Nomad – In cammino con Bruce Chatwin

Nomad – In cammino con Bruce Chatwin

Lunedì 19 e mercoledì 21 ottobre un evento speciale all’Odeon di Firenze. In esclusiva assoluta il nuovo straordinario film documentario del grande regista tedesco Werner Herzog: Nomad – In cammino con Bruce Chatwin

Un viaggio intimo che Herzog intraprende idealmente con il viaggiatore-scrittore inglese Bruce Chatwin, uno dei più grandi autori del Novecento. La proiezione di lunedì 19 (alle ore 21) sarà introdotta da Antonio Gonnella (camminatore e autore del libro “Passaggio a Sud”), quella di mercoledì 21 (alle ore 21) dalla prof.ssa Sabrina Tosi Cambini (antropologa presso l’Università di Firenze).

Durante gli ultimi anni della vita di Bruce Chatwin il regista Werner Herzog ha collaborato con lo scrittore inglese ad alcuni progetti e fra i due è nata un’amicizia istintiva e profonda. In Nomad Herzog ripercorre le tracce dei pellegrinaggi che Chatwin ha compiuto alla ricerca dell’anima del mondo, attraversando continenti con l’inseparabile zaino di pelle sulle spalle: quello zaino che ora appartiene a Herzog, e che diventa il terzo protagonista del film. Nomad ci porta con sé alla ricerca del brontosauro, in Patagonia, davanti al relitto di una nave “fitzcarraldiana” a Punta Arenas, a Silbury Hill, nell’entroterra australiano e dentro caverne preistoriche o cimiteri indigeni: “luoghi in cui i nostri percorsi si sono incrociati, o che avevamo esplorato indipendentemente l’uno dall’altro”, come ricorda il regista.

Cinema Odeon

Biglietto: euro 10 (ridotto euro 8 per soci CAI e Feltrinelli)

Tel. 055-214068

www.odeonfirenze.com

L'articolo Nomad – In cammino con Bruce Chatwin proviene da www.controradio.it.

Honeyland il regno delle api. All’Odeon di Firenze

Honeyland il regno delle api. All’Odeon di Firenze

Uno dei film più sorprendenti dell’anno, vincitore al Sundance Film Festival lo scorso 2019, dove ha vinto i tre premi principali. “Honeyland: il regno delle api”. Sabato 10 (ore 21) e domenica 11 (ore 16.30)

Girato nel nord della Macedonia, Honeyland ci fa conoscere la straordinaria storia di Hatidze. Una delle ultime donne cacciatrici di api in Europa che riesce a mantenere il delicato equilibrio con la natura seguendo una semplice regola d’oro: prendi pure metà del miele ma lasciane sempre metà per loro. Un film sorprendente che lascia a bocca aperta per la meravigliosa narrazione e per le immagini di fortissimo impatto. Girato solo in condizioni di luce naturale e a lume di candela e lampade a petrolio è un ritratto affascinante di solitudine, sopravvivenza, dedizione, povertà.

Lungometraggio di debutto dei documentaristi Tamara Kotevska e Ljubomir Stefanov, Honeyland è stato girato in tre anni da una ridotta troupe impegnata in un’intima collaborazione tra i registi e la protagonista. Un ritratto duro e tenero sul delicato equilibrio tra uomo e natura, uno sguardo su un modo di vivere che sta rapidamente scomparendo, e un indimenticabile testamento sulla straordinaria resilienza di una donna.

INFO 

L'articolo Honeyland il regno delle api. All’Odeon di Firenze proviene da www.controradio.it.

Honeyland il regno delle api. All’Odeon di Firenze

Honeyland il regno delle api. All’Odeon di Firenze

Uno dei film più sorprendenti dell’anno, vincitore al Sundance Film Festival lo scorso 2019, dove ha vinto i tre premi principali. “Honeyland: il regno delle api”. Sabato 10 (ore 21) e domenica 11 (ore 16.30)

Girato nel nord della Macedonia, Honeyland ci fa conoscere la straordinaria storia di Hatidze. Una delle ultime donne cacciatrici di api in Europa che riesce a mantenere il delicato equilibrio con la natura seguendo una semplice regola d’oro: prendi pure metà del miele ma lasciane sempre metà per loro. Un film sorprendente che lascia a bocca aperta per la meravigliosa narrazione e per le immagini di fortissimo impatto. Girato solo in condizioni di luce naturale e a lume di candela e lampade a petrolio è un ritratto affascinante di solitudine, sopravvivenza, dedizione, povertà.

