Legambiente: “Necessario fermare ampliamento discarica di Peccioli”

Legambiente: “Necessario fermare ampliamento discarica di Peccioli”

Peccioli, in provincia di Pisa, il direttivo di Legambiente Valdera, in un comunicato stampa diffuso domenica sera, si oppone al “raddoppio della discarica pecciolese”, progetto del comune di Peccioli sostenuto dalla Regione Toscana.

“Una quantità di 5,5 milioni di metri cubi di rifiuti, una vera e propria montagna, è destinata a essere collocata in Val d’Era – si legge nel comunicato di Legambiente – a seguito del progetto del comune di Peccioli sostenuto dalla Regione, di aumento volumetrico della discarica di Legoli”.

“È sostanzialmente il raddoppio dell’attuale discarica – si spiega nel comunicato di Legambiente – un incremento che per i decenni a venire conferma la Valdera e la parte meridionale della provincia di Pisa come il principale sito di smaltimento di rifiuti della Regione”.

“Poco più del 3% del territorio regionale in cui sono stati smaltiti finora il 50% dei rifiuti urbani e speciali dell’intera Regione manterrà in futuro questo ruolo, anche a seguito degli ampliamenti di altri impianti – descrive la situazione Legambiente – volumi meno imponenti rispetto a quello di Peccioli ma che sommati fra loro continueranno a fare della Valdera la destinazione finale di quello che l’economia circolare e la transizione ecologica non riusciranno a recuperare: amianto a Chianni, rifiuti urbani e speciali a Gello e a Scapigliato (nel comune di Rosignano ma vicino a Santa Luce), senza dimenticare l’ampliamento della discarica di Bulera nel comune di Pomarance, che ‘ospita’ rifiuti industriali e pericolosi con un grande via vai di Tir sulle strade della Valdera e della Val di Cecina”.

“Non di secondaria importanza inoltre i cospicui smaltimenti illegali, in alcuni comuni della Valdera, di fanghi di depurazione e di Keu (derivato dai fanghi conciari), al centro di indagini e azioni giudiziarie”.

Ora, prosegue la nota, “a ridosso delle festività e in un clima di preoccupazione per gli sviluppi dell’epidemia di Covid, la notizia del raddoppio della discarica pecciolese rischia di passare inosservata: a metà gennaio scadono i termini per presentare osservazioni sull’ampliamento, in un contesto che vede la Toscana carente di un Piano Regionale sui rifiuti. Piano in realtà in fase di elaborazione, ma curiosamente anticipato da tutti gli ampliamenti citati, di cui quello della discarica di Legoli è il più importante”. “Noi – conclude Legambiente – crediamo che sia necessario fermare questo nuovo ampliamento in attesa del Piano Regionale, che dovrà assumere il compito di gestire i rifiuti con priorità nei territori in cui vengono prodotti e che punti al massimo recupero delle risorse disincentivando i processi industriali ad alta produzione di rifiuti”.

“Questa ‘politica dei rifiuti’ – prosegue la nota di Legambiente – basata sull’ampliamento delle discariche esistenti, sostenuta da alcune amministrazioni locali e dalla Regione, che anticipa e condiziona l’elaborazione del Piano Regionale, che effetto avrà sull’altra Valdera, quella delle produzioni agricole di qualità, del turismo e dell’artigianato? Quella di tante imprese e di lavoratori che puntano sullo sviluppo locale e sulle qualità del territorio? E che ne sarà di tutte queste discariche per le quali – sebbene si cerchi oltre i limiti ad allungarne la vita per anni e anni – prima o poi arriverà il momento della dismissione?”.

“Siamo sicuri che si siano accantonate tutte le risorse economiche e le fidejussioni necessarie per gestire il post-mortem di queste ‘bombe ecologiche’, senza lasciarne in eredità il pesante fardello a figli e nipoti? Proprio sulla discarica Belvedere di Legoli – conclude Legambiente – non sono mai state rese note le fidejussioni accantonate”.

L'articolo Legambiente: “Necessario fermare ampliamento discarica di Peccioli” da www.controradio.it.

11Lune 2020 a Peccioli

11Lune 2020 a Peccioli

È giunta alla sua sedicesima edizione 11Lune a Peccioli, la rassegna che nel mese di luglio ospita grandi nomi del teatro e della musica, punto di riferimento nel panorama dell’intrattenimento dell’estate toscana. Scopri il programma!

La rassegna inaugura mercoledì 1 luglio con “Lo contagio dell’ammore”, testo e regia di Lorenzo Gioielli e con i ragazzi della Scuola di formazione del mestiere dell’attore – L’Oltrarno, diretta da Pierfrancesco Favino, che narrano di amori non corrisposti o impossibili, di tradimenti inevitabili e che generano sofferenza anche per i traditori stessi, ma anche di amori luminosi che trovano il coraggio di mostrarsi e di amori quieti che il tempo non può scalfire.

Venerdì 3 luglio Tiberio Timperi presenta “Il cacciatore di anime” l’ultimo romanzo di Romano De Marco, edito da Piemme Edizioni e ambientato a Peccioli.

Sabato 4 luglio presso il Centro Polivalente di Peccioli verrà inaugurata l’opera di Remo Salvadori “Nel Momento” con lo storico dell’arte e curatore Antonella Soldaini e il filosofo Massimo Venturi Ferriolo.

