibo (nel 2019, per quanto il confronto sia impossibile per quanto accaduto in questi anni, fu raccolto il 14% in più) che nel giro di pochissimi giorni saranno distribuite alle quasi 600 strutture convenzionate con il Banco che aiutano più di 100mila persone

La colletta continua online fino al 10 dicembre su Amazon.it/bancoalimentare e sul sito https://www.colletta.bancoalimentare.it, fino al 5 dicembre su Esselunga.it e su Easycoop.com. Sempre fino al 5 dicembre 2021 la Colletta Alimentare continua anche attraverso le Charity Card di Epipoli, da 2, 5 o 10 euro, disponibili nei supermercati aderenti all’iniziativa oppure online sul sito www.mygiftcard.it. Le donazioni saranno poi convertite in alimenti.Colletta alimentare: raccolte in Toscana 430 tonnellate di cibo

L'articolo Colletta alimentare: raccolte in Toscana 430 tonnellate di cibo da www.controradio.it.

Povertà, Toscana: 31mila famiglie alla Caritas per pacchi alimentari

Povertà, Toscana: 31mila famiglie alla Caritas per pacchi alimentari

Il dato è emerso durante la presentazione del progetto una “Spesa per tutti”, varato dalla Regione Toscana e i cui contenuti sono stati sottoscritti oggi a Firenze da Caritas, Banco alimentare e dai rappresentanti di Unicoop Firenze, Conad del Tirreno ed Esselunga.

Sono oltre 31 mila le famiglie toscane che hanno usufruito degli aiuti alimentari distribuiti dalla Caritas. E i numeri cono in costante aumento visto che nei primi sei mesi del 2021 siamo arrivati già a oltre 15mila richieste. Segno che la povertà, anche quella alimentare è sempre più diffusa anche nella nostra regione. Il fatto è emerso durante la presentazione del progetto una “Spesa per tutti”, varato dalla Regione Toscana e i cui contenuti sono stati sottoscritti oggi a Firenze da Caritas, Banco alimentare e dai rappresentanti di Unicoop Firenze, Conad del Tirreno ed Esselunga.

“Una spesa per tutti “ha l’obiettivo di arrivare ad una  distribuzione capillare di generi alimentari finalizzati a aiutare le famiglie più indigenti. Il progetto nato nel 2016 viene rifinanziato dalla Regione ogni anno con un contributo di 150.000 euro. La conseguente convenzione con i soggetti del terzo settore e della grande distribuzione permette l’attivazione di una rete virtuosa che consente di utilizzare al massimo i fondi disponibili fornendo un aiuto concreto a migliaia di famiglie. Il finanziamento annuale viene destinato alla Caritas che acquista dalla grande distribuzione, alle migliori condizioni possibili, i generi alimentari per poi stoccarli nei locali messi a disposizione dal Banco Alimentare.

Ed è sempre Caritas, grazie alla capillare rete presente sul territorio, che si impegna nella distribuzione diretta, dando la priorità a famiglie numerose, con minori e disabili

In questa catena fondamentale è anche il ruolo della grande distribuzione, sia per i prezzi di favore riservati per l’acquisto di questi generi alimentari, sia perché compartecipa al progetto con un ulteriore 10 per cento.

L’accordo sottoscritto oggi, della durata di un anno, ha la finalità di indicare gli impegni di tutti i  soggetti firmatari. La Regione, oltre a procedere al trasferimento di 150.000 euro alla Caritas, svolge attività di coordinamento generale e di verifica dei tempi e delle modalità di attuazione, la Caritas provvede a individuare i cittadini da coinvolgere nel progetto e alla distribuzione dei generi alimentari mentre il Banco alimentare si occupa dello stoccaggio dei beni. Infine la grande distribuzione individua i beni di prima necessità da destinare alle attività del progetto nonché ad applicare le miglior condizioni di acquisto.

In questa logica i migliaia di pacchi distribuiti in cinque anni dal progetto “Spesa per Tutti” hanno di fatto triplicato le persone che hanno potuto accedere ad un servizio di Caritas o di un altro organismo pubblico o privato, portando un aiuto concreto e diffondendo al tempo stesso il messaggio per un consapevole uso dei prodotti per l’abbattimento dello spreco alimentare.

“E’ un progetto virtuoso e ancora più importante in quest’ultimo anno e mezzo, perché le conseguenze socioeconomiche della pandemia hanno reso ancora più necessari questi interventi” commenta l’assessora regionale alle politiche sociali Serena Spinelli. Le risorse disponibili – prosegue – hanno permesso di distribuire 20mila pacchi di generi alimentari in un anno. E’ il segno che questa rete funziona bene e che ogni anello si impegna per aumentare le dimensioni del prodotto finale”.

“La storia di una Spesa per Tutti – sono ancora parole dell’assessora Spinelli – conferma la forte valenza sociale della stretta collaborazione tra enti del terzo settore, enti pubblici e aziende della grande distribuzione: un intreccio positivo rivolto alla condizione di disagio delle persone fragili, in condizioni di difficoltà economica e allo stesso tempo un forte impegno a mettere a disposizione le risorse presenti nei territori.  Attraverso questo lavoro di consegna dei pacchi alimentari puntiamo anche a rafforzare il nostro impegno per una presa in carico complessiva delle persone in stato di disagio da parte dei servizi sociali. L’obiettivo come Regione Toscana è quello di mettere in rete tutte le istituzioni, gli enti locali e i soggetti presenti sul territorio per dare risposte ulteriori a quella che riguarda il bisogno alimentare”.

L'articolo Povertà, Toscana: 31mila famiglie alla Caritas per pacchi alimentari da www.controradio.it.