Rifiuti speciali pericolosi: denunciato imprenditore a Firenze

Rifiuti speciali pericolosi: denunciato imprenditore a Firenze

Rifiuti speciali pericolosi: diciassette veicoli, per lo più furgonati, non più funzionanti e in parte privi di elementi essenziali, posteggiati in modo caotico. Alcuni veicoli smontati e utilizzati per ricavare pezzi di ricambio per veicoli della stessa società, ancora utilizzati. Era presente inoltre, all’interno di un cassone, un motore di veicolo non bonificato. E’ quanto hanno trovato i Militari della Stazione Carabinieri forestale di Ceppeto che hanno svolto in Comune di Campi Bisenzio un servizio coordinato con la Stazione Carabinieri di Campi Bisenzio, finalizzato ai controlli sulla corretta gestione dei rifiuti sul territorio.

Rifiuti speciali pericolosi:  veicoli erano dunque classificabili come ”fuori uso” poiché mancanti di parti essenziali o in stato di abbandono prolungato nel tempo, pertanto non più marcianti e qualificabili come rifiuti speciali ai sensi del Testo unico ambientale e in quanto tali destinati alla rottamazione presso un centro di raccolta autorizzato.

Lo stoccaggio e il trattamento, cioè lo smontaggio per il riutilizzo di parti di essi, rappresenta una forma di gestione non autorizzata. Il Presidente del Consiglio di amministrazione della società veniva denunciato all’Autorità Giudiziaria per attività di gestione illecita di rifiuti speciali pericolosi, sanzionata dal Testo Unico Ambientale (Tua), in quanto effettuata in assenza di autorizzazioni.

L'articolo Rifiuti speciali pericolosi: denunciato imprenditore a Firenze da www.controradio.it.

Gkn: “Insorgiamo”, in migliaia a Campi Bisenzio con i lavoratori

Gkn: “Insorgiamo”, in migliaia a Campi Bisenzio con i lavoratori

Gkn: con in testa uno striscione con la scritta ‘Insorgiamo’ è partito alle 9.30 il corteo a difesa dei circa 500 dipendenti licenziati con una mail da Gkn (422 della Gkn, 80 delle ditte in appalto) a Campi Bisenzio (Firenze).Gkn

La manifestazione è partita dallo stabilimento e prevede varie tappe nelle zone limitrofe alla fabbrica: al momento sono oltre 2mila, secondo la questura, i partecipanti alla manifestazione, provenienti da tutta Italia, e numerosi altri manifestanti sono in arrivo. Ne sono attesi infatti 5 mila a sostegno della mobilitazione, degli operai della Gkn e dell’indotto.Gkn

Presente il sindaco di Campi Emiliano Fossi. Tra le istituzioni presenti anche le assessore regionali al lavoro Alessandra Nardini e all’ambiente Monia Monni. A sfilare anche l’Anpi. Nonostante il grande caldo i manifestanti sono in aumento e si segnala qualche problema di viabilità intorno alla zona del corteo.Gkn

Varie le attestazioni di solidarietà a livello nazionale: tra queste Zerocalcare ha realizzato una vignetta per gli operai licenziati.

Foto Monica Pelliccia

notizia in aggiornamento

L'articolo Gkn: “Insorgiamo”, in migliaia a Campi Bisenzio con i lavoratori da www.controradio.it.

Licenziamenti Gkn: Nardella “Atto ostile contro l’Italia. Fare pressing unitario anche su Fiat”

Licenziamenti Gkn: Nardella “Atto ostile contro l’Italia. Fare pressing unitario anche su Fiat”

“Una vicenda drammatica, di una violenza barbara che non tiene conto di alcuna regola basilare di rispetto dei principi fondamentali del lavoro, delle politiche industriali. E’ una mattanza sociale e dobbiamo rimanere uniti ma anche  agire su tutti i livelli possibili per bloccare questa procedura di licenziamento di massa”. Lo ha detto il sindaco di Firenze e della Città metropolitana Dario Nardella, durante la trasmissione di questa mattina realizzata da Controradio in diretta radio e social davanti ai cancelli della Gkn di Campi Bisenzio, dopo le 422 lettere di licenziamenti inviate nei giorni scorsi ai lavoratori per mail.

