Nanni Moretti ospite del Cinema Odeon di Firenze

Nanni Moretti ospite del Cinema Odeon di Firenze

Sabato 10 ottobre alle 15.30 (evento già sold out) il regista Nanni Moretti legge i diari di “Caro Diario”. Segue la proiezione del film in versione restaurata. La pellicola verrà replicata domenica 11 Ottobre (ore 18.30).

Diviso in tre capitoli autonomi e complementari (In vespa, Isole e Medici), Caro Diario rimane, a quasi trent’anni dalla sua prima uscita in sala, un sorprendente oggetto estraneo di un autore unico del nostro cinema. Per Nanni Moretti, “splendido quarantenne” , è un punto di svolta: dopo la crisi ideologica di Palombella rossa, il “leone di Monteverde” abbandona il suo alter ego Michele Apicella e porta sullo schermo se stesso. Senza filtri, dalle gite in vespa nella Roma agostana deserta fino alla sua, reale, malattia. Un’autobiografia collettiva, dove le ossessioni personali del regista – il passato, le case, il ballo, i (cattivi) critici… – si fondono con quelle di un paese intero, incapace di ricordare, di comunicare, di ascoltare, di capire. Divertentissimo, colmo di indimenticabili tormentoni morettiani, ma capace anche di momenti di autentica commozione (la lunga scena del pellegrinaggio verso il luogo dove morì Pasolini). Premio per la regia al Festival di Cannes del 1994.

Cinema Odeon Piazza Strozzi a  Firenze

Tel. 055-214068

www.odeonfirenze.com

L'articolo Nanni Moretti ospite del Cinema Odeon di Firenze proviene da www.controradio.it.

“Miss Marx” in lingua originale all’Odeon di Firenze

“Miss Marx” in lingua originale all’Odeon di Firenze

Da mercoledì 23 settembre al cinema Odeon di firenze: Miss Marx. In lingua originale con sottotitoli. Il film di Susanna Nicchiarelli dedicato alla vita e al pensiero di Eleanor, la combattiva figlia di Karl Marx

Il film è stato tra i più apprezzati dal pubblico e dalla critica all’ultima Mostra del Cinema di Venezia, dove era in concorso. Racconta la storia di Eleanor, detta Tussy, la più giovane, nonché “la più coraggiosa” delle tre figlie del filosofo e teorico politico tedesco Karl Marx. È lei che ne porta avanti l’eredità, anche perché una sorella, Jenny, è morta poco prima del padre, e l’altra, Laura, si è trasferita in Francia. Ma sono soprattutto l’intelligenza e l’indole combattiva di Eleanor a fare di lei la persona più adatta a tenere viva la fiamma del pensiero paterno. Dunque è lei a battersi per i diritti dei lavoratori, le pari opportunità nell’ambito dell’istruzione e il suffragio universale, nonché contro il lavoro minorile. Ma nella vita privata Eleanor non è così lucida e determinata: il suo compagno di vita, Edward, è infatti uno spendaccione fedifrago di cui lei non sa liberarsi.

«La storia di Eleanor mi ha dato l’opportunità di esplorare temi incredibilmente contemporanei in un contesto d’epoca, ma ho ritenuto necessario capovolgere i cliché del dramma in costume – ha dichiarato Susanna Nicchiarelli – Ho cercato di sovvertire l’immagine dell’eroina vittoriana e sostituirla con quella emblematica e moderna di una donna che combatte sul fronte personale e pubblico. Credo che la storia di Eleanor richieda di essere raccontata con una delicata ironia: la sua vita sentimentale fu assurda e tragica, i suoi guai condivisibili anche per le donne di oggi. Ma questa storia richiede anche un profondo rispetto: le battaglie di Eleanor e dei suoi compagni risultano più che mai attuali ed urgenti, oggi come ieri».

