Retata a Pistoia per contrastare lo spaccio

Retata a Pistoia per contrastare lo spaccio

Una retata a Pistoia condotta da 100 carabinieri per contrastare lo spaccio nella zona di Quarrata ha portato a 20 misure cautelari.

Questa mattina si è svolta una retata a Pistoia per contrastare lo spaccio. Sono stati impiegati più di 100 carabinieri e la retata ha portato all’esecuzione di 20 ordinanze di custodia cautelare (5 in carcere, 9 agli arresti domiciliari e 6 obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria), perquisizioni e controlli nei confronti di soggetti ritenuti a vario titolo responsabili di un’attività di spaccio, svolta principalmente nel comune di Quarrata.

Secondo le indagini, coordinate dalla procura di Pistoia, l’attività di spaccio avveniva attraverso telefonate dal contenuto criptico, con una specie di codice, ma evidentemente ben conosciuto dagli interessati. I clienti utilizzavano termini come “una gallina, un caffè, una marmitta” per descrivere le tipologie e le quantità delle sostanze che desideravano acquistare. Gli appuntamenti venivano poi fissati nel giro di pochi minuti e quasi sempre negli stessi luoghi ovvero: nei giardini pubblici del centro di Quarrata, vicino alla chiesa parrocchiale, nella zona del campo da basket e persino nei giardini confinanti con una scuola media.

Le cessioni al dettaglio venivano perlopiù effettuate da italiani, ciascuno dei quali aveva proprie zone di competenza e platee di clienti. La retata a Pistoia ha permesso di concludere che per l’approvvigionamento della droga, i principali fornitori di hashish e marijuana e in alcune occasioni anche di cocaina erano marocchini. L’operazione di stamani ha visto coinvolte anche le unità cinofile di Firenze e il 4/o nucleo elicotteri di Pisa.

L'articolo Retata a Pistoia per contrastare lo spaccio proviene da www.controradio.it.

Vende preservativi scaduti, denunciata negoziante a Quarrata

Vende preservativi scaduti, denunciata negoziante a Quarrata

I carabinieri di Quarrata hanno denunciato una commerciante cinese di 42 anni perché a seguito di un controllo nel suo esercizio i militari hanno trovato prodotti in vendita scaduti di validità; tra questi 12 confezioni di preservativi.

I prodotti erano doppiamente scaduti, perché sulle scatole era stata apposta un’etichetta posticcia con una nuova data di scadenza oltre quella originaria, e che era anch’essa, la seconda scadenza, scaduta.

La merce – 113 deodoranti spray di varie marche (scaduti nel 2018), 11 confezioni di salviette igienizzanti (nel 2001) e le 12 confezioni di preservativi (nel 2013 con etichetta posticcia di scadenza 2018) – è stata posta sotto sequestro.

L'articolo Vende preservativi scaduti, denunciata negoziante a Quarrata proviene da www.controradio.it.