Questa mattina 12 luglio 2021 dalle 8.00 alle 9.30 sulle frequenze di Controradio e sui canali digitali e social Raffaele Palumbo ha condotto la trasmissione “E la chiamano Estate” in diretta dal presidio permanente davanti ai cancelli della fabbrica a #CampiBisenzio (Firenze). Sono intervenuti gli operai, sindacalisti e rappresentanti delle istituzioni. Collegamento con il sindaco della Città Metropolitana Dario Nardella e con il sindaco di Campi Bisenzio Emiliano Fossi che ha annunciato per oggi la firma dell’ordinanza che stabilirà il divieto di accesso al perimetro della fabbrica a tutti i mezzi pesanti per impedire che la proprietà si porti via macchinari e tecnologie dallo stabilimento.
Uno sciopero generale a livello fiorentino, coinvolgendo anche tutte le altre categorie oltre ai metalmeccanici. E’ l’iniziativa alla quale stanno lavorando Fiom, Fim e Uilm di Firenze insieme a Cgil, Cisl e Uil. Oggi previsti incontri con le rsu dello stabilimento e tra i vari sindacati. A Campi Bisenzio prosegue intanto il presidio permanente dei lavoratori davanti ai cancelli della fabbrica e continuano ad arrivare gli attestati di vicinanza e di solidarietà dal mondo politico, delle istituzioni e della società civile.
Alle 11 conferenza stampa del presidente Giani in Regione e nel pomeriggio alle 15 visita delle assessore regionali Monia Monni e Serena Spinelli. Il Sindaco Dario Nardella parteciperà invece alle 18.00 alla staffetta di amministratori locali che si stanno avvicendando da sabato mattina in segno di solidarietà.
“C’è anche un aspetto di legislazione su cui dobbiamo intervenire.  Ne ho parlato ieri  con la viceministra Alessandra Todde. Ci sono probabilmente degli aspetti delle legislazione italiana che si possono rafforzare, per prevedere penali più dure contro gruppi industriali che delocalizzano senza sufficienti ragioni. Dobbiamo anche verificare quali e quanti aiuti/sostegni/contributi pubblici ha avuto la Gkn, per intraprendere azioni anche molto dure contro questo gruppo – E poi c’è un tema europeo, ha sottolineato Nardella ai microfoni di Controradio –  Non si può vivere in un’Europa unita dove per motivi di dumping fiscale e salariale si delocalizza da un paese all’altro. Ci vuole un’unione fiscale”.
Fra le azioni annunciate da Nardella per le prossime ore: “Questa settimana la viceministra mi ha confermato che  ci sarà un tavolo con le istituzioni al quale parteciperà anche la Città metropolitana. Siamo  al fianco della Regione e del Governo per condividere delle azioni, anche un pressing forte sul gruppo industriale a cui fa riferimento la Fiat, principale cliente della Gkn. E’ giusto anche interpellare un grande gruppo industriale che ha sempre avuto rapporti e supporto dalle istituzioni italiane. Lavoreremo anche sul fronte dei rapporti diplomatici perché ne va delle buone relazioni tra Paesi, non è accettabile che questo gruppo inglese possa comportarsi così con un Paese amico, lo considero un atto ostile contro il nostro Paese”, ha concluso Nardella nella diretta di Controradio davanti ai cancelli della fabbrica.

L'articolo Licenziamenti Gkn: Nardella “Atto ostile contro l’Italia. Fare pressing unitario anche su Fiat” da www.controradio.it.

Presentato progetto definitivo tramvia 4.1 Leopolda-Piagge verso Campi Bisenzio

Presentato progetto definitivo tramvia 4.1 Leopolda-Piagge verso Campi Bisenzio

“La tramvia verso Campi Bisenzio costituisce la prima della tramvie che segue una dimensione extra territoriale di Firenze nel quadrante nord-ovest della citta’. La tramvia e’ un sistema di trasporto pubblico che si e’ rivelato vincente ed e’ diventato un modello a livello internazionale”. Lo ha detto il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani intervenendo alla conferenza stampa di presentazione della nuova linea di tramvia che colleghera’ Firenze al Comune di Campi Bisenzio.