Cinema Odeon in Piazza Strozzi a Firenze

Tel. 055-214068

Biglietto: euro 9 (ridotto euro 7)

www.odeonfirenze.com

 

L'articolo “Miss Marx” in lingua originale all’Odeon di Firenze proviene da www.controradio.it.

The Elephant man in versione restaurata torna al cinema

The Elephant man in versione restaurata torna al cinema

Mercoledì 16 al Cinema Odeon di Firenze l’anteprima nazionale della versione restaurata di uno dei più grandi capolavori di David Lynch: The Elephant man.  In lingua originale con sottotitoli in italiano a 40 anni dalla sua uscita nelle sale

La proiezione inaugura la nuova stagione di Odeon Classics, la sezione dedicata ai grandi classici restaurati, in collaborazione con la Cineteca di Bologna.

Siamo a Londra, nella seconda metà dell’Ottocento. A causa di una malattia molto rara, la neurofibromatosi, che gli ha dato sembianze mostruose, il giovane John Merrick (John Hurt) viene esposto come “uomo elefante” nel baraccone di Bytes (FreddieJones), un alcolizzato che campa sfruttando la sua mostruosità e lo tratta come una bestia. E’ qui che Merrick viene scoperto dal dottor Frederick Treves (Anthony Hopkins), un chirurgo del London Hospital che convince Bytes a cederglielo per qualche tempo in modo da poterlo studiare e curare. Portato in ospedale e presentato a un congresso di scienziati, John si rivela ben presto agli occhi di Treves come un uomo di intelligenza superiore e di animo raffinato e sensibile. Mentre a lui si interessano sinceramente gli aristocratici londinesi, la principessa Alexandra e la famosa attrice di teatro Madge Kendal (Anne Bancroft), il fuochista dell’ospedale tenta di sfruttare la sua presenza mostrandolo a pagamento a gente in cerca di emozioni. La notte stessa in cui John subisce un’incursione di avvinazzati e di donnine, condotti nella sua stanza dal fuochista, Bytes riesce a entrare non visto e a riprendersi “il suo tesoro”, come egli chiama Merrick. Portato sul continente, il poveretto viene di nuovo esibito come una curiosità da baraccone, picchiato e rinchiuso nella gabbia delle scimmie finché, mossi a compassione, alcuni suoi compagni di “lavoro” lo liberano e John, con il volto coperto da un cappuccio, torna a Londra. Ma il destino ha ancora in serbo per lui gioie e dolori.

Cinema Odeon | Piazza Strozzi | Firenze

Tel. 055-214068

Biglietto: euro 10 (ridotto euro 8 per abbonati e studenti)

www.odeonfirenze.com

L'articolo The Elephant man in versione restaurata torna al cinema proviene da www.controradio.it.

Cinema: l’Odeon riapre in sicurezza venerdì 4 Settembre con “Tenet”

Cinema: l’Odeon riapre in sicurezza venerdì 4 Settembre con “Tenet”

Dopo la chiusura forzata, venerdì 4 settembre riapre il Cinema Odeon di Firenze. La storica sala di Piazza Strozzi riapre le porte al pubblico in tutta sicurezza con “Tenet” di Christopher Nolan

Il titolo con cui l’Odeon inaugura la stagione non poteva che essere TENET, la nuova pellicola del celebre regista britannico Christopher Nolan (autore di capolavori come “Inception”, “Interstellar”, “Il Cavaliere Oscuro”), primo grande film americano a uscire nelle sale dopo il periodo di lockdown. Film spettacolare, emozionante e complesso, TENET (interpretato da con John David Washington, Robert Pattinson, Kenneth Branagh, Elizabeth Debicki e Michael Caine) è ambientato nel mondo dello spionaggio internazionale, dove le nazioni si uniscono, al di là dei loro interessi, per risolvere un enigmatico intrigo. Al Protagonista, un agente ben addestrato e molto sensibile, viene assegnato un importante compito: fermare quella che potrebbe rivelarsi come un’apocalisse planetaria, una minaccia peggiore dell’Armageddon.