Martedì 7 luglio andrà in scena “Darling” di e con Sara Bosi con la supervisione artistica di Pierfrancesco Favino.

Giovedì 9 luglio Luca Sofri presenta Matteo Caccia e venerdì 10 Francesca Mannocchi nell’ambito del workshop estivo del Post.

Lunedì 13 e 27 luglio alle ore 11.00 presso la Biblioteca Comunale Fonte Mazzola si terrà il laboratorio musicale Interattivo LiberaMentEstate, per introdurre i bambini all’ascolto e alla conoscenza di due opere di Giacomo Puccini, Turandot e Bohème.

Martedì 14 luglio la compagnia Bohemians Arte e Musica metterà in scena “Duemila… e Musical” in cui ripercorreranno le canzoni più celebri dei musical messi in scena dal 2013 ad oggi.

Giovedì 16 luglio i ragazzi della Scuola di formazione del mestiere dell’attore L’Oltrarno ci delizieranno con “Freeing Shakespeare’s Voice”, una serata di gioia, liberazione e distanziamento sociale attraverso le parole di William Shakespeare e delle sue opere più note come “Romeo e Giulietta”, “Sogno di una notte di mezza estate”, “Macbeth”, “Come vi piace”, “Misura per Misura”, “Enrico V” e altri.

Martedì 21 luglio Mogol insieme a incredibili musicisti ripercorreranno le canzoni, i racconti e le emozioni da Lucio Battisti a oggi in “Mogol racconta Mogol”.

Giovedì 23 e 28 luglio sarà possibile visitare, in occasione delle Notti dell’Archeologia, lo scavo archeologico di Ghizzano.

Venerdì 24 luglio l’Accademia Musicale Alta Valdera e la Corale Valdera con la direzione di Simone Valeri, metteranno in scena una rassegna di arie e cori d’opera, una galleria di impressioni musicali tratte dalle più belle pagine del melodramma, dal titolo “Peccioli Opera Festival Story”.

Martedì 28 luglio sarà la volta dell’attesissimo Filippo Neviani, in arte Nek, in un concerto di chitarra e voce.

11Lune 2020 si concluderà venerdì 31 luglio con “Top of The Rock”, un concerto della Filarmonica di Peccioli per festeggiare i 150 anni dalla fondazione.

L’immagine 2020 è firmata da Leonardo Baldini, affermato fotografo e post produttore toscano. INFO

L'articolo 11Lune 2020 a Peccioli proviene da www.controradio.it.

“Cosa sarà”: una serie di incontri a cura di Pensavo Peccioli

“Cosa sarà”: una serie di incontri a cura di Pensavo Peccioli

Dal 4 maggio la kermesse on line “Cosa sarà”. Jovanotti, Peppe Vessicchio, Giorgio Gori, Nadia Terranova, Marco De Michelis, saranno intervistati da Luca Sofri, Riccardo Luna, Marianna Aprile, Chiara Alessi, Giacomo Papi

 

Il festival si farà online con il titolo “Cosa sarà”, con la direzione artistica di Luca Sofri.  Un palinsesto fatto di appuntamenti quotidiani dal lunedì al venerdì, dalle 18 alle 19, ogni settimana. Presentazioni, discussioni, interviste, faccia a faccia, lezioni, tutte aggregate in un festival permanente. Fino a che sarà necessario.

Il direttore Luca Sofri: “Pensavo Peccioli si è presa un po’ di tempo per tornare a discutere di cosa sta succedendo: abbiamo riflettuto, aspettato, guardato in giro sui nostri schermi, e dopo due mesi ci siamo fatti un’idea di quello che potrebbe essere utile e interessante. Ovvero provare un po’ a capire cosa sta succedendo ma anche cosa succederà, adesso che una condizione che poteva sembrare temporanea ed eccezionale sembra più duratura e che abbiamo qualche elemento di comprensione in più. E farlo conservando il progetto di parlare con persone che fanno cose importanti o belle, o importanti e belle, come è nelle vecchie intenzioni di Pensavo Peccioli. Si chiama Cosa Sarà, e a tutte le cose palesi che evoca questo titolo aggiungo quel verso della canzone, su “questo strano coraggio o paura che ci prende”.

Cinque giorni alla settimana, cinque conduttori, cinque tematiche e cinque ospiti. Questi sono gli appuntamenti della prima settimana:

Lunedì 4 maggio Marianna Aprile intervista Peppe Vessicchio

Martedì 5 maggio Luca Sofri intervista Jovanotti

Mercoledì 6 maggio Giacomo Papi intervista Nadia Terranova

Giovedì 7 maggio Riccardo Luna intervista Giorgio Gori

Venerdì 8 maggio Chiara Alessi intervista Marco De Michelis

Per sapere di più su Cosa sarà. La Kermesse on line a cura di Pensavo Peccioli

www.pensavopeccioli.it | e-mail info@pensavopeccioli.it

Segui le dirette su:

Facebook @PensavoPeccioliFestival

Youtube @FondazionePeccioliper

L'articolo “Cosa sarà”: una serie di incontri a cura di Pensavo Peccioli proviene da www.controradio.it.