La linea della tramvia che colleghera’ il tratto Leopolda-Piagge a Firenze al Comune di Campi Bisenzio “e’una grandissima sfida, Nardella si e’ molto impegnato perche’ entrasse nel contesto dei finanziamenti nazionali – ha aggiunto Giani -. Noi in regione Toscana ci crediamo molto nel sistema delle tramvie. Sapete tutti i soldi che abbiamo messo. In questo caso faremo la nostra parte come sempre. Per la tramvia di Bagno a Ripoli la regione ha messo 82 milioni pur avendo dovuto mettere altri 200 milioni nel campo della sanita’ visto l’anno Covid ma la tramvia non si tocca. Come abbiamo messo risorse sulla tramvia di Bagno a Ripoli, le impegneremo su questa”.tramvia

“Noi crediamo al cosiddetto metodo metro-tram – ha proseguito Giani -. Il Comune di Campi Bisenzio avendo l’attraversamento di questa tramvia ed il metro-tram che tocchera’ il Comune di Campi Bisenzio con le sei fermate da Peretola a Pecci su cui stiamo lavorando con il Comune di Firenze, e’ evidente che acquista un bacino di trasporto pubblico fortissimo”.

L’intervento del Sindaco di Firenze, Dario Nardella

L'articolo Presentato progetto definitivo tramvia 4.1 Leopolda-Piagge verso Campi Bisenzio proviene da www.controradio.it.

Incontro Palazzo Vecchio per ‘piano strategico’ Campi Bisenzio

Incontro Palazzo Vecchio per ‘piano strategico’ Campi Bisenzio

“C’è grande sintonia, lavoriamo insieme, sono molto contento di questo incontro. Abbiamo deciso di lanciare un piano strategico di sviluppo per Campi Bisenzio. E sullo stadio abbiamo detto che c’è condivisione tra me, il presidente Giani e il sindaco di Campi Fossi sulla priorità del restyling del Franchi che è uno stadio di opera pubblica. Io ho il dovere di andare avanti”. Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella, al termine dell’incontro di oggi a Palazzo Vecchio col presidente della Regione Eugenio Giani e il sindaco di Campi Bisenzio Emiliano Fossi.

Una riunione dove si è parlato di tramvie, scuole e anche delle opzioni nuovo stadio per la Fiorentina, tra restyling del Franchi e la costruzione di un nuovo impianto a Campi. “Se la Fiorentina – ha aggiunto Nardella – riterrà di presentare un progetto su Campi ai sensi della legge Lotti-Nardella siamo pronti congiuntamente anche a accoglierla”.
Un piano strategico per Campi Bisenzio (Firenze): è ciò di cui si è discusso nell’incontro di stamani a Palazzo Vecchio tra il presidente della Regione Eugenio Giani, il sindaco metropolitano e di Firenze Dario Nardella e il primo cittadino di Campi Emiliano Fossi.
Il piano, si legge in una nota congiunta, riguarderà “la realizzazione del lotto 2 della tramvia numero 4, la realizzazione della metrotramvia Peretola-Pecci con fermata prevista di interconnessione presso l’area Gigli, la creazione di un collegamento ‘spola’ di trasporto pubblico ‘Pistoiese-Osmannoro’ per collegare il parcheggio scambiatore Osmannoro di Autostrade, in via di realizzazione, con l’abitato di Campi e il sistema tramviario”. Tra gli obiettivi anche “lo sviluppo del polo dei ‘Gigli’, la realizzazione del polo scolastico per il nuovo istituto superiore nella zona via Palagetta” e la creazione “della rete di ciclopiste collegata alla super-ciclovia Firenze – Prato”. Campi Bisenzio viene ritenuta “come il riferimento baricentro dell’area della Piana per la rete dei trasporti, pubblici e privati, l’erogazione di servizi, l’integrazione metropolitana”.
Le istituzioni si impegneranno, si precisa nella nota, “a sviluppare un confronto pubblico entro i prossimi mesi sull’attuazione del piano strategico in oggetto”. Sullo stadio della Fiorentina “si prende atto del lavoro importante che sta facendo il sindaco per la messa in sicurezza e il restyling del Franchi e si ribadisce il sostegno condiviso a questa operazione. Quanto all’ipotesi di uno stadio a Campi, se e quando la Fiorentina intenderà proseguire su questa strada, le istituzioni si impegnano ad un incontro congiunto con la società per prendere eventualmente in esame un progetto di fattibilità tecnico-economica presentato dal proponente ai sensi della legge sugli stadi Lotti-Nardella”.

L'articolo Incontro Palazzo Vecchio per ‘piano strategico’ Campi Bisenzio proviene da www.controradio.it.