Dopo Tenet arriveranno sul grande schermo dell’Odeon nelle prossime settimane. MISS MARX (dal 23 Settembre) di Susanna Nicchiarelli, in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia. Brillante, colta, libera e appassionata, Eleanor è la figlia più piccola di Karl Marx: tra le prime donne ad avvicinare i temi del femminismo e del socialismo, partecipa alle lotte operaie, combatte per i diritti delle donne e l’abolizione del lavoro minorile.

ASSASSINIO SUL NILO (dal 22 Ottobre) è il nuovo adattamento, diretto da Kenneth Branagh, di uno dei più celebri romanzi di Agatha Christie. Con Branagh nei panni del celebre investigatore Hercule Poirot e con un grande cast che comprende tra gli altri Gal Gadot, Armie Hammer ed Annette Bening, il film racconta di una luna di miele che si trasforma in tragedia. Su un battello che risale il corso del Nilo, una ricca ereditiera inglese viene uccisa. Tutti i passeggeri sono indiziati e spetterà all’infallibile Poirot sciogliere l’intricato mistero.

007 NO TIME TO DIE (dal 12 Novembre) è l’attesissimo nuovo episodio della saga dell’agente segreto più celebre della storia del cinema, interpretato da Daniel Craig (per la quinta e ultima volta), Léa Seydoux, Ralph Fiennes, e con Rami Malek nei panni del villain. Cinque anni dopo gli eventi di Spectre, James Bond, ormai ritiratosi dal MI6, si gode una vita tranquilla in Giamaica. Quando un suo vecchio amico, l’agente della Cia Felix Leiter, si presenta da lui con una richiesta d’aiuto, Bond decide di intraprendere una missione per salvare uno scienziato rapito; essa si rivelerà tuttavia più complicata del previsto e porterà l’agente segreto britannico sulle tracce di Safin, un misterioso criminale che possiede armi estremamente distruttive.

Cinema Odeon | Piazza Strozzi | Firenze

L'articolo Cinema: l’Odeon riapre in sicurezza venerdì 4 Settembre con “Tenet” proviene da www.controradio.it.

I fratelli D’Innocenzo presentano: Favolacce

I fratelli D’Innocenzo presentano: Favolacce

Sabato 23 maggio  i fratelli Damiano e Fabio D’Innocenzo presentano in diretta sulla pagina Facebook del Cinema Odeon di Firenze alle 21 “Favolacce”, che la critica considera “il film italiano dell’anno”.

 

Interpretato da Elio Germano e vincitore all’ultima Berlinale dell’Orso per la Miglior Sceneggiatura, Favolacce dopo la presentazione sarà disponibile per 30 giorni sulla piattaforma web MioCinema: scegliendo il cinema Odeon gli spettatori possono così sostenere la storica sala fiorentina in questo periodo di forzata chiusura.

Favolacce è ambientato in una calda estate in un quartiere periferico di Roma. Nelle villette a schiera vivono alcune famiglie in cui il senso di disagio costituisce la cifra esistenziale comune anche quando si tenta di mascherarlo. I genitori sono frustrati dall’idea di vivere lì e non altrove, di avere (o non avere) un lavoro insoddisfacente, di non avere in definitiva raggiunto lo status sociale che pensavano di meritare. I figli vivono in questo clima e ne assorbono la negatività cercando di difendersene come possono e magari anche di reagire.

Gli autori la definiscono, in contrasto con il realismo della loro opera prima, come una favola nera in cui hanno riversato, attraverso la voce di un narratore, il vuoto pneumatico di figure parentali (con in più un docente) che dovrebbero insegnare a vivere ai propri figli mentre invece hanno perduto qualsiasi capacità di positività e di sguardo sul futuro.

L'articolo I fratelli D’Innocenzo presentano: Favolacce proviene da www.controradio.it.