Lungometraggio di debutto dei documentaristi Tamara Kotevska e Ljubomir Stefanov, Honeyland è stato girato in tre anni da una ridotta troupe impegnata in un’intima collaborazione tra i registi e la protagonista. Un ritratto duro e tenero sul delicato equilibrio tra uomo e natura, uno sguardo su un modo di vivere che sta rapidamente scomparendo, e un indimenticabile testamento sulla straordinaria resilienza di una donna.

INFO 

L'articolo Honeyland il regno delle api. All’Odeon di Firenze proviene da www.controradio.it.

Nanni Moretti ospite del Cinema Odeon di Firenze

Nanni Moretti ospite del Cinema Odeon di Firenze

Sabato 10 ottobre alle 15.30 (evento già sold out) il regista Nanni Moretti legge i diari di “Caro Diario”. Segue la proiezione del film in versione restaurata. La pellicola verrà replicata domenica 11 Ottobre (ore 18.30).

Diviso in tre capitoli autonomi e complementari (In vespa, Isole e Medici), Caro Diario rimane, a quasi trent’anni dalla sua prima uscita in sala, un sorprendente oggetto estraneo di un autore unico del nostro cinema. Per Nanni Moretti, “splendido quarantenne” , è un punto di svolta: dopo la crisi ideologica di Palombella rossa, il “leone di Monteverde” abbandona il suo alter ego Michele Apicella e porta sullo schermo se stesso. Senza filtri, dalle gite in vespa nella Roma agostana deserta fino alla sua, reale, malattia. Un’autobiografia collettiva, dove le ossessioni personali del regista – il passato, le case, il ballo, i (cattivi) critici… – si fondono con quelle di un paese intero, incapace di ricordare, di comunicare, di ascoltare, di capire. Divertentissimo, colmo di indimenticabili tormentoni morettiani, ma capace anche di momenti di autentica commozione (la lunga scena del pellegrinaggio verso il luogo dove morì Pasolini). Premio per la regia al Festival di Cannes del 1994.

Cinema Odeon Piazza Strozzi a  Firenze

Tel. 055-214068

www.odeonfirenze.com

L'articolo Nanni Moretti ospite del Cinema Odeon di Firenze proviene da www.controradio.it.

“Miss Marx” in lingua originale all’Odeon di Firenze

“Miss Marx” in lingua originale all’Odeon di Firenze

Da mercoledì 23 settembre al cinema Odeon di firenze: Miss Marx. In lingua originale con sottotitoli. Il film di Susanna Nicchiarelli dedicato alla vita e al pensiero di Eleanor, la combattiva figlia di Karl Marx

Il film è stato tra i più apprezzati dal pubblico e dalla critica all’ultima Mostra del Cinema di Venezia, dove era in concorso. Racconta la storia di Eleanor, detta Tussy, la più giovane, nonché “la più coraggiosa” delle tre figlie del filosofo e teorico politico tedesco Karl Marx. È lei che ne porta avanti l’eredità, anche perché una sorella, Jenny, è morta poco prima del padre, e l’altra, Laura, si è trasferita in Francia. Ma sono soprattutto l’intelligenza e l’indole combattiva di Eleanor a fare di lei la persona più adatta a tenere viva la fiamma del pensiero paterno. Dunque è lei a battersi per i diritti dei lavoratori, le pari opportunità nell’ambito dell’istruzione e il suffragio universale, nonché contro il lavoro minorile. Ma nella vita privata Eleanor non è così lucida e determinata: il suo compagno di vita, Edward, è infatti uno spendaccione fedifrago di cui lei non sa liberarsi.

«La storia di Eleanor mi ha dato l’opportunità di esplorare temi incredibilmente contemporanei in un contesto d’epoca, ma ho ritenuto necessario capovolgere i cliché del dramma in costume – ha dichiarato Susanna Nicchiarelli – Ho cercato di sovvertire l’immagine dell’eroina vittoriana e sostituirla con quella emblematica e moderna di una donna che combatte sul fronte personale e pubblico. Credo che la storia di Eleanor richieda di essere raccontata con una delicata ironia: la sua vita sentimentale fu assurda e tragica, i suoi guai condivisibili anche per le donne di oggi. Ma questa storia richiede anche un profondo rispetto: le battaglie di Eleanor e dei suoi compagni risultano più che mai attuali ed urgenti, oggi come ieri».

Cinema Odeon in Piazza Strozzi a Firenze

Tel. 055-214068

Biglietto: euro 9 (ridotto euro 7)

www.odeonfirenze.com

 

L'articolo “Miss Marx” in lingua originale all’Odeon di Firenze proviene da www.controradio.it.