Un cappotto per i meno fortunati dall’idea “Muro della gentilezza”

Un cappotto per i meno fortunati dall’idea “Muro della gentilezza”

Uno spazio nel quale chi ha bisogno potrà prendere cappotti e sciarpe per proteggersi dal freddo: è il primo ‘Muro della gentilezza’ che nasce a Pistoia e che sarà inaugurato sabato nella biblioteca San Giorgio dal sindaco Alessandro Tomasi.

L’idea, nata dai giovani dell’Associazione Fondo Marco Mungai, che ha coperto le spese per l’allestimento dello spazio, prende le mosse dall’esperienza che dalla città di Mashad, in Iran, si è diffusa in tutto il mondo, invitando le persone a non buttare i capi d’abbigliamento in più, ma a metterli a disposizione di chi vive per strada o non ha la possibilità economica di comprarsi un cappotto o una sciarpa per ripararsi dal freddo.
‘Se non ne hai bisogno, lascialo. Se ne hai bisogno, prendilo’, questo lo slogan che accompagna l’iniziativa.
“Il mio ringraziamento va al Fondo Marco Mungai – evidenzia Tomasi – che ha il merito di aver portato a Pistoia un’iniziativa lodevole, importante e piena di significato. Il luogo scelto per realizzarla – la biblioteca San Giorgio – è sicuramente ideale: un luogo di cultura frequentato ogni giorno da tantissimi giovani, sede di moltissime iniziative che arricchiscono la nostra città. Quella del muro della gentilezza è un’idea utile che potrà insegnarci qualcosa”.
L’Associazione che ha promosso l’iniziativa, nata da un gruppo di giovani per ricordare Marco Mungai, scomparso nel 2014 a 22 anni in un tragico incidente stradale, collabora con la biblioteca San Giorgio alimentando annualmente l’acquisto di libri. “Si tratta di una iniziativa di solidarietà piccola ma concreta – afferma Gabriele Sgueglia, membro dell’Associazione Fondo Marco Mungai e promotore dell’idea – che dal basso intende contribuire a riequilibrare le disparità tra le persone, offrendo gratuitamente a chi non ce la fa da solo l’opportunità di ripararsi meglio dal freddo invernale”.
A marzo, con l’arrivo della primavera, lo stender sul quale i cappotti saranno esposti sarà svuotato e i capi eventualmente avanzati saranno consegnati alla Caritas di Pistoia.

L'articolo Un cappotto per i meno fortunati dall’idea “Muro della gentilezza” proviene da www.controradio.it.

Incendio mansarda a Pistoia, morto uomo e soccorse due donne

Incendio mansarda a Pistoia, morto uomo e soccorse due donne

Per un incendio in una mansarda ad Agliana (Pistoia) un uomo di 80 anni è morto e due donne sono state soccorse dai vigili del fuoco e portate in ospedale dal 118 per accertamenti sanitari.

Ingenti i danni alla struttura. Sul posto anche i carabinieri. L’incendio si è sviluppato in uno stabile di via Livorno. Quando i pompieri sono entrati nell’abitazione per le operazioni di spegnimento hanno trovato il cadavere dell’anziano e messo in salvo le due donne.

L'articolo Incendio mansarda a Pistoia, morto uomo e soccorse due donne proviene da www.controradio.it.

Scoperta banda furti in casa, 4 misure cautelari

Scoperta banda furti in casa, 4 misure cautelari

I carabinieri di Prato hanno sgominato una banda ritenuta responsabile di furti in abitazione nelle province di Pistoia, Pisa, Prato e Firenze. Le indagini, coordinate dalla magistratura pistoiese, hanno portato alla notifica di due misure di custodia cautelare in carcere e due obblighi di dimora, destinatari tutti uomini di origine albanese domiciliati a Prato e a Monsummano Terme, età tra i 25 e i 35 anni.

Almeno otto i furti addebitati alla banda, operati tra febbraio e luglio scorsi, con bottini di preziosi – tra cui orologi Rolex e diamanti-, contanti e auto rubate alle vittime. Tra i quattro destinatari delle misure anche due fratelli.

L'articolo Scoperta banda furti in casa, 4 misure cautelari proviene da www.controradio.it.

Emergenza ungulati. Pistoia, parte Guardia Venatoria Volontaria

Emergenza ungulati. Pistoia, parte Guardia Venatoria Volontaria

Consegnate a Pistoia le prime pettorine per gli interventi di controllo della Guardia Venatoria Volontaria della Cia Toscana Centro. L’intenzione è quella di estendere l’attività anche nelle province di Firenze e Prato.

La nuova – e prima per quest’area – guardia venatoria volontaria targata Cia è Federico Innocenti di Lamporecchio (PT), che ha superato l’esame della Regione Toscana e può così iniziare a coadiuvare la polizia provinciale per il contenimento degli ungulati e fauna selvatica che da troppi anni flagellano le campagne pistoiesi e toscane.

«Si inizia con questa esperienza nella provincia di Pistoia – sottolinea Sandro Orlandini, presidente Cia Toscana Centro -, cercando anche noi agricoltori, i più danneggiati da questa situazione, di dare un contributo concreto all’annosa problematica degli ungulati».

«Se, come crediamo ed auspichiamo – aggiunge Lapo Baldini, direttore Cia Toscana Centro -, l’attività venatoria volontaria si dimostrerà positiva, la estenderemo anche alle altre province di nostra competenza, ovvero Firenze e Prato».

Il tesserino di “guardia giurata volontaria, in ambito venatorio”, rilasciato ad Innocenti, ha una validità di 5 anni e permetterà di effettuare abbattimenti ad ungulati in base alla legge regionale con l’obiettivo di ridurre il numero di capi presenti nelle campagne e nelle aree coltivate. Fra i compiti, inoltre, quello di interventi di controllo sui danni alle colture agricole; ma anche quello di vigilare sulla corretta applicazione della legge regionale della caccia.

L'articolo Emergenza ungulati. Pistoia, parte Guardia Venatoria Volontaria proviene da www.controradio.it.

Autostrada A11 chiusa per cattura animali selvatici

Autostrada A11 chiusa per cattura animali selvatici

Firenze, l’autostrada A11 Firenze-Pisa Nord rimarrà chiusa, oggi domenica 10 novembre, dalle ore 6:00 alle ore 12:00, per circa 25 chilometri tra Prato Ovest e Montecatini Terme (Pistoia) così da consentire la cattura di animali selvatici, in particolare cinghiali, nei territori circostanti dove sono molto proliferati con potenziale rischio anche per gli automobilisti.

In particolare, lo stop alla circolazione sull’autostrada A11, è stato disposto dalla prefettura di Pistoia su richiesta della Regione Toscana, è necessario per catturare numerosi animali selvatici presenti nella zona, in particolare cinghiali, ma anche caprioli.

Con riferimento proprio ai caprioli la Regione ha già specificato che “saranno catturati esclusivamente tramite reti, alla presenza di personale professionista e di medici veterinari ed è esclusa la presenza di cacciatori. I capi saranno poi liberati in aree montane a divieto di caccia del comprensorio limitrofo”.

L'articolo Autostrada A11 chiusa per cattura animali selvatici proviene da www.controradio.it.